Chiesa: collaboratori Clinton già nel 2012 parlavano di ‘PRIMAVERA CATTOLICA’ su modello liberale ‘Primavere arabe’

obama-bergoglio-620x372

Già nei giorni scorsi abbiamo dato alcune anticipazioni – puntualmente taciute – dai principali organi di stampa, sulle affermazioni anticattoliche dello staff Clinton [Nuovi dati Wikileaks: lo staff della Clinton scriveva messaggi chiaramente anticattolici]. Ora, diamo spazio ad una notizia ancora più sconcertante, riferita da Wikileaks e diffusa in lingua italiana soto forma di articolo dall’Osservatore Politico. Sottolineature e grassettature nostre [RS]

“I semi della rivoluzione: Chiesa Cattolica dittatura medievale. Necessaria una rivolta contro i vescovi da parte degli stessi fedeli”. Wikileaks ha pubblicato la corrispondenza privata tra il responsabile della campagna di Hilary Clinton, John Potesta, e l’attivista di sinistra Sandy Newman.

WASHINGTON – Messaggi di posta elettronica dall’account di John Podesta, attuale manager della campagna elettorale di Hillary Clinton, rilasciati da WikiLeaks mostrano che nel mese di febbraio del 2012, John Podesta e il presidente di Voices for Progress, Sandy Newman, hanno discusso come “piantare i semi della rivoluzione” all’interno della Chiesa cattolica, soprattutto in un momento in cui I vescovi cattolici si sono opposti alla legge sui contraccettivi Health and Human Services nel cosiddetto Obamacare.

Newman, attivista di sinistra, auspica una “primavera cattolica”, come le “primavere arabe”, contro i Vescovi degli Stati Uniti a proposito della loro opposizione alla contraccezione HHS.

John Podesta ammette l’aiuto ad un gruppo di “progressisti” per infiltrarsi nella Chiesa e per assumere un ruolo attivo nel provocare una rivolta cattolica liberale contro i Vescovi degli Stati Uniti.

L’ email  indica come i cosiddetti gruppi “cattolici” di agitazione per il cambiamento nella Chiesa furono formati per assistere il movimento nel minare l’insegnamento della Chiesa, ma rivela che al momento un’appropriata leadership  non era ancora pronta per raggiungere questo obiettivo.

Sandy Newman il 10 febbraio 2012 scrive a Podesta un thread di posta elettronica con il soggetto “Apertura per una primavera cattolica? …”

“Ciao John,

Tutta questa polemica con i vescovi che si oppongono alla copertura contraccettiva, anche se il 98% delle donne cattoliche (e dei loro partner coniugali) hanno utilizzato la contraccezione, mi ha fatto pensare. . . Ci deve essere una primavera cattolica, in cui i cattolici stessi chiedono la fine di una dittatura medioevale e l’inizio di un po’ di democrazia e di rispetto per la parità di genere nella chiesa cattolica. È la copertura contraccettiva un argomento intorno al quale potrebbe accadere. I Vescovisenza dubbio continueranno la lotta. Il supporto dell’Associazione degli Ospedali Cattolici alla nuova politica dell’amministrazione, insieme “al 98%”, crea un’opportunità?

Naturalmente, questa idea può solo rivelare la mia totale mancanza di comprensione della Chiesa cattolica ………..  Anche se l’idea non è folle, io non sono qualificato per essere coinvolto e non ho pensato affatto a come si potrebbero “piantare i semi della rivoluzione”, o chi li dovrebbe piantare. Mi domando solo…

Sperando che stai bene e che riesca a mettere a fuoco il tuo tempo nei modi desiderati.

Sandy Newman, Presidente Voices for Progress”

Podesta così rispose a Newman il successivo 11 febbraio 2012:

“Abbiamo creato i Cattolici in Alleanza per il Bene Comune per organizzare un momento come questo.

Ma penso che manca la leadership per farlo ora. Allo stesso modo i Cattolici Uniti. Come la maggior parte dei movimenti delle Primavere, penso che questo dovrà essere dal basso verso l’alto. Parlerò con Tara. Kathleen Kennedy Townsend è l’altra persona da consultare.”

Fonti in lingua inglese:
wikileaks.org
breitbart.com

4 Commenti a "Chiesa: collaboratori Clinton già nel 2012 parlavano di ‘PRIMAVERA CATTOLICA’ su modello liberale ‘Primavere arabe’"

  1. #bbruno   16 ottobre 2016 at 3:50 pm

    ricordarsi anche che i primi a parlare di ‘primavera’ per la chiesa non sono stati quelli della cerchia Clinton, nel 2012, ma i bei discorsi di un tale papa di nome Roncalli, la radice grassa di tutti i mali dei cattolici….

    Rispondi
  2. #lister   18 ottobre 2016 at 4:42 pm

    …e nel 2013 ti hanno fatto “papa” il Perito chimico: tutto calcolato.

    Rispondi
  3. #bbruno   12 gennaio 2017 at 7:05 pm

    e da qui sia arriva ,naturalmente, alla defenestrazione di Ratzinger (che per quanto disastrato in dottrina, alle forme ci teneva ancora, i famosi ‘valori non negoziabili’…), e all’impianto di vaticano dell’attuale \bergoglio, appunto la leadership di cui avevano bisogno… Osservate le date: queste lettere e questi propositi di Primavere arabe in salsa cattolica sono del febbraio 2012- esattamente un anno dopo- febbraio 2013- Ratzinger ‘dà le dimissioni’, cioè viene defenestrato…Analogamnmente a quello che era avvenuto in Algeria Tunisia Egitto e per fortuna solo tentato in Siria…

    Quindi tutto calcolato, dici bene # lister…

    Rispondi
  4. #bbruno   12 gennaio 2017 at 10:29 pm

    …e all’impianto IN vaticano…

    Rispondi

Rispondi