Il Rinnegamento di San Pietro: una messa a punto teologica

Adam_de_Coster_-_The_Denial_of_Saint_Peter

 

Nota di Radio Spada: continuiamo, come di consueto, a pubblicare in lingua italiana la traduzione di brevi scritti poco noti o inediti, composti in ambienti cattolici romani esteri. La crisi nella Chiesa ha spinto talvolta gli studiosi a cercare esempi del passato che potessero confortare le pene per la situazione attuale. Uno degli argomenti molto usati è stato quello relativo al triplice rinnegamento di Pietro, come primo atto di apostasìa  di un Papa che pertanto rende storicamente possibile un parallelismo come le intemerate dichiarazioni degli ultimi sedenti al Soglio Pontificio. In questo articolo tradotto (a cura Pietro Ferrari) si portano sostanziali pareri critici  a confutazione di quest’argomento.

 

 

di Clemente LECUYER  (7 gennaio 2015)  

 

L’infallibilità papale non è mai stata attaccata dopo la promulgazione del dogma nel 1870. Oggi, sentiamo spesso nelle file dei cattolici chiamati “tradizionalisti”, come il primo Papa, San Pietro, avrebbe commesso un atto pubblico di apostasia, rinnegando nostro Signore il Venerdì Santo. Così per loro, ne consegue che è possibile per un Papa negare pubblicamente i principi cattolici e perdere la fede. L’unico problema è che tutto questo non è vero!
Sia nei loro sermoni oi loro scritti, i sacerdoti della Fraternità San Pio X, per esempio sostengono questo “argomento” regolarmente:
“Dovremmo dimenticare che il primo Papa, San Pietro rinnegò Cristo tre volte prima che il gallo canti” (conoscere e servire. Supplemento n ° 10 pubblicato sul sito KIID)
Sul sito Aveclimmaculée c’è un parallelo tra il rinnegamento di San Pietro e la situazione attuale del papato:
“O San Pietro, ricordatevi quel momento di debolezza che aveste quando, in preda a paura e rinnegaste Gesù tre volte. Attualmente il papa rinnega ugualmente nostro Signore. San Pietro, noi vi amiamo e vi seguiamo perché avete pianto amaramente il vostro peccato. “
Questo confronto è assurdo e dovrebbe essere respinto con forza. Molto prima di noi, alcuni pirati della fede, non volendo riconoscere l’ infallibilità papale in tutta la sua estensione, avanzavano con la garanzia del falso esempio del “Rinnegamento di San Pietro”.
Nel XII secolo, San Francesco d’Assisi già tentava di uccidere questa idea perniciosa:
“La negazione fatta da Pietro il giorno della passione non deve turbarci perché Pietro non perse la fede, ma solo peccò circa la confessione della fede. La paura gli fece sconfessare quello in cui credeva. Credeva bene, ma parlò male “. ( La polemica cattolica )
Più tardi, nel XIX secolo, la RP Boylesve Marin (1813-1892), gesuita, distrugge l’eccezione in una delle sue opere:
“Il Papa è infallibile nella fede, è lui a dover confermare gli altri vescovi, non è agli altri vescovi il rafforzarlo per renderlo infallibile. Ma poche ore dopo, Pietro quasi tre volte ha rinnegato il suo Maestro. Non è spiegato come questa obiezione possa essere sollevata con un po’ di serietà . Le soluzioni abbondano.
1) Pietro era già vicario di Gesù Cristo? Era già investito della sovranità pontificia, e responsabile di insegnare alla Chiesa? Ovviamente no, dal momento che Gesù era ancora vivo ed era presente sulla terra. Pietro non poteva entrare in carica che dopo la sua Ascensione del suo Maestro divino, almeno, e al massimo, dopo l’investitura espressa che sentiremo tra un attimo.
2) … Questo non fu certamente fatto come dottore universale, ma piuttosto per suo conto personale, quando disse: Io non conosco quell’uomo. Tremando per se stesso, non pensava affatto di insegnare niente a nessuno di sorta; troppo poco preoccupato, in quel momento, di cosa dovesse o non dovesse credere per essere salvato, egli non aveva davanti a lui che dei miserabili servi, non uno che apparteneva alla Chiesa, che del resto non esisteva ancora e tuttavia non era ancora formata. Gesù disse, è vero, che questo apostolo era la roccia su cui avrebbe edificato la sua Chiesa; ma se i materiali di costruzione sono stati sollevati, e la prima pietra è stata designata, essa non è stata ancora posta, e il fondamento non era stato ancora stabilito.
3) Infine, in questa triste circostanza, la fede è venuta meno a Pietro? Vedete questa tavola servita di cibi grassi e circondata da ospiti, che tutti, tranne il giovane, ma timido cattolico, sono più che indifferenti per quanto riguarda la legge di astinenza.Oggi è Venerdì. Il buon giovane, molto imbarazzato di essere lì, accetta ciò che viene offerto e reso grasso. Un ospite che, nello stesso imbarazzo, riconosciuta per quello che è, gli ricorda, con un sorriso un po ‘beffardo, è Venerdì. – ” Signore , rispose il giovane con audacia apparente, signore, non so quello che dici .” – Assolutamente come Simon Pietro! Oh! non manca la fede in questo cristiana-c’è qualcosa d’altro.Fede No, mille volte no, Pietro non ha mancato; è il coraggio che in lui fu carente .
 Ma se Gesù Cristo ha garantito a Pietro dell’infallibilità nella fede, egli non ha promesso l’impeccabilità nella conduzione e nel parlare. Situati in circostanze analoghe, altri Papi possono anche essere deboli, ma non uno mancherà nella sua fede e nel suo insegnamento papale . ( Risposte alle obiezioni fondamentali contro il potere e contro l’infallibilità del Papa , RP Marin Boylesve 1877 )
 Poco dopo, è stata la volta di padre Garrigou-Lagrange, un filosofo domenicano e tomista e teologo di spicco del XX secolo, per mettere le cose in chiaro su questo argomento:
“Il peccato di Pietro – il triplice rinnegamento di Cristo durante la sua passione – era un peccato contro la confessione esterna di fede: ” Non conosco il Cristo “ . Non è stata una perdita di fede. l’Apostolo avrebbe perso la fede e peccato mortalmente contro atto interno obbligatorio di fede, se  avesse ammesso questa negazione nel suo cuore o avesse deliberatamente messo in dubbio qualsiasi verità rivelata sulla quale aveva ricevuto istruzioni sufficienti. Le sue imprecazioni esterne, emesse nell’ambito della paura, non sono in alcun modo l’indicazione che tale fosse stato il caso “.  ( Le virtù teologali , RP Garrigou-Lagrange, Vol. 1: sulla fede)
 Non c’è nulla di cui sorprendersi se ai cosiddetti tradizionalisti piace diffondere allegramente idee sbagliate più volte confutate in passato, invece di difendere e stabilire la verità! 
 Quindi, nei termini di ciò che ci insegnano questi autori, affermare che “il primo Papa ha negato nostro Signore Gesù Cristo” è innegabile che sia:
– Una calunnia a San Pietro,
– Un attacco oltraggioso contro l’istituzione del papato,
-Un argomento fallace e pernicioso da “minimalisti” in materia di infallibilità, che cercano di farci credere che la Sede Apostolica può commettere atti di apostasia.
 
 Comparare i falsi “papi” del Vaticano II con San Pietro è una bestemmia abominevole!
San Pietro stesso, preferì subire il martirio e dare la sua vita per il Signore. Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, hanno organizzato e presieduto le più spettacolari apostasie di Assisi, dove tutte le grandi religioni pagane del mondo si sono riunite per pregare i loro “dei”, accanto alle diverse comunità “cristiane”.
 San Pietro, salvate la Chiesa!

 

 

Rispondi