Scaraffia: ‘cancellata la burocrazia’ per chi ha abortito, la donna non è più ‘grande peccatrice’

logo creato da donne evidentemente molto dolenti per il loro peccato di aborto volontario
logo creato da donne evidentemente molto dolenti per il loro peccato di aborto volontario

 

Dal Corriere della Sera odierno riportiamo per i nostri lettori eloquenti dichiarazioni di Lucetta Scaraffia, che illustra plasticamente come le disposizioni di Misericordia et misera in materia di peccato di aborto siano state recepite (non dal “volgo profano” o dai media “cattivi e manipolatori”, ma da quelli che dovrebbero essere i “papaveri” del panorama intellettuale “cattolico”). Parlare di fraintendimenti è oramai un esercizio grottesco che riserviamo ai saltimbanchi professionisti che prosperano in questo “pontificato” circense. Sottolineature nostre [RS]

 

Il Papa, spiega Lucetta Scaraffia, pronuncia parole durissime sul peccato, ma salva il peccatore.

«Il peccato rimane Ma così si accoglie il dolore delle donne»

Mi auguro che il clero italiano sappia affrontare questa nuova realtà (Lucetta Scaraffia)

di Paolo Conti

Lucetta Scaraffia, storica e coordinatrice del mensile «Chiesa Donne Mondo» de L’Osservatore Romano diretto da Gian Maria Vian. Cosa pensa della decisione di Papa Francesco? L’aborto era o non era uno dei più gravi peccati secondo la Chiesa cattolica?

«Attenzione. Chiariamo subito un punto. Il peccato resta. Papa Francesco ne ha parlato continuamente, in termini molto severi, e in diverse occasioni. Ma il Pontefice [solo Francesco? ndr] distingue tra il peccato, verso il quale resta durissimo, e il peccatore, che ha la possibilità di cambiare vita. La nuova norma contiene un riconoscimento implicito alla sofferenza che ogni donna prova dopo l’esperienza di un aborto. L’espiazione, fa capire Francesco, è già cominciata in loro stesse col dolore che provano».

Ma questa decisione di concedere a tutti i sacerdoti di assolvere il peccato dell’aborto non rischia di «svilirlo» agli occhi dei fedeli?

«Assolutamente no. Qualsiasi donna abbia abortito, sa quanto sia drammatico il peso che si porta dentro: la ferita resta sempre, profonda e grave [basta una breve ricerca in rete per rendersi conto che non è affatto così, anzi vi sono pubblicazioni che “esaltano” la scelta dell’aborto come atto positivo privo di rimorsi e rimpianti, ndr]. Ora si assicura la possibilità di entrare in una chiesa, magari in un impeto improvviso [?] e in base a una forte spinta interiore, e potersi confessare ricorrendo al perdono e alla misericordia. Si cancella quel meccanismo forse molto burocratico che affidava solo ai vescovi, e a taluni sacerdoti autorizzati, la facoltà di assolvere il peccato dell’aborto. E poi, come ha spiegato papa Francesco all’inizio del Giubileo straordinario, molte donne hanno scelto di abortire ingannate da una cultura diffusa che ha trasformato quel gesto in un semplice diritto, in un gesto quasi normale. Papa Francesco ha deciso di non chiudere altre porte, di non alzare altre barriere ma di aprire alla possibilità di un perdono, di una riconciliazione [che prima dunque non esisteva? ndr]».

Pensa che questo gesto contenga una «consapevolezza speciale» del Papa nei confronti del dolore delle donne che hanno abortito?

«Sicuramente sì. La decisione del Pontefice è una forte dimostrazione della conoscenza di un dramma che riguarda non solo le donne ma anche molti medici, che a loro volta hanno problemi molto gravi [quali? ndr]. Un altro aspetto va sottolineato: la donna smette di essere considerata la “grande peccatrice” secondo una certa tradizione [???]».

La decisione di papa Bergoglio può cambiare la percezione della fede cattolica?

«Non c’è dubbio. Così come sta accadendo per i separati e i divorziati risposati, la Chiesa si pone come una istituzione materna che accoglie i peccatori reduci da tante sofferenze, piuttosto che come agenzia dispensatrice di norme».

Ma il clero italiano, spesso molto anziano e non sempre pronto ai cambiamenti, sarà capace di elaborare una novità così rilevante?

«Mi auguro di sì. Dovrà affrontare questa nuova realtà. Non si può andare contro una decisione del Papa [ma solo se si chiama Francesco, altrimenti si può tranquillamente considerare cartaccia, ndr]».

 

 

 

34 Commenti a "Scaraffia: ‘cancellata la burocrazia’ per chi ha abortito, la donna non è più ‘grande peccatrice’"

  1. #bbruno   22 novembre 2016 at 4:09 pm

    ma questo è davvero il tempo che le donne (molte di loro) ce la mettono tutta per disonorare il loro essere Donna – Domina! Con che protervia e con che arroganza!

    La Chiesa (la vera Chiesa) che condanna l’aborto (sul serio, non con una “misericordia miserabile”, una finzione di misericordia…) come peccato gravissimo – l’assassinio contro un innocente da parte di chi l’ha generato!- sarebbe dunque una Chiesa che mette delle REGOLE, una Chiesa dal “cuore di pietra”, per dirla alla bergoglia!!!! Ma andatelo a dire al Padre Eterno che è ora di ritirare le sue 10 REGOLE, se ha un briciolo di pietà per gli uomini e soprattutto per (certe) donne! degli innocenti uccisi dalle madri loro chi se ne importa!!! Quel che conta è la SOFFERENZA delle tali donne, PERBACCO!

    CERTO CERTO IL PERDONO, nulla è precluso al perdono divino, ma solo in presenza del pentimento e del proposito che lo conferma, e della giusta penitenza, non con una bevuta sopra, e ricominciamo…. E soprattutto in presenza della fede in Cristo, l’UNICO che può perdonare i peccati…

    E quanto ai medici che procurano l’aborto, richiedo, che cosa chiede il “NOSTRO MISERICORDIOSISSIMO PAPPA”??? CHE PRATICHINO PENTENDOSI E SI PENTANO CONTINUANDO A PRATICARE???

    Rispondi
  2. #Alessandro   22 novembre 2016 at 5:42 pm

    Un tempo per vedersi rimessa la Scomunica si arrivava persino ad accamparsi in atteggiamento supplice davanti alle residenze Vescovili, da oggi invece basterà sedersi come al bar di fronte a un finto prete! Ma va bene così: è la miserabile misericordia bellezza!

    Rispondi
  3. #lister   22 novembre 2016 at 6:04 pm

    “Pecca fortiter sed pecca fortius”, ovvero, leggi:
    Abortisci quanto ti pare, tanto c’è il prete che, su sdoganamento del perito-chimico-buttafuori, ti “assolverà”.
    Ecco chiarito il “grande donna” attribuito alla Bonino della pompa (di bicicletta).

    Rispondi
    • #lister   22 novembre 2016 at 6:45 pm

      Correggo: sed CREDE fortius

      Rispondi
  4. #Boh!   29 novembre 2016 at 4:35 pm

    Io non capisco: avevo inviato un commento in favore di Papa Francesco e non è stato pubblicato; per contro ne leggo moltissimi in cui questo Papa è osteggiato e spesso anche pesantemente offeso da coloro che presumibilmente sono (si dicono) cristiani e quindi dovrebbero amare e sostenere il Papa, che secondo la loro fede è eletto addirittura per volontà dello Spirito Santo. Ma questo è un sito cattolico o che cos’è?

    Rispondi
    • #lister   29 novembre 2016 at 7:28 pm

      Mi pare di aver capito che tu ameresti e sosterresti tuo padre anche se tradisse tua madre con un’amante conclamata, giusto?

      Rispondi
      • #Boh!   2 dicembre 2016 at 9:21 am

        Lister, ma come si permette? Veda di non attribuire agli altri le idiozie che sono solo nella sua testa e soprattutto lasci stare in pace i miei sacrosanti genitori.

        Rispondi
        • #Alessio   2 dicembre 2016 at 1:06 pm

          Ma come ti permetti tu di venire a sbergogliare in questo sito, e metterti anche a dare ridicoli ordini.
          Se c’è uno che dice idiozie qua quello sei tu, a parte ovviamente il probabile pseudoprete eretico che si firma “Maria”, una vera piattola.
          Come ti ho già detto, e come ho ripetuto nell’ultimo commento per la seconda volta (se non sarà censurato), fate un bel comitato e mettete in pratica le lerce apostasie del vostro burattinaio : vi portate in un infamissimo centro d’accoglienza e vi mettete a disposizione della feccia illegittimamente ospitata, con tanto di baci ai piedi dei marocchi.
          Altro che venire qua a propinarci le vostre cretinerie!

        • #lister   2 dicembre 2016 at 5:16 pm

          Povero Boh!
          Visto che non riesci a capire una Similitudine, provo a spiegarti il significato della mia di cui sopra..
          Intanto il Modo con cui mi sono espresso è il Condizionale e, quindi, sottintende il: “SE succedesse”. Significa che ponevo un’ipotesi, non un dato di fatto.
          Gli attori della Similitudine sono:
          Padre = Papa
          Madre = Chiesa
          Amante = Lutero
          Scambiali nel mio commento e, finalmente, ne capirai il significato. Spero.

          Ma, visto che non ci eri arrivato, considerato il tuo intervento ed avendo dedotto il motivo per cui non è stato pubblicato il tuo primo commento, devo dedurne che è la tua testa che non può produrre altro che idiozie.

    • #bbruno   29 novembre 2016 at 10:45 pm

      è un sito dove scrivono anche cattolici che non ce la fanno proprio a riconoscere come papa un papa che nega l’essenza stessa dell’essere papa, in forza della loro fede nell’istituzione stessa che ha voluto la Chiesa retta dal papa…

      La nostra fede ci dice che il papa è assistito – più che eletto – dallo Spirito Santo; e che la sua elezione è convalidata in cielo SOLO QUANDO essa sia avvenuta secondo le norme canoniche e le necessarie condizioni personali da parte dell’ eletto, tutte chiarite nella dottrina cattolica…

      Lei si immagina che Lo Spirito Santo possa eleggere un papa che poi guidato dallo stesso Spirito condanni e scomunichi Lutero, come eretico nefando, e poi il medesimo Spirito guidi un altro papa a proclamare che si deve essere in comunione con il medesimo Lutero, ora uomo di Dio? Io no.

      Rispondi
    • #Diego   29 novembre 2016 at 11:11 pm

      Signor Bo,
      si rende conto che sta parlando di un tizio che dice che “non esiste un Dio cattolico” (e quindi lui da chi sarebbe stato eletto? Da allah? O dal Grande Puffo?), di un eretico che vorrebbe concedere la Comunione agli adulteri (e quindi, di conseguenza, anche ai pedofili, ai bestemmiatori e ai mafiosi…visto che non esiste la misericordina selettiva e che l’oscena Amoris laetitia sembra negare gli assoluti morali), che “canonizza” Lutero (che è forse stato il più grande eretico di tutti i tempi), che invece che alla conversione a Cristo invita alla conversione ecologica, che non si ritiene in grado di giudicare un gay ma che non si fa problemi a giudicare i politici corrotti, che dice che esistono tante visioni del bene e del male e che bisogna invitare ciascuno a seguire la propria coscienza (in barba ai 10 Comandamenti divini e per la gioia di sodomiti, stupratori, abortisti, uxoricidi, pedofili, spacciatori di droga, necrofili, ecc. ecc.).
      Come si può difendere chi dice eresie un giorno sì e l’altro pure?
      Come si può difendere chi dice che è un peccato cercare di convertire i protestanti al cattolicesimo?
      La Verità è preesistente ed IMMUTABILE, non è creata dal Papa, il Papa può solo sottomettersi ad Essa ed insegnarLa SENZA variazioni…ma che cos’ha a che fare Bergoglio con il Papato?
      Secondo lei basta vestirsi di bianco ed essere DESIGNATI da un Conclave per essere Papa?
      Non lo sa che il Papa deve avere la Fede cattolica e che ciò comporta l’accettazione di TUTTE le verità finora insegnate dalla Chiesa?
      Quante di quelle verità si è permesso di negare Bergoglio? E come può quindi essere considerato un autentico Papa?
      Le consiglio di comperarsi (o di leggere su Internet) il Catechismo di San Pio X, in cui troverà tutte le principali verità della Fede Cattolica…lasci perdere le eresie bergogliane (e si ricordi che gli eretici decadono ipso facto da qualunque carica ecclesiastica).

      Rispondi
      • #Alessio   30 novembre 2016 at 12:00 pm

        In poche parole, caro Diego, è un agente “segreto” che la Massoneria ha infiltrato fino ai vertici del Vaticano con l’intento di distruggere la Chiesa.

        Rispondi
    • #Alessio   30 novembre 2016 at 11:58 am

      Non capisco perchè il mio commento sia stato cancellato, quando quello di ‘sto qua è stato pubblicato.

      Ripeto il mio invito al bergoglioso di turno.
      Invece di venire qua a propinarci ‘ste canzonette, vai in qualche posto dove vengono ingiustamente ospitati e spidocchiati gl’invasori e mettiti a sbaciucchiare piedi come l’apostata che difendi.

      Rispondi
  5. #Boh!   2 dicembre 2016 at 9:27 am

    Ringrazio il Signor #bbruno per la sua cortese risposta al mio precedente commento. Ciò dimostra che si possono avere differenti punti di vista su una questione, ma che se ne può discutere senza mancarsi di rispetto. Questa è civiltà. Grazie, Signor #bbruno. Con i più cordiali saluti.

    Rispondi
    • #lister   2 dicembre 2016 at 5:25 pm

      Povero Boh!
      la mia risposta alla tua nei miei confronti la trovi più sopra.
      Usa quel po’ di materia grigia che hai, se ce l’hai, e fatti una cultura: eviterai di offendere senza motivo.

      Rispondi
      • #Alessio   2 dicembre 2016 at 8:44 pm

        Si offende? E un bel chissenefrega?

        Rispondi
  6. #Maria   2 dicembre 2016 at 11:00 am

    Bo!
    Lei deve essere un tesoro di ragazzo,non certo della stessa pasta di questi altri tesorini.Non si impressioni! Can che abbaia non morde.Tanto fumo e poco arrosto.Pero’,diciamo, nelle loro stranezze,possono essere anche simpatici…..
    Rimanga! Cosi’ ci teniamo noi compagnia.

    Rispondi
    • #Boh!   2 dicembre 2016 at 4:52 pm

      Gentile signora Maria, la ringrazio per la sua garbatezza. Io non sono niente di speciale, sono una persona normalissima che crede nell’importanza di un confronto civile e sereno con tutti, nel rispetto di tutte le opinioni. D’altronde, è ciò in cui credono anche i rappresentanti delle varie religioni, che non a caso si incontrano e si fanno promotori del cosiddetto “dialogo interreligioso”. Se tutti fossero capaci di dialogare nel rispetto reciproco, sarebbe bellissimo. Io ci credo ancora, nonostante sappia che soprattutto in rete non è sempre possibile. Comunque non c’è problema: ho appena avuto uno scambio di mail chiarificatore con la Redazione di questo sito. Si è trattato di uno scambio cortese, nonostante i nostri punti di vista siano differenti, ma io capisco la loro posizione e loro capiscono la mia. Questo, per me, è ciò che conta davvero: accettarsi e rispettarsi reciprocamente, pur nella diversità di vedute. Grazie ancora di cuore e cordiali saluti.

      Rispondi
    • #lister   2 dicembre 2016 at 5:28 pm

      Questo è proprio l’avvocato difensore che fa al caso tuo…
      Fatevi compagnia.

      Rispondi
      • #Alessio   2 dicembre 2016 at 8:43 pm

        Caro Lister,

        piuttosto che questi viscidi “politically correct” in salsa bergogliosa preferisco di gran lunga un comunista vecchio stile che si presenta a testa alta per battersi, almeno gli si può riconoscere un certo spessore morale che implica almeno un minimo di rispetto.
        Ma ‘sti qua sono davvero insopportabili.

        Rispondi
        • #lister   3 dicembre 2016 at 11:51 am

          Modernisti…comunisti… brrr! Alla larga!

        • #Alessio   3 dicembre 2016 at 3:26 pm

          Sì Lister, ma almeno certi compagni d’una volta, alcuni di loro, sapevano battersi senza pietire “civiltà”, “dialogo” ed altre pagliacciate liberaloidi.

  7. #Alessio   2 dicembre 2016 at 12:57 pm

    Ripeto il mio invito ai due modernisti rompiballe della situazione, che posso solo limitarmi ad invitare, non avendoli a portata di mano non posso zittirli nella maniera adeguata .Cosa che farei MOLTO volentieri soprattutto al disturbatore costante che si firma “Maria”.
    Seguite l’esempio del vostro burattinaio, il viscido, venduto, traditore, rinnegato, vigliacco, apostata, eretico ed infame che ben sappiamo, dei quali siete degni : andate a sbaciucchiare i piedi ai maledettissimi invasori per i quali lui ringrazia l’attuale “governo”.
    E mettete le vostre case a loro disposizione, invece di limitarvi a chiacchierare a vanvera.
    Al prossimo attentato islamico, mi auguro che tra le vittime ci siano solo i lacchè della Massoneria che tanto li vogliono, siano questi dichiaratamente di “sinistra” o degli eretici bergogliosi.

    Rispondi
  8. #Maria   2 dicembre 2016 at 4:50 pm

    Ha sentito signor Bo!,questi sarebbero i fratelli che Gesù ci invita ad amare come Lui ama noi.E si,non c’è niente da fare! Questa la strada per il ” paradiso ” altrimenti,prendendone un’altra si rischia di andare da tutta un’altra parte……

    Questo,a quanto sembra, non gli è ancora stato reso chiaro;per questo dobbiamo averne pazienza e misericordia.

    Rispondi
    • #Alessio   2 dicembre 2016 at 8:38 pm

      Ancora quaaaa???? Piglia il tuo nuovo amichetto modernista interreligioso ed andate a spulciare un po’ d’invasori, così come il vostro infame dice di volere!
      Almeno loro sono parassiti infetti e si comportano da parassiti infetti, senza tradire nessuno. Starebbe a noi trattarli dai parassiti infetti che sono.
      Invece voialtri lacchè del mondialismo siete dei traditori della Cristianità, e ne fate il male di proposito. Siete ancora peggio dei parassiti infetti che difendete (senza però prendervi in casa), mi date davvero la nausea.
      Ripeto : spero che nel prossimo attentato dei vostri “cari fratelli” ci andiate di mezzo voi, invece di qualche innocente che li vuole giustamente fuori dai piedi.

      Rispondi
  9. #Alessio   2 dicembre 2016 at 9:02 pm

    ALLA REDAZIONE.

    Essendo RS il più importante sito tradizionalista in lingua italiana, sarebbe il caso che anche i commenti fossero all’altezza del sito.
    Pertanto sarebbe una buona idea non costringere i lettori fedeli alla Tradizione a sterili battibecchi con squallidi infiltrati che sbrodolano eresie contrarie a quella stessa Tradizione della quale RS si fà portavoce.
    Io, da parte mia, me li eviterei volentieri come immagino anche gli altri, ma purtroppo fintanto che certe inopportune infiltrazioni saranno permesse non potremo fare a meno di rispondere a dovere, magari anche senza nemmeno leggere le idiozie che possiamo già in partenza dedurre dall’autore.
    Questo, però, non giova alla qualità del sito e pertanto mi permetto di suggerirvi di lasciare l’immondizia fuori di casa, perchè i miasmi non si propaghino all’interno costringendoci ad aprire le finestre.

    Rispondi
  10. #Maria   2 dicembre 2016 at 10:25 pm

    Signor Bo!
    ha sentito cosa tirano in ballo quando non sanno cosa dire?
    Da questo punto di vista,sono dei veri professionisti; ne tirano fuori una più del demonio…ho detto del demonio? Si! Pensandoci bene più del demonio…

    Rispondi
    • #lister   3 dicembre 2016 at 8:54 am

      Ha parlato il demonio vestito da prete, travestito da mamma di famiglia…

      Rispondi
      • #Alessio   3 dicembre 2016 at 11:42 am

        Sì, è veramente viscido e disgustoso. Lo chiamerò appunto “Viscido”, come faceva uno dei personaggi nel film “Heat la sfida”.
        Intanto lui e il suo nuovo amichetto del dialogo interreligioso non sono ancora andati dai loro pulciosi protetti… pensa come saranni delusi i marocchi che hanno già sfoderato il pieduccio in attesa d’un bel bacione.

        Rispondi
  11. #Maria   2 dicembre 2016 at 11:42 pm

    Alessio caro
    parlo per me, io non rinnego la Tradizione: l’ho vissuta e vive con me. Tu invece per la tua giovane eta’,in concreto, non ne hai mai fatto parte,da non averne ricordi per lo meno emozionali Parli,ma per dire cosa? Non dai nessun apporto, per come ti proponi, ad una conoscenza profonda.Il tuo voler essere così offensivo,potrebbe,e sottolineo potrebbe, creare disagio ad un sentire cristiano,che poi, in realtà,da me sempre sostenuto,penso tu sia un bravo ragazzo.

    Perché non voler fare il tentativo di mettere insieme le cose che si hanno in comune.Si potrebbe partire da qui. Come sarebbe possibile, altrimenti,un giorno, camminare per la medesima strada? .Perche’,se nessuno te l’ha mai detto, il nostro Signore ci scommette: su questo.Sapilo.

    Rispondi
    • #lister   3 dicembre 2016 at 11:38 am

      ” il nostro Signore ci scommette”
      Sì, quello suo…alla Sala Corse.

      Rispondi
      • #Alessio   3 dicembre 2016 at 3:24 pm

        Ma non mi dire che leggi davvero le boiate del Viscido!

        Rispondi
    • #Alessio   3 dicembre 2016 at 3:23 pm

      Il mio precedentemente commento è stato censurato… incredibile!
      Non rivolgerti a me, Viscido!
      Non leggo nulla delle cretinerie che scrivi, a meno che non siano proprio due righe che non posso fare a meno di leggere anche sezna volerlo.
      Come ho detto, per me voialtri lacchè del mondialismo valete meno dei parassiti infetti ai quali non farei mai raggiungere le acque territoriali.

      Rispondi
      • #Alessio   3 dicembre 2016 at 3:47 pm

        Correzioni : “precedente” e “senza”.
        Ribadisco il resto.

        Rispondi

Rispondi