USA, democrazia secondo convenienza: proteste contro Trump, “not my President”

trump
fonte Ansa

 

Decine di migliaia di persone al grido di “Not my president” sono scese in strada in diverse località degli Stati Uniti per protestare contro l’elezione di Donald Trump. Le manifestazioni più imponenti a Chicago, a New York e a Los Angeles, dove sono stati effettuati molti arresti. Davanti alla Casa Bianca una folla di dimostranti si è riunita per esprimere frustrazione dopo la sconfitta di Hillary Cinton.

A Los Angeles a migliaia sono scesi in piazza per esprimere il disappunto per l’elezione di Trump e alcune centinaia di persone hanno bloccato una grande arteria di comunicazione, provocando code lunghe chilometri. In tenuta antisommossa, i poliziotti hanno ordinato di sgomberare, ma molti non si sono spostati, hanno esposto bandiere Usa e messicane e alzato le mani. Gli agenti, che avevano in dotazione proiettili di gomma, sono quindi intervenuti arrestando almeno 13 persone.

Alta tensione a Midtown Manhattan, dove si trova la residenza del nuovo presidente, la Trump Tower sulla Fifth Avenue. Alcuni manifestanti hanno bruciato maschere ed effigi che rappresentavano il volto del tycoon, presente con la famiglia nei suoi appartamenti agli ultimi piani del famoso grattacielo. Almeno 30 gli arresti. Un corteo ha sfilato lungo la Sixth Avenue per poi confluire verso la Trump Tower che però è già blindatissima dalla notte del voto, con numerosi camion anti-bomba a protezione dell’intero isolato, quello dove si trova anche l’iconica gioielleria Tiffany.

Proteste anche a Seattle, Portland, Oakland, San Francisco, Los Angeles, Boston, Philadelphia, Detroit e Austin.

Al grido di “Love Trumps Hate” (l’amore batte l’odio), “The Future is Female”, e “No Trump, No KKK, No racist Usa” in migliaia si sono radunati a Downtown Chicago, mentre una marcia di studenti è stata organizzata anche nel campus di Berkeley.

 

Fonte: tgcom24

 

12 Commenti a "USA, democrazia secondo convenienza: proteste contro Trump, “not my President”"

  1. #bbruno   10 novembre 2016 at 12:51 pm

    ma certo, per i democratici la democrazia è cosa loro: guai quando la democrazia guarda altrove! Questo a dimostrazione che questa democrazia, intesa come Potere della Volonté Générale, è tale quando la Volonté Générale coincide con la Volonté Particulière dei Pochi, gli IIluminati, i portatori della Luce per tutti. Quando gli scappa di mano, la democrazia diventa POPULISMO, una fetenza che esce dalla pancia del popolo, al quale loro, per elezione, non appartengono, e che loro, per decisione dall’ Alto, devono GUIDARE. Sono i DUCI della democrazia: seguiamo dove ci conducono!, pena l’essere trattatio da IMBECILLI!

    Rispondi
    • #Attilio   10 novembre 2016 at 6:02 pm

      Ben detto !

      Rispondi
  2. #Alessio   10 novembre 2016 at 1:50 pm

    Più fanno così e più lo zio Donald mi piace!
    “Not my President”… infatti non è il loro Presidente privato, è il Presidente degli Stati Uniti, votato dalla maggioranza degli americani con il sistema elettorale accettato da tutti! E votato anche da quei famosi immigrati di lingua spagnola che la bidellaccia ha corteggiato a vanvera per mesi, non solo dagli statunitensi puri.
    Dureranno qualche giorno, ‘sti giullari, dopo un po’ di tempo e un po’ d’arresti torneranno nei buchi da dove sono venuti, e lo zio Donald continuerà ad essere il Presidente ed un multimiliardario alla facciazza di tutti loro.

    Rispondi
  3. #Lucius   10 novembre 2016 at 1:55 pm

    Gli Stati Uniti d’America sono un esempio di democrazia?Ma mi faccia il piacere! direbbe Totò’.

    Rispondi
  4. #Gaspare   10 novembre 2016 at 2:05 pm

    massa di povere vittime del progetto eversivo

    Rispondi
  5. #Catholicus   10 novembre 2016 at 7:18 pm

    Che dio Benedica Trump e il suo vice e la Vergine li protegga sempre, specialmente dai sicari dei poteri occulti, che vorranno sicuramente sbarazzarsi di lui, come a suo tempo fecero con Kennedy. Intensifichiamo la recita del santo Rosario, cari amici, la battaglia non è conclusa; se dovessero assassinarlo scoppierebbe una rivolta mai vista negli USA, una seconda guerra civile, stavolta non tra Nordisti e Sudisti, ma tra le truppe dei massoni bugiardi e dittatori e il popolo stufo di essere preso per i fondelli da gente come la Hillary, distruttori dei valori e della civiltà occidentale cristiana.
    Che Dio ce ne scampi e liberi

    Rispondi
  6. #Blanca Briceno   11 novembre 2016 at 1:19 am

    Derrotò al establisment global, puso al descubierto el sub-texto de quienes juzgan de inferiores a los que por él votaron. Ponchò a las encuestadoras; hizo ver la complicidad de los medios de informaciòn con las izquierdas mundiales; el monopensiero centro e izquierda lo denigra (conjuntamente con sus simultàneamente denigrados electores, obviamente), agarrò un trompo en la u#a y le diò vida a una consideraciòn sobre la opresiòn y el oprobio que viven Venezuela y Cuba; renueva la amistad con Israel; las nefastas consecuencias sobre el welfare europeo del tratado comercial suspendido; la polìtica exterior menos belicosa; etc lo denotan ¿????? Bueno, la càrcel linguistica sx dice que lo que pasò fué que HC perdiò.
    Si su presidencia contribuye a que cesen el holocausto y exterminio por hambre, desnutriciòn y mala salud y se consolide la unanimidad de la necesidad de salir del narco estado en Venezuela, “bajaré” tranquila a favorecer sus polìticas del cambio y derrocar todo continuismo en Venezuela. Me excluyo de toda modalidad de insultos; respeto la autodeterminaciòn de los electores norteamericanos, no practico la unidimensionalidad de pensamiento (Marcuse, “El hombre unidimensional”); nuestra escuela de pensmiento es no-liberticida. (Aireven) Blanca Briceno

    Rispondi
    • #Alessio   11 novembre 2016 at 1:42 pm

      No sè cuàl sea su escuela de pensamiento, acà nos caen bièn sòlo las libertades compatibles con la Ley Divina y la Tradiciòn, y hablando de Marcuse la mejor cosa que se habrìa podido hacer con èl habrìa estado quemarlo vivo en una linda hoguera viejo estilo.
      Esperamos que el tìo Donald no nos decepcione, por cierto con èl hay un posibilidad de abrigar buenas esperanzas por raro que me parezca decir eso sobre EE.UU.

      Rispondi
  7. #bbruno   11 novembre 2016 at 2:30 pm

    Mancava solo la Voce del Nostro! Eccola arrivata: vuole solo dice che con Trump ” i poveri non abbiano a soffrire”…

    Oh, il nostro Santo Padre ( si dice così, vero?) non regge all’ambascia di TRUMP Presidente e si butta, per consolarsi e averne consiglio, tra le braccia del vecchio amico suo guru Scalfari che, si sa, ne sa più di Dio….

    La sola cosa che gli interessi, al suo Gran Core, è che “i poverri non abbiano a soffrire” con l’avvento di Trump! Oh, il nostro Gran Pierino Vaticano, è preoccupato per i fancazzisti che girano il mondo in cerca di farsi mantenere, e che qualcuno gli alzi contro un muro, a questa bella gente che preferisce il pittoccaggio,piuttosto che impegnarsi nei loro paesi per migliorali-, ma si sa l’impegno costa, e avere subito, basta pretenderlo, vestiti Armani e Scarpe Pirelli (io sapevo solo delle ‘gomme’ Pirelli, il ritardato!) ) è magnifico, finchè ci sono balordi al mondo disposti ad assecondarli, pardon, ad ‘accoglierli’ come sacro dovere….

    Vuole, il nostro papale Pierino – glielo avrà suggerito il vecchio guru amico suo? – che i ‘suoi’ poveri non abbiano a soffrire, cioè i suoi poveri negri e barbuti muslimizzi, ecchè gliene frega a lui degli sporchi bianchi operai rimasti senza lavoro ( ma che cosa è infatti il LAVORO per lui, santo è andare a scrocco…) costretti a vivere per la starda o a spararsi un colpo in testa!

    A lui interessano i ‘suoi’ poveri, che dobbiamo essere pronti a salvare dalle acque…, e stare attenti a come li alberghiamo, e a come li rifocillamo e a come li vestiamo, che altrimenti, questi poveri disperati, fuggiti dalla fame e dalla guerra e dal troppo caldo, ti si rivoltano contro come bestie offese!

    E se poi a causa dei vecchi padroni della Casa Bianca, suoi congeniali, i morti si ammucchiano a migliaia per le loro guerre democratiche, chiamate “f umanitarie’ , o i bambini vengono succhiati del cervello e fatti uscire dalla pancia delle madri – il sacro diritto abortista! – che giene importa, mica sono i suoi ‘poveri’ questi, che anzi questi hanno la fortuna di essere lberati dalle sofferenze di questo mondo, pace a loro!

    Se almeno questo Pierone prima di parlare aspettasse di avere digerito il pastone di spaghetti all’ amatrociana e fatti svanire i fumi dei gradi alcooloci dei Nettari Collinari Romani…

    Rispondi
  8. #bbruno   11 novembre 2016 at 4:03 pm

    non c’è spettacolo più comico di quello di fascisti che danno addosso ai fascisti, e di Grandi Spaghettari che piangono sulla fame nel mondo…così, ad modum concludendi.

    Rispondi
  9. #Paola Datodi   11 novembre 2016 at 4:30 pm

    personalmente magari avrei preferito Rubio o anche Cruz, ma ok! quelli poi data l’ età avranno tutto il tempo, in futuro…

    Rispondi
  10. #Paola Datodi   13 novembre 2016 at 9:39 pm

    a proposito, che sia anche la fine di una certa mania di giovanilismo? affidarsi a un anziano vorrà dire cercare la figura paterna, e basta con i vari GF(Grandi Fratelli).Certo, poi l’alternativa era non con una figura materna ma semmai matrigna di Cenerentola, o di Biancaneve, in cui la matrigna è anche la strega… Comunque, pur sempre sperabile che tra i politici 40-50enni esistano figure di cui potersi fidare, sarebbe triste che non ve ne fossero.

    Rispondi

Rispondi