Times of Malta: ‘gli ultraconservatori di Radio Spada attaccano i nostri vescovi’

10358134_10153474389863175_7646193150347365530_n

 

In uno strano calderone di riferimenti sconnessi la testata “Times of Malta” borbotta contro “the ultraconservative Italian Radio Spada“. Saremmo, ai loro occhi, colpevoli di aver fatto notare come i vescovi maltesi abbiano tradito il Vangelo per applicare Amoris Laetitia.

 

Per chi avesse voglia di leggere: http://www.timesofmalta.com/articles/view/20170201/letters/Bishops-wise-words.638236

 

 

6 Commenti a "Times of Malta: ‘gli ultraconservatori di Radio Spada attaccano i nostri vescovi’"

  1. #Alessio   1 Febbraio 2017 at 12:33 pm

    “Times of Malta” = “I tempi della malta”.
    Cos’è, un capitolo del manuale per gli apprendisti muratori?

    Rispondi
  2. #Lucia Oppizzi   1 Febbraio 2017 at 12:35 pm

    Ma non sono quelli ecumenici,pronti a dialogare in letizia con tutti?Ovviamente,con tutti quelli con cui si parla del più e del meno,di politica,di affari.Ma di dottrina NO.
    La dottrina può essere divisiva.Vale un proverbio di mia nonna : Parlà cun chi na sà e tratà cun chi ghe n’à.(Parlare con chi sa e trattare con chi ha)E quando si tratta di potere o denaro ,di cui sono esperti,loro evitano argomenti divisivi come la dottrina.E RS non dispone nè ha conoscenza di potere e denaro,ma solo di questioni dottrinali,meschini!

    Rispondi
  3. #Diego   1 Febbraio 2017 at 1:34 pm

    Altra carta igienica sporca che difende degli eretici!
    E’ da tempo che ci siamo abituati!

    Rispondi
  4. #Alberto   1 Febbraio 2017 at 2:12 pm

    Chissà se ai loro occhi adesso sarà colpevole anche il cardinal Müller: http://www.lanuovabq.it/it/articoli-mller-striglia-i-vescovi-che-interpretano-il-papaniente-comunione-ai-divorziati-risposati-18797.htm

    Rispondi
  5. #Alberto   1 Febbraio 2017 at 4:24 pm

    Ma la perla del loro delirio è alla fine:
    “The Jesuit George Tyrrell, banished to Malta in the late 1890s, was one of the victims of that obscurantist campaign: to me he is not a hero but a martyr”.
    Capite? Hanno fatto diventare l’ipermodernista George Tyrrell non solo “un eroe”, ma perfino “un martire”.
    Ma manco Bergoglio (per ora) l’aveva sparata così grossa!

    Rispondi
  6. #Non Metuens Verbum   2 Febbraio 2017 at 9:26 pm

    Che vi aspettate, da chi lamenta i danni gravissimi portati alla Chiesa dalla “persecuzione antimodernista del primo Novecento”, e identifica i Lefebvristi con i continuatori della persecuzione ?

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.