10 Febbraio 2016, Giornata di particolare preghiera per le vittime delle Foibe

di CdP Ricciotti.

10 Febbraio 2016, Giornata di particolare preghiera per le vittime delle Foibe. Coraggioso servizio(*) verità del TG2 sul massacro da parte dei comunisti.

Una pagina drammatica della nostra storia troppo a lungo negata e dimenticata. La tragedia di almeno 20.000 italiani massacrati nelle Foibe dai comunisti fra il 1943 ed il 1947.

Piaga di odio e violenza nascosta fino al 10 Febbraio 2005. Una pulizia religiosa ed etnica messa a tacere, nel totale silenzio nazionale ed internazionale, per quasi 60 anni.

Torture e sevizie prima delle esecuzioni, tanto che nelle fosse carsiche vengono oggi trovate donne stuprate ed uomini evirati. In migliaia furono anche gettati nell’Adriatico.

Il nemico da sterminare erano gli italiani, considerati fascisti e cattolici.

Grazie a Dio, in 350.000 riuscirono a salvarsi scappando veramente dalla pulizia religiosa ed etnica dei comunisti. I sopravvissuti si rifugiarono nella “nuova Italia” e per vari anni furono ingiustamente trattati dalle amministrazioni come “fascisti tornati in Italia per rubare”, quindi relegati ai margini della società ed in campi profughi o ghetti.

Nei libri di storia, anche quelli delle scuole, l’immane tragedia è ancora liquidata in poche righe.

DSC01951

Preghiera per i martiri delle foibe (segnalata dal Centro studi Giuseppe Federici)

O Dio, Signore della vita e della morte, della luce e delle tenebre, dalle profondità di questa terra e di questo nostro dolore noi gridiamo a Te. Ascolta, o Signore, la nostra voce. De profundis clamo ad Te, Domine. Domine, audi vocem meam. Oggi tutti i Morti attendono una preghiera, un gesto di pietà, un ricordo di affetto. E anche noi siamo venuti qui per innalzare le nostre povere preghiere e deporre i nostri fiori, ma anche per apprendere l’insegnamento che sale dal sacrificio di questi Morti. E ci rivolgiamo a Te, perché tu hai raccolto l’ultimo loro grido, l’ultimo loro respiro. Questo calvario, col vertice sprofondato nelle viscere della terra, costituisce una grande cattedra, che indica nella giustizia e nell’amore le vie della pace. In trent’anni due guerre, come due bufere di fuoco, sono passate attraverso queste colline carsiche; hanno seminato la morte tra queste rocce e questi cespugli; hanno riempito cimiteri e ospedali; hanno anche scatenato qualche volta l’incontrollata violenza, seminatrice di delitti e di odio. Ebbene, Signore, Principe della Pace, concedi a noi la Tua Pace, una pace che sia riposo tranquillo per i Morti e sia serenità di lavoro e di fede per i vivi. Fa che gli uomini, spaventati dalle conseguenze terribili del loro odio e attratti dalla soavità del Tuo Vangelo, ritornino, come il figlio prodigo, nella Tua casa per sentirsi e amarsi tutti come figli dello stesso Padre. Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il Tuo Nome, venga il Tuo regno, sia fatta la Tua volontà. Dona conforto alle spose, alle madri, alle sorelle, ai figli di coloro che si trovano in tutte le foibe di questa nostra triste terra, e a tutti noi che siamo vivi e sentiamo pesare ogni giorno sul cuore la pena per questi nostri Morti, profonda come le voragini che li accolgono. Tu sei il Vivente, o Signore, e in Te essi vivono. Che se ancora la loro purificazione non è perfetta, noi Ti offriamo, o Dio Santo e Giusto, la nostra preghiera, la nostra angoscia, i nostri sacrifici, perché giungano presto a gioire dello splendore del Tuo Volto. E a noi dona rassegnazione e fortezza, saggezza e bontà. Tu ci hai detto: Beati i misericordiosi perché otterranno misericordia, beati i pacificatori perché saranno chiamati figli di Dio, beati coloro che piangono perché saranno consolati, ma anche beati quelli che hanno fame e sete di giustizia perché saranno saziati in Te, o Signore, perché è sempre apparente e transeunte il trionfo dell’iniquità. O signore, a questi nostri Morti senza nome ma da Te conosciuti e amati, dona la Tua pace. Risplenda a loro la Luce perpetua e brilli la Tua Luce anche sulla nostra terra e nei nostri cuori, E per il loro sacrificio fa che le speranze dei buoni fioriscano. Domine, coram te est omne desiderium meum et gemitus meus te non latet. Così sia.

Mons. Antonio Santin, Arcivescovo di Trieste e Capodistria, 1959.

VIDEO TG2

(*) Probabilmente sarà strumentale alla propaganda immigrazionista contemporanea.