[MATTIA ROSSI] Le Domeniche dopo Pasqua

Janssens-Wildens-Noli-me-Tangere-Dunkerque

Le domeniche dopo Pasqua hanno un’unica comune caratteristiche tale da permettere un’analisi del repertorio post-pasquale di carattere macroscopico. Leggendo i brani di queste domeniche nella loro globalità, infatti, ci si accorge che questo tempo è interamente costellato da una sensibilità laudativa di tipo universale.

L’introito della II domenica dopo Pasqua, ha inaugurato questo particolare ethos: «Misericordia Domini plena est terra», e così la liturgia prosegue nelle domeniche seguenti:

– «Iubilate Deo omnis terra, alleluia…» (introito, III domenica dopo Pasqua)

– «Cantate Domino canticum novum, alleluia…» (introito, domenica IV dopo Pasqua)

– «Iubilate Deo universa terra…» (offertorio, domenica IV dopo Pasqua)

– «Vocem jucunditatis annuntiate et audiatur, alleluia, nuntiate usque ad extremum terrae…» (introito, domenica V dopo Pasqua, con un simbolico apice melodico su «extremum»)

– «Benedicite gentes Dominum Deum nostrum, et obaudite vocem laudis eius…» (offertorio, domenica V dopo Pasqua)

– «Cantate Domino, alleluia, cantate Domino, benedicite nomen eius…» (communio, domenica V dopo Pasqua)

È evidente come, con la risurrezione, abbia inizio l’annuncio di Cristo e del suo Regno a tutti i popoli: ecco, allora, chiaro perché tale repertorio insista a dismisura non tanto sulla risurrezione in sé, quanto, piuttosto, sulla funzione salvifica che essa assume dinanzi all’universo intero.

Mattia Rossi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.