Gorbachev del liberalismo? Quanto il trumpismo internazionale può incrinare il dogmatismo liberale?

Cliccare di seguito per leggere l’articolo:

2016-8-25 – Gorbachev del liberalismo

***

untitled

9 Commenti a "Gorbachev del liberalismo? Quanto il trumpismo internazionale può incrinare il dogmatismo liberale?"

  1. #ARAI DANIELE   25 Agosto 2016 at 5:20 pm

    La verità per cui «la Perestrojka (ricostruzione) di Gorbachev fu un grande tentativo di riforma di ciò che non era riformabile» fu contraddetta da un altro liberale: Karol Wojtyla. Falso, quindi, che lui sia stato insieme a Regan l’affossatore del comunismo. No, a lui dobbiamo la sua giustificazione e infiltrazione liberale, che perdura, modello conciliare, in mezzo mondo.

    Rispondi
    • #A. Giacobazzi   25 Agosto 2016 at 5:46 pm

      Il comunismo in buona parte si è affossato da solo, era troppo “sincero” e fideistico per durare a lungo. Solve et coagula.

      Rispondi
  2. #ARAI DANIELE   25 Agosto 2016 at 7:36 pm

    Il comunismo troppo “sincero” e fideistico forse si è affossato da solo in Europa, ma i suoi errori per il cambiamento culturale gramsciano dura a lungo perché giustificato e infiltrato per via gesuítica, e non solo perfino in America Latina. È nella storia del Foro di S.Paulo covato nella Cuba di Castro, che ha preso il potere in paesi come il Brasile: Lula e Dilma; Venezuela: Chavez y Maduro; Bolivia, Equador…
    Che affossi i suoi errori micidiali, intrinsecamente perversi, da quelle parti è da sperare, ma non lo sarà finché dura l’influenza conciliare dei vari Boff, per non parlare di Bergoglio… È il solve et coagula a lungo termine. Ma tutto è nelle mani della Provvidenza, che ci ha dato Fatima.

    Rispondi
    • #Blanca Briceno   9 Novembre 2016 at 2:58 pm

      #Arai Daniele: grazie per questo commento. Consideriamo (noi, AiresVen-resistenza propositiva nonviolenta venezuelana) che il Foro di Sao Paolo con castrò in testa segni l’involuzione di tutto un continente e in particolare del Venezuela, mio paese. Tirannide criminale e criminogena, necrofila e affammante fino al olocausto del popolo venezuelano e al suo lento esterminio per fame, denutrizione e mala sanità. Nati come gruppo cristiano di preghiera, conformiamo un gruppo politico, in ascolto del Signore. DtB. Blanca Briceno

      Rispondi
  3. #Nicòla   25 Agosto 2016 at 8:52 pm

    Questo è un punto di una certa importanza: nessuna delle persone elencate è cattolica, eccezion fatta per la Le Pen.
    Siete certi che Marine Le Pen sia cattolica? Sapevo che la nipote Marion lo è, ma lessi anni fa, se non sbaglio nella rassegna stampa che accompagnava Sodalitium negli anni ’90 che Jean Marie e Marine sono calvinisti. Certamente entrambi pluri-divorziati

    Rispondi
  4. #Fabio   26 Agosto 2016 at 10:51 am

    E se Bergoglio fosse il Gorbaciov della Chiesa? Non ci riuscirà ma sembra darsi un gran da fare…..

    Rispondi
    • #jeannedarc   26 Agosto 2016 at 11:23 am

      Per la Chiesa vale il “non praevalebunt”, che non vale per tutto il resto.

      Rispondi
  5. #Fabio   27 Agosto 2016 at 6:13 am

    X Jeannedarc: sono d’accordo sul ‘non prevalebunt’ nel caso della Chiesa ed infatti ho scritto che Bergoglio non riuscirà a distruggerla. Ma che si stia impegnando a farlo mi sembra fuori discussione

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.