papa_neocat

[…]

“Avevano messo in scatola lo Spirito Santo, lo avevano imbottigliato e messo in trattati che potevamo dominare, in cui avevamo tutti i più puri gioielli della conoscenza di Dio: de Deo uno et trino, de Deo creante, ecc. e senza rendercene conto avevamo impoverito la visione di Dio”. Particolarmente deprecabile “l’immobilismo quasi totale determinato dal Concilio di Trento”, che sarebbe stato finalmente superato dal “Vaticano II”.

…L’essenza della Messa, come sacrificio, è nettamente negata, a modo luterano: “Le idee sacrificali sono entrate nell’Eucaristia per condiscendenza alla mentalità pagana”; “la massa di gente pagana (che irruppe dopo Costantino) vide la liturgia cristiana con i suoi occhi religiosi, volti all’idea del sacrificio”; “nell’edificio che Dio costruisce, le idee sacrificali che aveva avuto Israele, e che erano state superate dallo stesso Israele nella liturgia pasquale, erano le impalcature: adesso che l’edificio è stato costruito si è tornati a tali impalcature, cioè alle idee sacrificali e sacerdotali del paganesimo”; “le discussioni medievali sul sacrificio riguardavano cose non esistenti nell’Eucaristia primitiva, non essendovi in essa alcun sacrificio cruento, ossia qualcuno che si sacrifica, Cristo, il sacrificio della croce, il Calvario, ma solo un sacrificio di lode, per comunicazione alla Pasqua del Signore, ossia al suo passaggio dalla morte (spezzamento del pane) alla risurrezione (calice)”. Con queste ultime affermazioni, mentre giustamente è escluso dall’altare il sacrificio cruento, è escluso anche il sacrificio incruento, di Gesù sacramentalmente presente, e quindi è esclusa l’attualità sacrificale della Messa…

Per continuare a leggere lo scritto del Servo di Dio Mons. Landucci sul Cammino Neocatecumenale, cliccare qui.

10155165_852652701431067_2938273576695470945_n