Radio Spada – info BREXIT n. 9: la Massoneria contro il BREXIT

-di Davide Consonni-

Solo un Gran Maestro d’Europa ha commentato la vittoria del BREXIT, tutti gli altri vicari della massoneria han glissato beatamente. Tal Gran Maestro, francese per la verità, che invece s’è concesso ai microfoni, l’ha sparata piuttosto ovvia. Ha semplicemente detto che la vittoria del BREXIT è sostanzialmente una sconfitta per l’Europa, dicendosi preoccupato per la divisione che tali referendum provocano nella nazione. Qui di seguito è possibile leggere appunto la dichiarazione di Daniel Keller, Gran Maestro di origini israelite del Grande Oriente di Francia:

«Quelle que soit son issue, ce scrutin fera apparaître un pays divisé, ce qui est très préoccupant. C’est malheureusement un référendum idéologique, sur le choix d’une souveraineté qui méconnaît la nécessité de l’intégration de nos économies. C’est aussi une conséquence du manque de construction politique de l’Union Européenne.»

“Qualunque sia l’esito, questa elezione porterà ad un paese diviso, il che è molto preoccupante. Questo è, purtroppo, un referendum ideologico basato sulla scelta di una sovranità che ignora la necessità di integrare le nostre economie. E ‘anche una conseguenza della mancanza di costruzione politica dell’Unione Europea”

 

Fonte

 

 

11 Commenti a "Radio Spada – info BREXIT n. 9: la Massoneria contro il BREXIT"

  1. #Giacomo   25 giugno 2016 at 12:48 pm

    Ovvio. Chiaro. Ti pareva che la giudeo – massoneria volesse il Brexit? Chiaramente voleva che si stesse tutti sotto l’ombrello di Frau Merkel….

  2. #bbruno   25 giugno 2016 at 12:51 pm

    parla di ‘divisione’ questo energumeno, e ‘pour cause’, non concependo egli altra unità che quella imposta dalla sua squadra! Quante più divisioni si creeranno di questo tipo, tanto maggiori saranno i segnali che il corpo delle nostre società è ancora vivo, quindi capace di reattività! Potessimo ricacciarli nelle loro tane, questi autoproclamatisi Guide del Mondo,e seppellirli dentro!

  3. #gaspare   25 giugno 2016 at 3:10 pm

    che dire delle radici dell’europa Giovanni Paolo II auspicava per le radici giudaiche cristiane,rifiutate quelle da parte della nomenclatura rimangono quelle giudaiche massoniche,ovvero satanismo baphomet svelato sicuramente ora si daranno un gran da fare per smembrare la gran bretagna separando il nord irlanda e scozia dal regno unito e sfibrare comunque il governo britannico sui conti della separazione,ma tra poco anche la francia,stufa della dittatura europea può aumentare l’escalation della liberazione,intanto il ttip si ferma grazie alla Brexit

  4. #Giacomo   25 giugno 2016 at 3:23 pm

    Si, anche se l’aggettivo GIUDAICO – cristiane mi piace poco, meglio ROMANO- cristiane ! I giudei hanno rinnegato Cristo è hanno sempre cospirato contro il cristianesimo, quindi io non ce li metterei, poi forse mi sbaglio , ma la vedo così.

    • #Dan   26 giugno 2016 at 3:31 pm

      Io parlerei più precisamente di radici greco-romane cristiane; non dobbiamo dimenticare il notevole contributo dato dalla grande civiltà greca alle nostre radici (pensiamo solo alla filosofia greca e alla sua influenza sul pensiero cristiano).

      • #Giacomo   26 giugno 2016 at 7:27 pm

        Si chiaramente la cultura romana deriva da quella greca, quindi va bene menzionarlo esplicitamente.

    • #gaspare   26 giugno 2016 at 8:56 pm

      Suvvia non fate i discoli seriamente parlando Dio da ad Abramo un incarico,da li viene la legge mosaica ed il popolo dell’osservanza che accoglie Gesù Cristo.Gesù era un giudeo doc,cosi gli Apostoli e i discepoli che si sono convertiti al cristianesimo. da li l’ermeneutica della continuità.Gli ebrei del talmud che usa la Torah come pretesto non sono più giudei INRI io neogiudeo ho Cristo come re gli altri sono niente se non accettano il Cristo

  5. #rosa   25 giugno 2016 at 4:05 pm

    Giacomo,
    Concordo completamemte con quanto ha scritto. Basta con ‘ste radici giudaico-cristiane, forse inventata per sottolineare che anche gli Ebrei della Diaspora hanno contribuito alla nascita e sviluppo dell’Europa, alla sua cultura e civilta’.
    Su tutto cio, stendo un pietoso velo.

    • #Giacomo   26 giugno 2016 at 12:52 am

      Grazie, essi hanno sempre e solo fatto dei danni nella storia.

    • #gaspare   26 giugno 2016 at 8:58 pm

      Capito? cosa si intende per giudaico cristiano?

      • #lister   29 giugno 2016 at 9:31 am

        gaspare, questa è, probabilmente, un’interpretazione che vuoi dar tu: io, se mi danno del “giudaico-cristiano”, mi offendo. Anzi, mi in@@@@o!