foto-distretto-ristretta

Riprendiamo l’intervista a “Il Tempo” del Superiore del Distretto Italia della Fraternità San Pio X. [RS]

Don Pierpaolo Petrucci, cosa dice di questa disposizione di Papa Francesco?

«Noi siamo felicissimi e pieni di gratitudine verso il Sommo Pontefice che ha disposto che quanti durante l’Anno Santo della Misericordia si accosteranno per celebrare il Sacramento della Riconciliazione presso i sacerdoti della Fraternità San Pio X, riceveranno validamente e lecitamente l’assoluzione dei loro peccati. Però noi è da sempre che amministriamo validamente e lecitamente i sacramenti in virtù delle norme generali del codice di diritto canonico a causa di questa crisi che travaglia la Clhiesa».

È stato il vescovo di Albano che vi aveva comunicato il divieto di dire messa, l’anno dopo il funerale di Priebke che lei celebrò, a darvi la notizia?

«No, diciamo che l’abbiamo saputo dalla stampa».

 È un bel passo indietro rispetto alla “sberla” che riceveste l’anno scorso..

«È importante che ci sia un riconoscimento giuridico da parte del Papa senza che ci sia richiesto una controparte. Da un certo punto di vista certamente, infatti, si riconosce la liceità del nostro ministero che era stata messa in discussione».

 Questa disposizione del Santo Padre è un segnale che la strada è spianata alle difficili trattative in corso tra il Vaticano e i capi della Fraternità per il ripristino di futuri rapporti sul piano ecclesiale e in totale obbedienza al Papa?

«Sì, anche se la nostra totale obbiedienza non è stata mai in discussione. Il punto è che quando questa autorità viene utilizzata contro la tradizione siamo obbligati a resistere perché bisognerebbe obbedire prima a Dio e poi agli uomini e non il contrario».

Fonte