Accogliamo la Madonna dentro di noi

Madonna e Gesù

 

di Isidoro d’Anna

 

La fede ci dice che non siamo mai soli, perché se osserviamo i Comandamenti, Dio e la nostra Madre sono in noi.
Che Dio vive nel cristiano fedele, lo dice il Signore Gesù stesso nel Vangelo secondo Giovanni (14, 23): «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui».
E ancora, con toni più profondamente mistici, nell’Apocalisse di Giovanni (3, 20): «Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me».

Esiste solo un’altra persona che può essere presente in chi vive in grazia di Dio. Questa persona è Maria Santissima, Madre di Dio e dei cristiani.
Vediamo allora di rispondere ad alcune domande: com’è possibile che la Madonna sia presente nel cristiano fedele? Com’è questa presenza della Madonna? Di cosa c’è bisogno, da parte nostra, per accogliere e sentire in noi Maria Santissima?

Come sia possibile, lo spiega con autorevolezza Padre Stefano Maria Manelli, fondatore dei Frati e delle Suore Francescani dell’Immacolata. Padre Stefano parla di questo nell’articolo La “Presenza” dell’Immacolata nella vita spirituale, pubblicato nella rivista «Immaculata Mediatrix» (n. 2-2013). Nell’ora dell’Incarnazione, Maria Immacolata diviene Madre di Cristo, Capo del Corpo mistico. Allo stesso modo, Maria diventa Madre delle membra del Corpo di cui Cristo è Capo.
Scrive l’Autore nel saggio citato (p. 182):

La presenza viva della Madonna, quindi, in ogni suo figlio, per ogni suo figlio, accanto e attorno ad ogni suo figlio, è un portato diretto e connaturale dell’Incarnazione del Verbo e della Maternità redentiva. Con Cristo, per Cristo e in Cristo, Maria Santissima, resa verginalmente feconda per opera dello Spirito Santo all’Annunciazione, è diventata Madre del Corpo Mistico, e sul Calvario, ai piedi della Croce, è stata proclamata Madre dell’umanità mentre «gridava per le doglie e il travaglio del parto» (Ap 12, 2) nel corredimere – quale Corredentrice con Cristo, unico assoluto Redentore – ogni uomo da trasformare in figlio di Dio.

E in che modo si potrebbe descrivere la presenza della Madonna nei cristiani fedeli? Citiamo dallo stesso scritto di Padre Stefano (p. 198):

La presenza della Madonna nell’anima dei suoi figli, diciamo, è presenza mistica, ossia misteriosa e invisibile, ma personale e reale; ossia, è presenza della persona di Maria Santissima con la sua realtà costitutiva di anima e corpo (che è corpo per sempre spiritualizzato, dal momento della sua Assunzione in Cielo). E’ presenza, dunque, possiamo dire, di unione fisico-mistica completa. La Madonna, di fatto, come è nei Cieli, così è sulla terra, realmente accanto a me, di fronte a me e nella mia anima in grazia di Dio.

Rimane una domanda importante a cui rispondere: di cosa c’è bisogno da parte nostra per accogliere e sentire in noi la Madonna? Infatti, a cosa varrebbe la presenza di Dio o della Madonna in noi, se non potessimo mai sentirla per poterci rivolgere a Loro nel nostro cuore?
Evidentemente, è una questione di amore. Amore donato e ricambiato.
A questo proposito, Padre Stefano chiama a testimonio un altro eccellente Autore, Padre S. Ragazzini, riportando (a pag. 180) un passo della sua opera Maria vita dell’anima:

Tuttavia, lo stesso autore, il padre Ragazzini, lamenta invece, giustamente, l’insensibilità e la superficialità di tante anime in grazia, di cui la maggior parte non è per nulla consapevole di questa preziosa presenza della Madonna che “inabita” nell’anima «e vive come se la Madonna fosse loro completamente estranea – scrive ancora il Ragazzini -, limitandosi ad invocarla e ricordandosi di Lei solo nelle necessità e nei pericoli. La qual cosa non fa certamente meraviglia quando si pensa che, purtroppo, avviene la stessa cosa nei confronti della presenza di Dio nell’anima in grazia».

L’amore, si sa, nasce dalla conoscenza. Dovremmo conoscere sempre più e sempre meglio la Madonna, il suo amore per ciascuno di noi, e le sue virtù, tra le quali si usa mettere in risalto in particolare l’umiltà e la purezza.
La Madonna è anche Madre della purezza. E come può amare Maria Santissima chi non ama la purezza? Chi ad esempio si compiace di mostrare le nudità del proprio corpo o di metterne in risalto le forme? Oppure chi gode di questo sfoggio carnale?
Per andare insieme alla Madonna verso il Trionfo del suo Cuore Immacolato, dobbiamo esserle profondamente devoti e imitarla.

Forse ci rimane uno spazio non rischiarato dall’umiltà e dalla purezza? È ora di fare luce! Invochiamo quindi la Madonna con cuore sincero.

 

Fonte: lucechesorge.org

 

 

Un commento a "Accogliamo la Madonna dentro di noi"

  1. #Maria   21 dicembre 2016 at 3:05 pm

    Grazie Signor Isidoro,
    per averci regalato questo suo bel articolo dedicato alla Madonna.A volte si è presi da tanti pensieri che si viene a dimenticare le cose piu’ importanti.La nostra Santissima Madre,ci ama teneramente,il suo aiuto e’ garantito.Grandi cose farà per noi,assieme al Figlio suo Gesù.Abbiamo fede; assieme a Dio, Ella vive in noi, se veniamo ad osservarne i Comandamenti

    Molto bello il libro de” La via della Purezza per essere veri figli di Maria”.