Un sonetto contro il Liberalismo

carnevale

Il Liberalismo

Sonetto di G. Poli (pubblicato nella raccolta “Alla riscossa. Eco al grido di Leone XIII”, Treviso, 1893)

Dottrina glacial che tutti uccide
i magnanimi sensi e, con beffardo
sogghigno, quel che non è freddo e tardo,
com’essa vuol, malignamente irride;

Che al Ben, ch’oltra la tomba all’uomo arride,
lancia, sprezzante, il miscredente dardo
e, spentavi la Fè, pigro e codardo
rende il misero cor ch’Ella conquide;

Crittogama crudel che assidua sugge
dei popoli la vita, ombra funesta
che del campo cristian le messi adugge;

Ecco la smorta imagine del brutto
esizial Sistema, onde la mesta
mia patria or coglie così amaro il frutto.

Testo raccolto a cura di Piergiorgio Seveso

Ricordiamo l’imprescindibile testo di Sarda y Salvany recentemente ripubblicato dalla nostra casa editrice e reperibile sul nostor sito e in tutte le librerie:  http://www.edizioniradiospada.com/component/virtuemart/ecommerce/il-liberalismo-e-peccato-detail.html?Itemid=0

Rispondi