Bergoglio conferma ciò che abbiamo sempre detto: ‘è il cammino del Concilio, non sono io’

bergoglio

 

Da Francesco proviene la più autorevole conferma di quanto Radio Spada afferma, suscitando talvolta lo “scandalo” di tanti “ingenui” più o meno in buona fede, da anni: a) Bergoglio è pienamente consapevole di ciò che compie, non è “mal consigliato”; b) la dottrina cattolica è per il modernista una “opinione” alla pari di tutte le altre; c) il rigore cattolico è “rigidità” che – freudianamente – cela un’insicurezza personale; d) Bergoglio non innova, COMPIE ciò che in nuce era già pienamente contenuto nel Concilio Vaticano II, in barba a chi desidera contrapporlo ai predecessori; e) conferma appieno la “stima” per l’eresiarca Lutero, senza il minimo ripensamento o sconto; f) il modernista vede la Chiesa non come società perfetta ma come “processo” e “cammino” in cui nulla è “garantito a priori”. Buona lettura! [RS]

 

Qualcuno dice che si vuole protestantizzare la chiesa?Non mi toglie il sonno. Io proseguo sulla strada di chi mi ha preceduto, seguo il Concilio”. Risponde così, Papa Francesco, alla domanda che Stefania Falasca, nell’ampia intervista pubblicata oggi da Avvenire, gli ha posto circa l’idea che i ripetuti incontri ecumenici portino a “svendere la dottrina”. Bergoglio precisa: “Quanto alle opinioni, bisogna sempre distinguere lo spirito col quale vengono dette. Quando non c’è un cattivo spirito, aiutano anche a camminare. Altre volte si vede subito che le critiche che prendono qua e là per giustificare una posizione già assunta, non sono oneste, sono fatte con spirito cattivo per fomentare divisione. Si vede subito che certi rigorismi nascono da una mancanza, dal voler nascondere dentro un’armatura la propria triste insoddisfazione. Se guardi il film ‘Il pranzo di Babette’ c’è questo comportamento rigido”.

Francesco difende i recenti incontri ecumenici, che nulla hanno a che vedere in modo diretto con l’Anno della misericordia avviato alla conclusione. “E’ il cammino del Concilio che va avanti, s’intensifica. Ma è il cammino, non sono io. Questo cammino è il cammino della chiesa”. Il Pontefice, ricordando Benedetto XVI, ha ribadito che la chiesa non cresce mai per proselitismo, ma per attrazione. “Il proselitismo tra cristiani quindi è in se stesso un peccato grave, perché contraddice la dinamica stessa di come si diventa e si rimane cristiani. La chiesa non è una squadra di calcio che cerca tifosi”.

Il male più grande – che per il patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I è la penetrazione di un pensiero mondano nella chiesa – è “darsi gloria l’un l’altro”, osserva Francesco. Questo, aggiunge, “è il cancro nella chiesa. Se uno non sa chi è Gesù, o non lo ha mai incontrato, lo può sempre incontrare; ma se uno sta nella chiesa, e si muove in essa perché proprio nell’ambito della chiesa coltiva e alimenta la sua fame di dominio e affermazione di sé, ha una malattia spirituale, crede che la chiesa sia una realtà umana autosufficiente, dove tutto si muove secondo logiche di ambizione e potere”.

“Nella reazione di Lutero c’era anche questo: il rifiuto di un’immagine di chiesa come un’organizzazione che poteva andare avanti facendo a meno della Grazia del Signore, o considerandola come un processo scontato, garantito a priori. E questa tentazione di costruire una chiesa autoreferenziale, che porta alla contrapposizione e quindi alla divisione, ritorna sempre”.

 

 

 

Fonte: ilfoglio.it

 

 

20 Commenti a "Bergoglio conferma ciò che abbiamo sempre detto: ‘è il cammino del Concilio, non sono io’"

  1. #bbruno   18 novembre 2016 at 5:59 pm

    “ecco, boh, io me ne faccio un baffo della dottrina (cattolica), io seguo il concilio(marrano)..”.e chi ne aveva dubbi???

    Ma lui dice di avere un “buono spirito”..Certo certo quello stesso spirito che ha trovato in Lutero ( e che si è travasato nel Concilio (marrano). e ha dato vita allaa Chiesa Marrana….

    Vada all’inferno, li e il suo concilio. Anchio di questo e di lui me ne faccio un baffo, anzi me-ne-frego…

    Attendo i quattro dell’ Ave Maria….

    Rispondi
  2. #Alessio   18 novembre 2016 at 8:38 pm

    Vero, è il cammino dell’infamissimo “concilio”, ma di quest’evento storico tragico Bergoglio è certamente il frutto più marcio.

    Rispondi
  3. #bbruno   18 novembre 2016 at 9:05 pm

    “Il proselitismo tra cristiani quindi è in se stesso un peccato grave, perché contraddice la dinamica stessa di come si diventa e si rimane cristiani. La chiesa non è una squadra di calcio che cerca tifosi”.

    quindi un cristiano che riconosce il papa e uno che lo ripudia, un cristiano che crede nella messa sacrificio e l’altro nella messa pura memoria, chi nella confessione e chi no, chi nella sola fides e chi nelle fides più le opere, chi nel purgatorio e chi no, chi nella predestinazione e chi nella libera scelta, chi nella Unità e Trinità di Dio e chi solo nella sua Unità, chi nel sacerdozio mimnisteriale e chi nel sacerdozio popolare….. e via elencando , manifestano solo una dinamica cristiana del tutto logica, e guai a quel cristiano che osasse contraddirla!

    Questo à bevuto del tutto, COLLI ROMANI…

    Rispondi
  4. #Diego   19 novembre 2016 at 2:48 am

    Che l’ereticissimo Bergolio si vergogni!
    “Il proselitismo tra cristiani quindi è in se stesso un peccato grave”: l’eresiarca che accetta l’adulterio (caso per caso), le eresie e i sodomiti, si inventa un nuovo “peccato mortale”.
    Caro il mio apostata Bergoglio, io cercherò di commettere il più maggior numero possibile di “peccati mortali” di proselitismo: è con simili “peccati” che parecchie persone si sono santificate!

    Questo eresiarca ha sovvertito tutto: si è inventato una nuova morale, depennando i VERI peccati e aggiungendo ciò che peccato non è (peccati ecologici) o che è addirittura virtuoso (convertire al cattolicesimo i non cattolici): vuole proseguire sulla sua strada fino all’Inferno? Nessun vero cattolico lo seguirà!

    Nessun dubbio sul fatto che la radice marcia di tutto ciò è il conciliabolo e che i predecessori di Bergoglio hanno ENORMI responsabilità sul marciume attuale.

    Rispondi
    • #bbruno   19 novembre 2016 at 10:15 am

      e lo si riconosce Santo Padre e Vicario di Cristo anche da tanti che lo contestano…Te lo credo che fa lo smargiasso! CHE SIA PUBBLICAMENTE ANATEMIZZATO, se si hanno le palle! Altro che mezze vie…(Attendiamo i Quattro, si sa, non è mai troppo tardi…).

      Rispondi
    • #Catholicus   19 novembre 2016 at 5:17 pm

      Caro Diego, ma in quell’occasione Bergoglio ne ha sparata un’altra, come avrai letto, e cioè che ” il ritorno di quelli che si sono allontanati dalla Chiesa Cattolica, come affermato sino a cinquant’anni fa da tutti i papi, è un peccato grave”. Ma cos’ha in testa quell’uomo? a cosa mira ? e i suoi preti, sono tutti incapaci di intendere e volere? non credono più che Gesù Cristo è l’unico Salvatore del mondo ? forse per loro è solo uno tra i tanti, ma allora non possono più dirsi cristiani, né tantomeno cattolici. Se non annunciano la Redenzione a tutte le genti (musulmani, ebrei, induisti, buddisti, zoroastriani, ecc.), col Decalogo e i 2 misteri fondamentali della nostra fede (1° Incarnazione, passione, morte e resurrezione di NSGC 2° unità e trinità di Dio) non posso più considerarli miei pastori e maestri, né tantomeno ascoltarli e seguirli.

      Rispondi
      • #Diego   19 novembre 2016 at 7:34 pm

        Carissimo Catholicus, Bergoglio è eretico da far schifo e la maggioranza dei “cattolici” non se ne accorge neppure!
        Non riesco a trovare la frase da te citata, forse era solo un commento di Emanuele scritto sul sito Agerecontra, comunque Bergoglio resta indifendibile: è molto peggio di un eretico, sembra essere un ateo o uno che si è inventato una religione a sua immagine e somiglianza…e sembra pure in malafede perché continua a cianciare di misericordia su di alcuni peccati ma attacca senza pietà i poveri politici corrotti (che non sono peggio degli adulteri, e che sono immensamente meglio degli abortisti e dei sodomiti): se fosse in buona fede la misericordina la proporrebbe per tutti, non solo per coloro che commettono peccati graditi alle sinistre; sarebbe lo stesso un colossale eretico ma almeno sarebbe un eretico coerente.

        Rispondi
        • #lister   20 novembre 2016 at 10:22 am

          “…e la maggioranza dei “cattolici” non se ne accorge neppure!”
          Verissimo, Diego!
          Mi trovo spesso a parlare con Vescovi, Preti e Suore stranieri, di un Paese a maggioranza musulmana: non sanno nulla di ciò che “bestemmia” il loro “papa”. Figurarsi il popolo bue…
          Io riporto loro alcune affermazioni del perito-chimico-buttafuori e quelli cadono dalle nuvole!

          E, comunque, c’è sempre il prete che dice di non voler essere “tradizionalista”.

          Sic transit gloria mundi.

    • #Alessio   19 novembre 2016 at 8:10 pm

      Caro Diego,

      i predecessori di questo apostata hanno sì ENORMI responsabilità, ma questo nuovo Lutero sta esasperando le cose come non mai.
      Forse di questo c’è da rallegrarsi, forse la sua assoluta sfacciataggine potrà contribuire a smascherarlo agli occhi di chi per lo meno vorrà provare a vedere.

      Rispondi
    • #giona   20 novembre 2016 at 11:40 am

      l’uomo iniquo siederà sul trono additando sé stesso come dio….e di conseguenza decide ciò che è bene (ecologia) e ciò che è male (seguire Gesù Cristo)…. ci è stato detto da 2000 anni ed ecco qua…… l’avveramento.

      Rispondi
    • #Riccardo Abbà   20 novembre 2016 at 12:44 pm

      Io capisco la Sua legittima in***zatura, ma faccio notare che, assai probabilmente, la strategia di lorsignori non è quella di farsi seguire da quei quattro gatti di “veri cattolici”, ma dalle masse di pseudotutto che calcano la polvere di questo pianetuccio, riuscendovi assai bene…

      Rispondi
  5. #Vincenzo   19 novembre 2016 at 6:58 am

    Il “proselitismo” è protestante e settario; il cattolico invece fa Apostolato. Evidentemente Bergoglio parla dei problemi della sua setta modernista. «Ex abundantia enim cordis os loquitur. Bonus homo de bono thesauro profert bona: et malus homo de malo thesauro profert mala.» (Matth. XII, 34-35)

    Rispondi
  6. #giona   19 novembre 2016 at 9:02 am

    Chi rispetta i comandamenti ed è contro aborto divorzio omosex e chi è a favore, con Gesù e contro, evviva, la minestra è buona con lo sciroppo dolce e tanto veleno per non sentirne il gusto.

    Rispondi
  7. #bbruno   20 novembre 2016 at 2:59 pm

    ma a parte tutto, un grazie va dato a Bergoglio dicesi papa: per avere RIVELATO LA VERA SOSTANZA del detto concilio, del tutto estranea alla dottrina cattolica, anzi di essa una sconfessione…Altro che ermeneutica della continuità del Bischero tedesco!

    E i 100.0000 di oggi in Piazza San Pietro (povera Piazza!) a giubilare con questo Tale, erano l’altra faccia della stessa SCONFESSIONE cattolica.

    Rispondi
    • #Alessio   20 novembre 2016 at 7:54 pm

      Come dicevo anch’io, caro Bruno.
      Questo sfacciato, questo guitto che non conosce la vergogna, sta rendendo sempre più palese l’apostasia che rappresenta in maniera tanto efficace.
      Quanto ai 100’000, mi pare che una volta fossero ben di più. Che vada avanti così, tra qualche anno (ammesso e non concesso che sia ancora vivo) dovrà cercare tra i suoi amici islamici nuovi figuranti con i quali riempire il vuoto sempre crescente.

      Rispondi
  8. #bbruno   20 novembre 2016 at 10:14 pm

    e pensa un po’, Alessio, se anche i sempre meno che vanno in chiesa si sbrigassero a capire che cosa è stato fatto della loro Messa e lasciassero finalmente soli questi sedicenti preti a giocarsela con la vittima del loro assassinio ( come si dice qui in altra parte), sulla tavolaccia della loro ‘refezione eucaristica’, definitivamente soli, costretti a chiudere per mancanza di clienti la loro bottega di prodotti avariati…

    Rispondi
  9. #Silvio Aprato   27 novembre 2016 at 7:07 pm

    Che altro c’è da aggiungere: che il pampero argentino ha quasi 80 anni e non gode di buonissima salute (oltre quella mentale), ergo, dobbiamo resistere non molto tempo ancora…

    Rispondi
    • #Alessio   28 novembre 2016 at 9:55 am

      Chi lo sa, Silvio! Magari ci fà a tutti il favore d’una bella schiattatina improvvisa! Negli ultimi tempi è un favore che già ci hanno fatto parecchi massoni.

      Rispondi
  10. #Maria   27 novembre 2016 at 9:32 pm

    A tutti
    quante parole sprecate! Non proprio….! Visto per come Il demonio se la ride alle vostre spalle,facendovi dire quello che vuole; e voi ingenui o qualche cos’altro……non vi rendete conto.State superando ogni limite per poter avere un minimo di dignità. Parlate in questi termini davanti i vostri figli, senza di che vergognarvi…?
    Sapiate che poi vi tornerà tutto di ritorno….

    Rispondi
    • #Alessio   28 novembre 2016 at 9:53 am

      Ma datti al tavernello, se non la fai già.

      Rispondi

Rispondi