Sincretismo modernista versus cattolicesimo: la settimana di preghiera ‘per l’unità dei cristiani’

Bergoglio

 

Riportiamo ampi stralci da famigliacristiana.it, classica cantrice delle “magnifiche sorti e progressive” del neomodernismo. Grassettature nostre [RS]

 

E’ una ricorrenza annuale che in questo 2017 assume un rilievo particolare alla luce dei 500 anni della Riforma di Martin Lutero. Comincia la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (18-25 gennaio).  E, tra gli altri, interviene anche papa Francesco: “Ricordo con commozione la preghiera ecumenica a Lund, in Svezia, il 31 ottobre scorso. Nello spirito di quella commemorazione comune della Riforma, noi guardiamo più a ciò che ci unisce che a ciò che ci divide, e continuiamo il cammino insieme per approfondire la nostra comunione e darle una forma sempre più visibile”, ha detto stamane Jorge Mario Bergoglio salutando i pellegrini di lingua tedesca. “All’inizio della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, in particolare do un cordiale benvenuto alla delegazione dell’itinerario europeo ecumenico, guidata dalla signora Preside Annette Kurschus”, ha affermato il Santo Padre: “La vostra tappa a Roma è un importante segno ecumenico, che esprime la comunione raggiunta tra noi attraverso il cammino di dialogo nei decenni scorsi. Il Vangelo di Cristo è al centro della nostra vita e unisce persone che parlano lingue diverse, abitano in Paesi diversi e vivono la fede in comunità diverse”.

Poi il ricordo di Lund e un auspicio per l’Antico Continente: “In Europa questa comune fede in Cristo è come un filo verde di speranza: apparteniamo gli uni agli altri. Comunione, riconciliazione e unità sono possibili. Come cristiani, abbiamo la responsabilità di questo messaggio e dobbiamo testimoniarlo con la nostra vita. Dio benedica questa volontà di unione e custodisca tutte le persone che camminano sulla strada dell’unità”. […]

Ai fedeli polacchi, Francesco ha citato il “motto” della Settimana – “L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione” – definendolo una “sfida”: “Preghiamo il Signore affinché tutte le comunità cristiane, conoscendo meglio la propria storia, teologia e diritto si aprano sempre di più alla collaborazione. Ci pervada lo spirito di benevolenza e comprensione, come anche la voglia di collaborare”.

 

***

 

Che cosa dice invece la retta dottrina cattolica? Che l’unità si fa soltanto nella verità, che con eretici e scismatici non esiste alcuna Comunione, e che la preghiera insieme agli eretici rende quantomeno sospetto di eresia chi la performa. Diffidate delle mielose sirene moderniste e pregate perché i non cattolici si convertano, non per una fantomatica e impossibile unità in cui ogni errante resta nel proprio errore: Ottavario di preghiera per la conversione dei non cattolici.

 

13 Commenti a "Sincretismo modernista versus cattolicesimo: la settimana di preghiera ‘per l’unità dei cristiani’"

  1. #Gaspare   19 Gennaio 2017 at 3:46 pm

    Chi prega si salva,e chi prega per l’unità dei cristiani è cosa gradita a Dio che disse in un Vangelo “se avrete Fede potete fare cose più grandi di Me”mi corregga qualcuno se sbaglio,San Paolo raccomandava di rimanere uniti,ora se abbiamo avuto invasati come lutero nella storia possiamo pregare perchè il suo dissenso svanisca e ci si riunisca al seguito del Papa,pregare per ciò non guasta,è Opera di Misericordia Spirituale e Materiale,pregare Dio per i vivi e per i morti

    Rispondi
    • #Alessio   19 Gennaio 2017 at 4:13 pm

      Avere un Papa sarebbe di certo un ottimo inizio.

      Rispondi
    • #jb Mirabile-caruso   19 Gennaio 2017 at 4:52 pm

      Gaspare: “…ora se abbiamo avuto invasati come lutero nella storia possiamo
      ……………..pregare perché il suo dissenso svanisca e ci si riunisca al seguito
      ……………..del Papa…”…………………………………………………………………………..

      Al seguito di quale papa, signor Gaspare? Non è che Lei confonda preghiera per insulto? Perché certamente d’insulto si tratterebbe se Lei per papa si riferisse a questo presente personaggio invasato dal demonio che bestemmia Dio da mane a sera!!!

      Non riesco nemmeno ad immaginarmi come si possa pregare Dio al seguito di uno che Lo bestemmia, immagini Lei che farlo nella realtà!

      Rispondi
      • #lister   19 Gennaio 2017 at 5:56 pm

        “[…]e ci si riunisca al seguito del (falso, aggiungo io) Papa […]”

        Per tornare con lui a Lund ad omaggiare quello che tu stesso, un attimo prima, hai definito “invasato”?
        Un po’ di coerenza, per favore!!!

        Rispondi
      • #Gaspare   20 Gennaio 2017 at 12:48 pm

        Non voglio polemizzare,Papa Francesco chiede continue preghiere anche per se stesso,il che è sempre stato nostro dovere di pregare per tutti i pastori che nel difficilissimo esercizio di Guide devono avere l’aiuto di tutti noi,certo ci sono discussioni ed io su questo non le voglio mischiare con la Preghiera,che è un mezzo virtuso perchè le cose vadano nel verso della pace e suscitano un ascolto del Creatore che tutto può e tutto fa,perchè le porte degli inferi non prevalgano sulla Chiesa,come ci ha assicurato con la Sua Parola.

        Rispondi
  2. #bbruno   19 Gennaio 2017 at 5:31 pm

    “noi guardiamo più a ciò che ci unisce che a ciò che ci divide…”, la solita vecchia sparata di un pancione di ‘papa’ di rivoltante memoria, ripetuta come un mantra..

    e allora perché per tutto quello che in comune hai coi porci, o Bergoglio, non ti metti a vivere in un porcile, assieme a loro? Ma stai attento che questi animali fessi non sono e ti si rivolterebbero contro, sbranandoti…

    (scusate la violenza
    ma come si fa a stare calmi
    di fronte a tanta strafottenza?)

    Rispondi
  3. #lister   20 Gennaio 2017 at 9:58 am

    E’ un OT, ma è necessario.
    Un plauso va alla Redazione di RS per la scelta delle istantanee del pampero:
    azzeccatissime ed… esilaranti.
    Bravi!

    Rispondi
    • #Alessio   20 Gennaio 2017 at 12:43 pm

      D’altra parte lo Stanlione ci mette molto del suo…

      Rispondi
  4. #mah   20 Gennaio 2017 at 1:01 pm

    Dopo la celebrazione di Lutero arrivano terremoti, nevicate record, trombe d’aria e tragedie….tutti che si ostinano a non leggere i segni dei tempi….continuassero a ignorare Dio..

    Rispondi
  5. #Maria   20 Gennaio 2017 at 4:54 pm

    Mah!
    non credo proprio sa che Dio abbia bisogno di far sentire il suo disappunto,nei nostri confronti, servendosi delle calamità naturali.Tempo al tempo e vedremmo, se ci saremo ancora, cose ben più spaventose….dove tutti senza distinzione verremo noi stessi a vedersi per giudicarci.
    Messaggi da Garabandal. Ovviamente per chi ci crede.

    I segni dei tempi cerchiamo di vederli dentro noi.

    Rispondi
    • #mah   21 Gennaio 2017 at 10:32 am

      Certo Gesu’ è “misssssericcoooordioso!”

      Menomale che nei Salmi si richiede sempre a Dio di “placare la tua ira per le nostre iniquità!”

      “vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi; 8ma tutto questo è solo l’inizio dei dolori.”

      Vangelo secondo Matteo (24,7-24,8)

      ” 11 e vi saranno di luogo in luogo terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandi dal cielo.”

      Vangelo secondo Luca (21,11)

      ” 7 Quando l’Agnello aprì il quarto sigillo […] mi apparve un cavallo verdastro. Colui che lo cavalcava si chiamava Morte e gli veniva dietro l’inferno. Fu dato loro potere sopra la quarta parte della terra per sterminare con la spada, con la fame, con la peste e con le fiere della terra.”

      Apocalisse di Giovanni (6,7-6,8)

      ” 1 Lo Spirito dichiara apertamente che negli ultimi tempi alcuni si allontaneranno dalla fede, dando retta a spiriti menzogneri e a dottrine diaboliche, 2sedotti dall’ipocrisia di impostori, già bollati a fuoco nella loro coscienza.”

      Prima lettera a Timoteo (4,1-4,2)

      Rispondi
    • #no comment   21 Gennaio 2017 at 2:42 pm

      “Dentro di noi”? Signora lei e’ buddhista?

      Rispondi
  6. #no comment   21 Gennaio 2017 at 5:49 pm

    “Il papa della gioia” (nella foto)…a me da l’impressione di uno che alza il gomito e bestemmia…

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.