Mi chiamo Giorgio Istifan, sono nato ad Aleppo nel 1975 e sono sposato con una giovane donna di nome Miriam, laureata in Scienze dell’educazione, con indirizzo psicologico. Abbiamo una bambina che ha un anno e cinque mesi di etĂ , chiamata Benìta. Appartengo alla parrocchia latina di San Francesco di Assisi, ad Aleppo. Il 5 novembre 2011 io e mia moglie ci siamo sposati. La nostra vita è iniziata con tanta gioia e serenitĂ ; avevamo un lavoro e una vita familiare tranquilla. Il 22 luglio 2012 inizia la crisi ad Aleppo. Comincia nelle periferie e nei villaggi dei dintorni per arrivare, in un secondo momento, alla cittĂ . All’inizio, nella prima fase, ho visto con i miei occhi l’arrivo di tante famiglie immigrate dai villaggi verso Aleppo. Subito dopo, la crisi ha toccato la cittĂ  ed è scoppiato così il dramma. Come prima conseguenza ho perso il lavoro e la speranza di una vita normale sembrava essere finita lì. Da quel momento la condizione economica ha iniziato a farsi molto pesante; tuttavia, in famiglia eravamo sicuri che si sarebbe trattato di una crisi passeggera e che sarebbe finita subito.

La guerra invece si è allargata ed è arrivata fino a noi, fino alle soglie di casa mia: un giorno ci siamo svegliati e abbiamo visto i miliziani arrivati a distanza di 100 metri dal nostro edificio. Subito dopo, l’esercito ha ripreso l’attacco e così si sono allontanati di nuovo. In risposta, hanno cominciato a lanciare bombe sulla nostra zona abitata, sugli edifici e sulle case. La nostra casa ha ricevuto tanti colpi di proiettile e, una volta, solo per miracolo siamo stati risparmiati.

Le cose non sono però finite lì, il nostro edificio è stato colpito anche da due cannonate e la nostra vicina di casa è stata colpita da una scheggia metallica alla testa. Impauriti, abbiamo abbandonato la casa in tutta fretta e ci siamo rifugiati dai nostri genitori; mia figlia all’epoca non era ancora nata.

Al tempo della nascita di Benìta, non c’era nĂ© acqua, nĂ© elettricitĂ  ad Aleppo, nĂ© mezzi per riscaldarsi, nĂ© gas. Dopo il parto e la sua presentazione al Signore nella chiesa, abbiamo subìto altri missili e bombe; siamo di nuovo scampati tante volte dalla morte. La cosa che piĂą mi ha amareggiato il cuore era che, per tanti motivi, soprattutto per la ristrettezza delle case dei nostri genitori e la situazione economica precaria, siamo finiti – mia moglie ed io – ognuno a casa dei rispettivi genitori. Mia figlia è rimasta con la madre e ci siamo ritrovati a vivere lontani l’uno dall’altra. Dove nĂ© un litigio, nĂ© incomprensione ha potuto separarci, una guerra ha potuto farlo. Purtroppo, da quel momento continuiamo a vivere in questa situazione, che perdura ancora oggi.

In questo periodo, il Signore mi concesso la grazia di trovare un lavoro nella chiesa, come sagrestano nella mia parrocchia. I nostri problemi come famiglia non si sono risolti, e neanche come comunitĂ  cristiana; anzi, sono diventati sempre piĂą grandi: tante famiglie cristiane si sono disperse; abbiamo dato i baci d’addio a tanti amici e tanti familiari che sono andati verso l’ignoto; alcuni sono finiti in un Paese europeo alla ricerca della pace o in una nazione vicina ai confini siriani, in cerca di lavoro. Anche mio fratello è partito per il Libano con la sua famiglia, ma dopo un po’ di tempo è ripartito di nuovo verso un altro Paese in cerca di pane da mangiare, e di pace. Tutto questo è dovuto al fatto che, nel nostro amato Paese, la Siria, manca la pace, manca la sicurezza.

Questo periodo è molto difficile: si esce di casa, ma non si sa mai se si ritorna. Per strada tutto può succedere; ma il pericolo può arrivare anche mentre siamo a casa o in chiesa. Quello che mi è successo, nell’ultimo periodo, vale come esempio.

Poco piĂą di un mese fa, sabato 8 novembre, alle 19,15, mentre tornavo dal mio lavoro nella chiesa, sono andato a casa dei miei suoceri, per vedere Miriam e Benìta, che non vedo se non due o tre ore al giorno. Mentre andavo per la strada, un colpo di mortaio è caduto vicino a me, a distanza di circa tre metri. A causa dell’esplosione, una parte metallica di piccole dimensioni è penetrata nel lato sinistro e si è infilata fra le costole; ancora pochi centimetri e avrebbe colpito il cuore. Avrei potuto morire in un istante. Il risultato invece è stato “solo” una ferita, che ha continuato a farmi male per un po’ di tempo. Il giorno dopo, la domenica, sono tornato, alla chiesa per ringraziare il mio Signore del miracolo e del dono della vita mi aveva donato, ancora una volta, il giorno precedente. Non ho altro che l’inno di ringraziamento tramite la preghiera, che risulta per me l’unica fonte di speranza e di pazienza per sopportare le prove e la sofferenza.

La vita durante questa guerra in Siria ha insegnato a noi cristiani che la fede è essenziale e, quale frutto di questa fede, vi è la fiducia in Dio. Nonostante tutta la durata e la drammaticità di questa guerra, la nostra fede è aumentata e così anche la nostra fiducia nel Signore. Con gli occhi della fede, vediamo ogni giorno la mano di Dio curare ognuno di noi, occuparsi quotidianamente dei nostri bisogni. Sembra che in questa grande tempesta della guerra, siamo sotto grandi ali potenti, che ci proteggono, anche se sentiamo e subiamo il soffio del vento; siamo sotto le Sue ali, per questo non anneghiamo sotto la pioggia forte, ma sentiamo su di noi solo alcune gocce.

Siamo negli ultimi giorni di Avvento, la mia preghiera sale a Dio giorno e notte affinchĂ© restituisca al mio Paese e alla mia cittĂ  la pace e la sicurezza. Io spero veramente che, con la preghiera di tutti i cristiani nel mondo, in modo speciale nella santa notte di Natale, la guerra sia seppellita per sempre, che l’odio sia cancellato e che la pace regni sulla terra. Ho però anche un altro desiderio da chiedere a un Dio, innamorato di me, da diventare un piccolo figlio a Betlemme: spero che il Bimbo nato per noi in una famiglia, riporti alla mia famiglia e a tante famiglie che sono state costrette a “separarsi” il caldo di vivere insieme, la gioia di stare uniti come un’unica famiglia.

Cristiani del mondo, tutti quanti: vi chiedo umilmente di pregare per noi, cristiani della Siria.

Buon Natale dalla mia cittĂ  di Aleppo.

(Ha collaborato p. Ibrahim Alsabagh, parrocchia latina di Aleppo)

 

Fonti: qui e qui