nicola

Ringraziamo il sito http://pierovassallo.blogspot.it/ (Contravveleni e Antidoti) per aver pubblicato questa recensione, a cura di Piergiorgio Seveso,  del nostro libro di Piero Nicola “Il Vaticano ha contraddetto il dogma”, pubblicato recentemente nella collana “Tibi dabo claves”. Nei prossimi giorni sul nostro blog verrà pubblicata una seconda recensione, sempre a firma dello stesso autore.   

a cura di Piergiorgio Seveso

Ho compulsato il breve trattato Il Vaticano ha contraddetto il dogma (Edizioni Radio Spada), scritto da Piero Nicola. Ho apprezzato il suo intento di proporre una dimostrazione usando il metodo della contraddizione di ben definite affermazioni, bensì confermate dalla prassi; metodo che, come l’Autore sottolinea, è accessibile a qualunque intelletto che si attenga alla logica, che adoperi correttamente la ragione.

Come due più due fa quattro, se uno dice bianco e opera secondo quello che dice, e l’altro dice nero e opera pure di conseguenza, la contrapposizione dei due risulta insanabile.

Il Concilio Vaticano Secondo e i vertici del clero contemporanei ad esso e ad esso susseguenti, hanno detto chiaro e tondo, senza ambiguità, che tutti gli uomini hanno il diritto alla libertà religiosa. È impossibile negare che dalla Sede di Pietro non sia stata sancita tale sentenza, con magistero universale, costante e inteso a vincolare la Fede e la pratica dei credenti; si è agito, cioè, termini propri dell’infallibilità. I documenti citati lo attestano ampiamente. Il governo ecclesiastico li ha ribaditi con atti inequivocabili, obbligando, per esempio, gli Stati a rinunciare alla Religione cattolica come religione dello Stato.

Il Magistero precedente, in particolare con le sentenze di Pio IX (Enc. Quanta cura e Sillabo) e  San Pio X, ha fissato il dogma che condanna il diritto alla libertà religiosa.

Ergo, coloro che, nel periodo suddetto, hanno assunto il comando in Vaticano, mettendo in atto un procedimento proprio del magistero infallibile, mostrato sopra, hanno contraddetto almeno un dogma, direttamente e inequivocabilmente.

Ne deriva che, in mancanza di un qualsiasi ravvedimento e correzione adeguata, essi hanno commesso un’eresia almeno materiale (contraddizione precisa, diretta e costante di una verità rivelata), non possiedono affatto l’autorità che si attribuiscono, ovvero che spetterebbe alla loro carica, si sono alienati l’assistenza dallo Spirito Santo, il quale non assiste chi persevera nell’errore che provoca la morte delle anime.

Come giustamente ricorda l’Autore, questa eresia del diritto a sedurre le anime con false dottrine non sta da sola, ma ad essa si collegano altre eresie più o meno dichiarate e insegnate.

Perciò, dalla lettura del libro mi sono consolidato nella persuasione che abbiamo avuto, e rimane, un vero e proprio neo-modernismo al vertice della sedicente chiesa, un neo-modernismo che, al pari del vecchio modernismo, può definirsi un insieme di eresie.

>>>ORDINA QUI LA TUA COPIA DEL LIBRO<<<