Perché Brexit (e perché non se ne fanno una ragione)

Cliccare di seguito per leggere l’articolo:

2016-6-28 – Perché Brexit

Rolling Stones e bandiera britannica

9 Commenti a "Perché Brexit (e perché non se ne fanno una ragione)"

  1. #bbruno   28 Giugno 2016 at 6:45 pm

    e quanti sono gli Ingesi-inglesi nella London multiculturale e multirazziale? Che non sia stata la pancia dell’ inglesità a vomitare il pasto forzato della multiculturalità? Certo, quella pancia bisogna averla: noi, per esempio, l’abbiamo solo per ingurcitarvi le più schifose polpette della cucina multi-‘etnica’! Che goduria!

    Rispondi
    • #Alessio   28 Giugno 2016 at 9:35 pm

      Proprio vero, caro Bruno.
      Ed io devo ammettere che una nazione della quale per i motivi citati nell’articolo avevo una pessima opinione ha fatto un passo che si può solo ammirare.
      Alla faccia di tutti i fantocci europeisti rimasti scornacchiati.

      Rispondi
  2. #Exsurge Domine   28 Giugno 2016 at 7:03 pm

    Come se poi non si sapesse che gran parte dei professori comunitari(di diritto o altro, italioti o di altre nazioni) non fossero altro che delle gran teste di sasso laureati in ignoranza e degrado!!!

    Rispondi
  3. #Alessio   28 Giugno 2016 at 10:35 pm

    Per quanto riguarda l’articolo, tre parole, tutte precedute da MOLTO : esatto, esauriente, piacevole.
    Andrea Giacobazzi ha centrato tutti i bersagli.

    Rispondi
  4. #Giacomo   29 Giugno 2016 at 12:34 pm

    Vediamo il lato positivo, chi si aspettava il Remain, come il nostrano PD ( PARTITO DELINQUENTE ) è rimasto deluso e l’ha presa in quel posto. Che dire, aspettiamo che crolli il sistema, diamogli una spinta,

    Rispondi
    • #bbruno   29 Giugno 2016 at 1:02 pm

      e questo PD ancora una volta da che parte si trova? Dei lavoratori? Troppo banale; loro sono dalla parte di SOROS: mica scemi questi qui! Vuoi mettere Soros coi lavoratori? Davvero, Partito dei Dritti ( altro che dei DIRITTI!)…

      Rispondi
      • #A. Giacobazzi   29 Giugno 2016 at 1:52 pm

        In realtà Soros a questo giro sperava in Brexit, avendo puntato sull’oro e sulla sua ascesa post-caos azionario dovuto all’uscita della GB dalla UE.

        A presto,

        Rispondi
        • #bbruno   29 Giugno 2016 at 2:11 pm

          più che sperare,la fa pagare salata alla Brexit, ovviamente da pescecane come è: cfr . http://www.occhidellaguerra.it/perche-soros-e-contrario-al-brexit/

          Sì Soros, quello di sempre, quello che finanzia il trasbordo dell’Africa in Europa ( e sa bene quale sarà il suo interesse finale, e quale,nell’ immediato, quello dei PD e dei Bergogliani suoi collaboratori -vedi Roma Mafia Capitale,o Italia, Mafia Generale); quello che finanzia a saccate di dollari le ‘esuberanze’ di piazza Maidan in Ucraina, ma non ha soldi, tramite i suoi amici rossi, per i poveracci del mondo, tipo esodati della Fornero, senza lavoro e senza pensione, che crepino……

  5. #lister   7 Luglio 2016 at 6:48 pm

    WOW!!!
    incredibile ma vero: in TV una voce fuori dal coro!
    Paolo Barnard il 5 luglio a La 7:

    https://www.facebook.com/203665816673100/videos7263434590696222/

    Rispondi

Rispondi a Alessio Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.