La perfidia massonica contro il Presepe

 

-di Davide Consonni-

 

Il 16 novembre, il Grande Oriente di Francia (GOdF), obbedienza massonica pubblicamente più anticattolica d’Europa, ha avuto l’ardire di contestare ferocemente il Consiglio di Stato francese (incarnazione della sulfurea tirannide giacobina) reo di aver autorizzato la presenza di Presepi in luoghi pubblici. Si badi bene che i consiglieri della più alta corte amministrativa di Francia han fornito delle motivazioni, a favore dell’autorizzazione, da far impallidire gli autori di letteratura distopica, da Bradbury, passando per Huxley e Orwell, fino ad approdare al mondialista Wells. Il Consiglio di Stato ha letteralmente motivato quanto segue: A causa della molteplicità dei significati attribuiti al presepe, i quali hanno un carattere religioso, ma anche carattere di decorazioni secolari installati per la celebrazione di fine anno , il Consiglio di Stato ritiene che la loro installazione temporanea su iniziativa di un’istituzione pubblica, in un luogo pubblico , è legale se ha carattere culturale, artistico o festivo, ma è illegale se esprime il riconoscimento di un culto o di preferenza religiosa. Agghiacciante ma per la perfida setta non è sufficiente. Per il Grande Oriente di Francia, questa decisione del Consiglio di Stato: mina il principio costituzionale di laicità in tutte le sue componenti: la neutralità degli enti pubblici nei confronti delle religioni, la libertà di coscienza e pari diritti dei cittadini di fronte alla legge. […] Questa decisione conduce ad evitare l’applicazione della legge del 1905, in particolare gli articoli 2 e 28. Consentendo una maggiore interferenza della religione nella sfera pubblica, questa decisione contribuisce a confessionalizzare la società, questo denunciamo in contrasto con la libertà di coscienza. Riconoscendo il primato delle presunte tradizioni cristiane della Francia sulla legge repubblicana, mina il principio di uguaglianza, come definito dall’articolo 1 ° della Costituzione ( “senza distinzione di origine, razza o la religione “) e porta in sé i germi di attestazioni d’identità pericolosi per la coesione nazionale. Il Grande Oriente di Francia condanna fermamente l’ambiguità semantica incoraggiata dalla decisione, vale a dire la trasformazione di un evento di culto oggettivamente in evento di festa culturale”.

La perfidia guidaico massonica s’incarna perfettamente nell’accozzaglia di bile velenosa vomitata in quest’occasione. Contro la Sacra Famiglia si scaglia da secoli la potenza infernale delle logge di mezzo mondo, nel 2017 cadrà il tricentenario della fondazione della perfida setta, 300 penosissimi anni di lotta contro la Santa Eucarestia. Dal Vaticano, invece e oramai, son troppi i decenni da cui l’Apostolica Voce non si scaglia contro queste nefandezze tutte moderne che ammorbano e scandalizzano quel che rimane della societas christiana.

 

 

32 Commenti a "La perfidia massonica contro il Presepe"

  1. #Gaspare   29 novembre 2016 at 2:37 pm

    io mi chiedo se l’inferno esiste,se qualcuno ci e già finito e se altri ci finiranno.

    Rispondi
    • #jeannedarc   29 novembre 2016 at 2:45 pm

      Esiste ed è affollato.

      Rispondi
      • #Alessandro   29 novembre 2016 at 3:43 pm

        aggiungiamo anche un “purtroppo” per non apparire solo sadici!

        Rispondi
        • #Alessio   29 novembre 2016 at 7:59 pm

          Ma d’altra parte chi ci finisce è chi ci vuole finire, per evitarlo basta molto poco.

  2. #giona   29 novembre 2016 at 3:02 pm

    https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.todayscatholicworld.com/oct09tcw.htm&prev=search
    Qua ci andranno anche i…… tiepidi attuali….

    Rispondi
  3. #Anonimo   29 novembre 2016 at 3:23 pm

    Mi sembra di aver letto, tempo fa, una lettera di Ravasi indirizzata alla massoneria, nella quale il cardinale tesseva gli elogi di questa setta satanica, considerando i suoi adepti come fratelli in una stessa fede.Del resto, Ratzinger ebbe a dire che con il CV II la Chiesa si era riconciliata con lo spirito del 1789, ciò che equivaleva ad ammettere simpatie per l massoneria, di cui quello spirito è emanazione; il card. Suenens disse anch’egli che il CV II era stato il 1789 della Chiesa Cattolica, quindi inutile aspettarsi che l’attuale gerarchia vaticana (da Bergoglio in giù) si scagli contro la massoneria, preferiscono accusare Trump, Putin, Salvini di ogni nefandezza possibile ed immaginabile, dimostrando di parteggiare per Satana anziché per NSGC.

    Rispondi
    • #bbruno   29 novembre 2016 at 4:21 pm

      per il Santo Giovanni XXIII, la massoneria era una allegra brigata goliardica…

      Rispondi
    • #Alessio   29 novembre 2016 at 8:03 pm

      Caro Anonimo,

      i traditori apostati che tu citi accusano chiunque si opponga ai piani del mondialismo massonico, di cui loro sono gli agenti “segreti” infiltrati in Vaticano.
      Quindi Trump, Putin, Salvini… ma non li sentirai mai, mai e poi mai, accusare la Clinton, Renzi o (meno che mai) Soros.

      Rispondi
    • #Gaspare   30 novembre 2016 at 5:35 pm

      Ravasi elogiava David Bowie e dispiaciuto della sua dipartita intonava la canzonava del comandante john a radio control o qualcosa di simile,qualcuno dovrebbe fargli leggere il blog del Centro Culturale San Giorgio

      Rispondi
  4. #Maria   29 novembre 2016 at 3:39 pm

    Gaspare
    l’inferno? Eccome esiste! Si incomincia a viverlo dentro noi, già in questa terra, se non viviamo in sintonia con gli insegnamenti di Cristo nostro Signore…….Anche se a noi non sembra,il maligno ci annebbia la mente e ci indurisce il cuore…Non sottovalutiamo eventuali nostri sentimenti…

    Il Presepe in casa mia e’ perennemente esposto.

    Rispondi
  5. #Alessio   29 novembre 2016 at 6:12 pm

    Che questi massoni siano ributtanti, è talmente evidente che non è necessario sottolinearlo.
    Ma loro, nella loro infamia, sono apertamente quel che è naturale che siano.
    Al contrario la feccia modernista che ammorba la Chiesa fà segretamente (più o meno) il loro stesso gioco, tacendo quando invece dovrebbe tuonare e talvolta addirittura macchiandosi di complicità esplicita.
    I massoni contestano il Presepe? E la presunta “gerarchia cattolica” come risponde? Ma è ovvio che non risponde! Il pagliaccio che occupa abusivamente Santa Marta ed il suo codazzo di buffoni sono capaci solo di sbavare sulle mussulscimmie da barcone, accogliere le blasfemie dei luterani, sfilare con i radicali, stampare eresie ed altre porcate.
    Difendere il Presepe da un infamissimo attacco? Non sia mai, dovrebbero mettersi contro i loro amanti “segreti”.

    Rispondi
  6. #antipluto   30 novembre 2016 at 7:24 am

    Ma se Bergoglio oltre che a ricevere la peggiore massoneria mondiale…è pure membro onorario di una di esse….

    Rispondi
    • #Alessio   30 novembre 2016 at 11:47 am

      Puoi fornire il nome e qualche riferimento, per favore? Sono informazioni che vanno diffuse.
      Quel che mi stupisce è che se fosse vero (cosa che non mi meraviglierebbe affatto) RS non abbia già scritto un articolo in merito.

      Rispondi
      • #ettore   30 novembre 2016 at 4:04 pm

        guarda qui:
        http://www.rotary2071.org/content.php?p=notiziario&arg=5&aid=9

        Rispondi
      • #lister   30 novembre 2016 at 5:50 pm

        Alessio,
        il perito-chimico-buttafuori è membro onorario del Rotary Club.

        P. Mariel, “Le società occulte che dominano il mondo” p. 7.
        Club come il Rotary, il Rotaract, il Lions, il Kiwanis, la Round Table […] servono agli iniziati da “riserve di pesca”: del resto il Rotary, il più noto e antico fra detti club incontestabile veicolo, al pari degli altri, degli ideali massonici di fraternità, solidarietà e universalità venne fondato a Chicago il 23 febbraio 1905 da un massone d’alto rango, l’avvocato Paul F. Harris (1868-1947) e da altri 3 colleghi, massoni come lui.

        Rispondi
      • #Alessio   30 novembre 2016 at 6:37 pm

        Grazie ad Ettore e Lister, questa mi mancava.

        Rispondi
  7. #Gaspare   30 novembre 2016 at 5:37 pm

    qualcuno mi può spiegare se l’albero di Natale è cultura massonica e come la Chiesa l’ha reso innocuo?

    Rispondi
    • #lister   30 novembre 2016 at 6:27 pm

      Non c’entra niente la massoneria con l’Albero di Natale.
      Ha origini celtiche, vichinghe, comunque antiche del Nord Europa, che ornavano l’abete in occasione del solstizio d’Inverno.
      Nel Medioevo, fu vietato l’uso dell’Albero dalla Chiesa ma poi, adeguandosi all’ancestrale simbolismo che considerava l’abete protettore delle nascite, venne accettato e considerato come simbolo della Natività.

      Rispondi
      • #Gaspare   1 dicembre 2016 at 2:38 pm

        Avendomi qualcuno detto che l’alberi di Natale era di origine massonica,pensavo fosse l’esaltazione massonica del peccato originale e raffigurando l’albero della conoscenza del bene e del male volessero fare dispetto alla nascita di Gesù

        Rispondi
        • #Alessio   1 dicembre 2016 at 8:13 pm

          Tranquilllo Gaspare, nulla di male!

    • #Alessio   30 novembre 2016 at 6:42 pm

      Mha… scusami l’ignoranza da questo punto di vista, ma non vedo come un albero di Natale possa non essere innocuo.
      A me piace, ed in casa mia è immancabilmente abbinato al Presepe..

      Rispondi
      • #lister   1 dicembre 2016 at 9:03 am

        Idem 🙂

        Rispondi
      • #Alessandro   1 dicembre 2016 at 6:14 pm

        https://www.youtube.com/watch?v=iuvPsRsMC6Q

        dal minuto 7 al minuto 10…

        Rispondi
        • #Alessio   1 dicembre 2016 at 8:13 pm

          Grazie, molto interessante!

        • #Gaspare   3 dicembre 2016 at 2:20 pm

          Grazie,spiegazione esaustiva ed inequivocabile,Corrado Gnerre dono di Dio all’umanità per sgominare le bande eretiche massoniche che nelle loro officine fabbricano falsi storici per infangare la storia della Chiesa,mi Chiedo se qualcuno possa aver consigliato a Papa Bergoglio di consultarsi con Gnerre prima di imbarcarsi nell’iniziativa di ossequiare lutero

        • #Alessio   3 dicembre 2016 at 3:30 pm

          Caro Gaspare,

          quel tale Bergoglio è un importantissimo membro di quelle stesse bande eretiche e massoniche, nonchè il loro più importante infiltrato. Di Gnerre non ne vorrà nemmeno sentire parlare, preferisce sentire parlare di Pannella.

  8. #Maria   1 dicembre 2016 at 4:13 pm

    Ma l’albero di Natale e’ bellissimo a vedersi,anche se da diversi anni completo solamente il Presepe sempre presente tutto l’anno del bambinello.Ricordo da piccolina quando la mamma adornava l’alberello di caramelle colorate, frutta secca, cioccolatini,mandarini,per la gioia di noi bambini,provate a dire perché …..
    Intanto, in allegria,si festeggiava il S.Natale.

    Rispondi
  9. #bbruno   1 dicembre 2016 at 5:21 pm

    oh l’alberello
    con sotto il bambinello
    con tanti cioccolatini
    frutta secca e mandarini
    per la gioia dei bambinini,

    e intanto la piccolina
    si succhia la caramellina….

    Bellissimo Natale,
    con tanto farcitura
    di benedizion papale..

    Rispondi
    • #Alessio   1 dicembre 2016 at 8:20 pm

      Che tipo di benedizione? Perchè nelle case degli islamici gentaglia tipo Scola dice di andare a “benedire” col Corano… ed ovviamente lui non fà che da cassarmonica a qualcun’altro.

      Rispondi
      • #bbruno   1 dicembre 2016 at 11:44 pm

        mi sono messo nei panni di chi ha scritto il commento sopra…che crede ancora che a Roma ci sia ancora un Babbo Papale…

        Rispondi
        • #Alessio   3 dicembre 2016 at 3:31 pm

          Quell’individuo non crede nulla, cerca solo di diffondere errori.

  10. #Maria   2 dicembre 2016 at 2:28 pm

    E bravo Bbruno, così mi piace! Finalmente la posso vedere leggermente più’ addolcito….Mamma mia e’ sempre arrabbiato! Ce l’ha con tutti.Il lupo perde il pelo ma non il vizio, quindi si abitui già da ore a rivedere il suo lessico.estroso.
    Non è detto sa che il ” padreterno ” ne sia troppo compiaciuto.

    Bella la sua messa in rima.Sarebbe proprio da conservare.

    Rispondi

Rispondi