Immagine

 

 

di Ulna Daga

 

 

Sull’ex dirigente filofascista, “vescovo rosso”, ultramodernista conciliare, teologo della liberazione inviso persino ai neomodernisti, Câmara, molto ci sarebbe da scrivere. 

Ieri abbiamo diffuso due articoli: 

Oggi ci permettiamo di riportare una citazione tratta da una biografia di Ernesto Che Guevara, la cui “rivoluzione” a Cuba produsse sul Cristianesimo locale gli effetti noti a tutti. Annota Daniel James (nostra traduzione dall’inglese):

Il movimento ribelle all’interno della Chiesa latinoamericana è probabilmente rappresentato al meglio dal suo principale esponente e guida, l’arcivescovo di Olinda e Recife, H. Câmara che pubblicamente espresse la sua simpatia ed ammirazione per Che Guevara. Facendo eco al Che, ha dichiarato di vedere il Brasile come il Vietnam latinoamericano […] (Daniel James, Che Guevara: A Biography, Cooper Square Press, 2001, p. 344)