Assunti solo i medici abortisti: la democrazia che discrimina i nemici della dittatura relativista

aborto

di Benedetta Frigerio

Questa volta il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, ha vinto. Impegnato nella diffusione dell’aborto senza se e senza ma, e quindi nella battaglia contro gli obiettori di coscienza, è riuscito a chiudere un bando di concorso per l’assunzione di medici esclusivamente abortisti. L’ospedale san Camillo-Forlanini di Roma, superando resistenze e ricorsi, ha quindi assunto due medici proprio perché disposti a uccidere i bambini nei grembi materni, con tanto di commento del direttore ospedaliero, Francesco d’Alba, per ricordare che “se chi ha vinto il concorso farà obiezione nei primi mesi dopo l’assunzione, potrebbe rischiare il licenziamento, perché sarebbe inadempiente rispetto al compito specifico per cui è stato chiamato”. Siamo dunque all’assurdo in cui un medico, che dovrebbe essere assunto per le sue capacità di cura, viene reclutato al solo scopo di uccidere.

Ma Zingaretti non è nuovo alle battaglie radicali, dato che già nel 2014 aveva emanato un decreto in cui obbligava tutti i medici obiettori a rilasciare certificati per l’aborto, raggirando di fatto l’obiezione di coscienza tutelata dalla legge (come ha ricordato ieri il centro studi Livatino chiedendo un intervento del governo). Il consigliere regionale Olimpia Tarzia e altre associazioni avevano quindi sollevato le loro obiezioni di fronte al Tar, che poi aveva dato ragione al governatore. L’anno successivo, però, il decreto era stato sospeso dal Consiglio di Stato che, al ricorso in appello, aveva risposto riaffermando il diritto degli obiettori.

Senza darsi per vinto e forte del richiamo del Comitato europeo dei Diritti Sociali, organo del Consiglio d’Europa (l’anno scorso aveva accolto il ricorso della Cgil, per cui i medici non obiettori erano pochi e si sobbarcavano troppo lavoro, dichiarando che L’Italia “viola il diritto alla salute delle donne”) Zingaretti ci aveva riprovato aprendo nella primavera del 2016 il concorso per l’assunzione dei soli abortisti, questa volta ottenendo ciò che voleva. In effetti, oltre alla menzogna sul numero crescente di obiettori e sul carico di lavoro degli abortisti smentiti dai dati ministeriali (dai 3,3 bambini uccisi settimanalmente negli anni Ottanta da ogni medico abortista, si è passati a 1,4), bisogna riconoscere che quanto sta avvenendo nasce dal ribaltamento dell’impianto legislativo democratico, anche se tramite processi democratico-giuridici. Come dimostra anche la recente legge francesce in cui, in nome della legalità dell’omicidio dei figli in grembo, è stato stabilito il divieto di diffondre informazioni anti abortiste.

Motivo per cui il problema non deve essere tanto quello di dimostrare che l’accesso all’aborto in Italia è garantito, bensì di continuare a spiegare perché l’aborto non può essere contemplato dalla legge. Infatti, quello a cui stiamo assistendo è senza dubbio l’esito normale e ultimo di una democrazia che ammettendo l’aborto, e quindi privandosi del fondamento nella legge naturale oggettiva e riconoscibile dalla ragione di ogni uomo, è destinata a degenerare in una dittatura della maggioranza al potere. Non a caso papa Benedetto XVI chiamava una tale democrazia “dittatura del relativismo” o “intolleranza dei tolleranti”, mostrando il paradosso quanti in nome della difesa di ogni opinione, poiché non esiste verità, diventano incapaci di accogliere quella di chi pensa al contrario che la verità esista. Perché lasciare spazio anche a quest’ultima “opinione” significherebbe accettare la presenza di un argine all’impianto ideologico relativista necessario allo Stato per imporsi. Lo spiegò sempre il papa nell’Udienza generale del 16 giugno 2010: “Quando la legge naturale e la responsabilità che essa implica sono negate si apre drammaticamente la via al relativismo etico sul piano individuale e al totalitarismo dello Stato sul piano politico”.

Dunque i nemici di questa nuova forma di dittatura, che non ha nulla da invidiare a quelle precedenti, anzi è più pericolosa in quanto subdola, non possono che essere tutti coloro che si rifiutano di fare del male perché riconoscono un bene da perseguire. E quindi anche tutti i cristiani fedeli al Vangelo. Non a caso già nel 2001, in “Dio e il mondo. Essere cristiani nel nuovo millenio”, l’allora cardinale Joseph Ratzinger profetizzò così sul relativismo: “Credo che questo sia un pericolo reale. Certo, i cristiani non sarebbero apertamente perseguitati; sarebbe una cosa troppo di altri tempi, poco elegante. No, bisogna essere tolleranti, aperti a tutto. Ma poi ci sono cose che vanno decisamente escluse, etichettate come fondamentaliste, anche laddove si può invece trattare di vera fede. Penso che si possa creare una situazione in cui occorrerà opporre resistenza, resistenza a una dittatura di tolleranza apparente che vuole mettere fuori gioco lo scandalo della fede liquidandolo come intollerante”. Dunque, non c’è alternativa se non quella di resistere e denunciare il potere, come ha fatto, fa e chiede anche noi Gesù.

13 Commenti a "Assunti solo i medici abortisti: la democrazia che discrimina i nemici della dittatura relativista"

  1. #Mazzarino   23 febbraio 2017 at 6:28 pm

    Sono i frutti italiani dell’impostore eretico vestito di bianco. Non vuole sentire parlare d’aborto? Verrà un giorno in cui sarà rinchiuso nella stessa camera e costretto a vedere questi “medici” mentre frullano il corpo del bambino col minipimer.

    Rispondi
  2. #Maria   23 febbraio 2017 at 6:49 pm

    Mazzarino
    ma che cavolo sta dicendo. Mi scusi sa,ma lei caro mio le cose se le sogna di notte e poi le dice?
    Andiamo e’perdonato solo se non ha ancora raggiunto l’età della ragione.

    Rispondi
  3. #Alessio   23 febbraio 2017 at 8:12 pm

    Il massone abusivo di Santa Marta ovviamente non mette becco : non si tratta mica di immigrati, solo di bambini italiani!

    Rispondi
  4. #lister   24 febbraio 2017 at 9:47 am

    Ora il Galantino dovrà sopportare che, anche davanti al S. Camillo, si troveranno altre facce inespressive di cristiani che pregano per fermare gli aborti.

    Rispondi
  5. #Riccardo   25 febbraio 2017 at 11:33 am

    Non è la prima nefandezza di Zingaretti.

    Rispondi
  6. #Maria   25 febbraio 2017 at 3:07 pm

    Che c’è da commentare!!! Non può uscirne parola!!!

    Tutte le lacrime del mondo versate non basterebbero per far capire che ogni bambino ucciso, non gli e “stata data possibilita’ ” di farsi conoscere, per quanto bello, gioioso, fiducioso,amorevole; sempre con tanta voglia di giocare.La sua mamma,porto sicuro dove rifugiarsi quando qualcosa lo avrebbe spaventato, sentendosi cosi rassicurato.

    Invece è solo e triste.Spera un giorno di incontrarla. Prega sempre Gesù Bambino che la protegga e che nessuno le debba far del male.Un giorno vorrebbe poterla abbracciare, e dirle,che e’ per lei, tutto il bene del mondo, per lei…..solo per lei …..
    ————————————————————————————
    Ogni qualvolta che uccidete un bambino, avete ucciso voi stessi.

    Questa e’ una dura battaglia per voi cristiani…non lasciate portarvi via un sogno,una speranza…

    Rispondi
    • #JORGE MARIO "FRANCISCO" BERGOGLIO   25 febbraio 2017 at 8:48 pm

      Porchè tu dice de estar de mi parte e ahora dice questo?
      Quando tu me hai visto piangere por los abortos? Lo steso numero de volte che ho pianto por los cristianos perseguitados : mai.
      Quando tu me has visto combatere el aborto? Lo steso numero de volte che ho defendido los cristianos perseguitados : mai.

      Por lo tanto, debi sceliere si vuoi estare con noi los hermanos masones o con questi catolici rompipale, raza de comepinga che altro no sei!!!

      Rispondi
      • #Maria   26 febbraio 2017 at 8:15 pm

        Signor Bergoglio
        mi perdoni, non riesco a capire quello che scrive.
        Deve scrivere in italiano!

        Rispondi
        • #JORGE MARIO "FRANCISCO" BERGOGLIO   26 febbraio 2017 at 8:39 pm

          Lo unico che debe saber è che sei una comepinga!

  7. #ri-miri   26 febbraio 2017 at 3:12 pm

    Alla signora Maria piace far vento.
    e alla Redazione piace la signora Maria cui piace far vento.

    Rispondi
  8. #bbruno   26 febbraio 2017 at 9:27 pm

    per praticare l’aborto chi dovevano assumere, gente che non vuol praticare l’aborto?

    La CEI si scandalizza, ma alla Cei la 194 piace, e allora la Cei vada a curarsi i suoi nèi, che son grossi e purulenti…….

    E quando il Ratzinger emerito ha benedetto tutti i relativismi religiosi, con che faccia predicava contro il relativismo etico???

    E difatti il Bergoglio nostro l’ha detto chiaramente , senza ritegno : chi di noi può giudicare? Ognun di voi faccia come gli pare….E così il Pannella e la sua Bonino, diventano oro sopraffino!…

    Rispondi
  9. #Maria   26 febbraio 2017 at 11:10 pm

    Signora miri
    Non è detto che dopo il vento arrivi come tempesta?

    E alla Redazione piace la Signora miri, a cui piace,che dopo il vento, arrivi lei come tempesta.

    Sempre più sveglia!

    Rispondi
  10. #Er coatto   27 febbraio 2017 at 7:03 pm

    miri dice.
    “Alla signora Maria piace far vento”.
    L’importante è che nun sia er vento che faceva er diavolo Barbariccia de Dante… 😀

    Rispondi

Rispondi