Fatela finita. Nominate un Commissario per Roma.

 

1472974086-raggi-murarodi Danilo Quinto

Nella capitale non si vive un caos, come dicono. Si vive una situazione fuori da qualsiasi logica politica, civile, umana. Una situazione allucinante, da interrompere subito.

Mentre si assiste ad un teatrino quotidiano, la città è del tutto abbandonata, nei suoi elementari servizi: i trasporti, i rifiuti, la manutenzione delle strade, del verde, la sicurezza, il traffico. La lista è lunghissima e riempirebbe pagine e pagine. Da corollario, ci sono i mendicanti, i Rom, le catene di negozi e bancarelle gestiti da stranieri che inondano la città e fanno i padroni.

Al di là delle inchieste della magistratura, delle dimissioni di assessori di primo piano, di altri assessori indagati che rimangono al loro posto, delle nomine di nuovi personaggi le cui ragioni non si comprendono, non si può attendere oltre. Non per un generico richiamo alle regole che lascia il tempo che trova – ma per quei principi morali che dovrebbero essere alla base di una qualsiasi convivenza civile.

A Roma, non c’è nessun banco di prova da sostenere per il Movimento 5 Stelle, che non può divenire un partito – come sostengono alcuni – sulla pelle dei cittadini. C’è da prendere atto che la politica sta fallendo oggi – con un Sindaco che ha raccolto milioni di voti e non ha realizzato nulla in 100 giorni, facendo solo aggravare la situazione che si viveva prima – come ha fallito almeno nei vent’anni precedenti, con amministrazioni di centrodestra e di centrosinistra, che sono state fotocopie l’una dell’altra.

Come alcuni avevano sottolineato – e noi tra questi – a Roma le elezioni di rinnovo dell’amministrazione comunale non dovevano essere fatte. Dopo i fatti gravissimi accaduti durante il regno della giunta di Ignazio Marino e le successive dimissioni, era stato nominato un Commissario per l’ordinaria amministrazione. Quel Commissario – inteso come incarico istituzionale – doveva essere confermato per almeno dieci anni. Tanto è il tempo che occorre – per andare cauti – per tentare di bonificare quello che si può bonificare: per ridurre e tendenzialmente annullare tutti i condizionamenti che operano nelle città, per risanare il bilancio comunale, per realizzare cose umili, ragionevoli, che affrontino la situazione di degrado che ormai appare come irreversibile. Non c’è bisogno di attendere le dimissioni di Virginia Raggi, mentre Roma muore. Dovrebbe essere il Prefetto di Roma a disporre l’immediato scioglimento del Consiglio Comunale. Ce ne sono tutte le condizioni. Che cosa deve accadere ancora perché si provveda?

Roma, per la sua storia, per la sua bellezza, ha diritto a rinascere. Il suo destino è molto simile a quello del paese intero, che non ha futuro perché non è in grado neanche di immaginarlo. Si vive alla giornata, tra un terremoto e l’altro, tra uno scandalo e l’altro, tra una malversazione e l’altra, tra vaghe promesse di riforme e un voto referendario che si profila come inutile, tra un debito pubblico che grava come un macigno sulle prossime generazioni e speranze di sopravvivenza che non esistono già oggi per molti, tra  l’arte di arrangiarsi e di accettare tutto, perché in fondo conviene e nessuna indignazione che compare all’orizzonte.

8 Commenti a "Fatela finita. Nominate un Commissario per Roma."

  1. #lister   6 settembre 2016 at 11:18 am

    La colpa è di quel mezzo rinco di Berlusconi che prima punta su Bertolaso, poi si accorge che è indagato e allora punta su Marchini (?) per far dispetto alla Meloni che, invece, con l’appoggio di FI, avrebbe stravinto.
    Oggi ci teniamo quest’accozzaglia di ragazzini incapaci, agli ordini di un comico -condannato per omicidio colposo plurimo- che più incapace non si può.

  2. #bbruno   6 settembre 2016 at 12:32 pm

    “Roma, per la sua storia, per la sua bellezza, ha diritto a rinascere”

    Sì, ma dove sono gli uomini che hanno fatto quella storia e quella bellezza???.

  3. #Maria   6 settembre 2016 at 3:37 pm

    Abbiamo di questi uomini; incapaci,forse senza nessuna colpa, a risolvere problemi più ” grandi ” di loro: ma non ce la faranno.E problema di aggiungerà a problema……La nostra bella ” città eterna” sepolta da tanta sporcizia….

    • #lister   6 settembre 2016 at 6:50 pm

      “…sepolta da tanta sporcizia….”

      Vabbèh, mo non esageriamo!!!

  4. #gaspare   6 settembre 2016 at 9:32 pm

    diamo tempo al tempo ,qualcosa di buono lo stanno facendo Roma non fù costruita in un giorno,certo la lega dovrebbe occuparsi della gestione immigrati ma credo che tra un paio di mesi miglioreranno,non è facile quando hai tutti i livelli di mafia contro.e poi quale commissario che ha fatto tronca e cantone che gioca con la mariuana,vedrei Gratteri utile ma penso che De Dominicis sia una buona scelta.

  5. #Barbara   6 settembre 2016 at 10:18 pm

    Forse non abiti a Roma. Quel commissario non ha fatto una beata fava: talmente eravamo abbandonati, da rimpiangere Buzzi che almeno puliva.
    Piuttosto che Tronca, meglio Alemanno Marino Raggi o anche il mio gatto. Il mio gatto dà segnali di vita, contrariamente al commissario.

    • #lister   8 settembre 2016 at 11:34 am

      😀 😀 😀

  6. Pingback: Fatela finita. Nominate un Commissario per Roma – controinformazione.info