[AUDIO-conferenza] ‘Calvario rosso’ e le oltre 70 donne uccise dai partigiani a Reggio Emilia e dintorni: E. Bianchini Braglia, L. Tadolini e P. Pisanò

17229975_168676613640910_537572516_o

L’11 marzo 2017 a Reggio Emilia presso l’Hotel Notarie, l’Associazione culturale “Pietro e Marianna Azzolini” e il Centro Studi Italia hanno presentato la conferenza: “Crimini partigiani e Calvario Rosso: le oltre 70 donne uccise dai partigiani in provincia di Reggio Emilia”,

con interventi di: Elena Bianchini Braglia, Luca Tadolini e Paolo Pisanò.

La registrazione e il montaggio video sono a cura di Radio Spada.

Gli amici dell’Associazione culturale “Pietro e Marianna Azzolini” saranno con noi anche il 25 aprile alla 3° giornata radiospadista.

 

 

2 Commenti a "[AUDIO-conferenza] ‘Calvario rosso’ e le oltre 70 donne uccise dai partigiani a Reggio Emilia e dintorni: E. Bianchini Braglia, L. Tadolini e P. Pisanò"

  1. #lister   12 Marzo 2017 at 12:33 pm

    NON furono vittime della “Guerra Civile” da parte partigiana: furono assassinii perpetrati nel DOPOGUERRA. Eccidi, stupri, violenze ed ammazzamenti commessi per vendetta “politica” e personale.

    Vendetta per vendetta, onore ad Alfa Giubelli la bambina che aveva 10 anni, nel ’44, quando i partigiani, davanti ai suoi occhi, le uccisero la mamma, Margherita Ricciotti perché considerata una “spia”, perché “tutti i Ricciotti sono spie”. Nel ’56, ormai donna, Alfa si reca a casa dell’assassino di sua madre, diventato Sindaco di Crevacuore con tanto di medaglia d’oro, gli si presenta dicendo: “Sono Alfa Giubelli, figlia di Margherita Ricciotti” e lo uccide scaricandogli addosso cinque colpi di pistola.

    Rispondi
    • #Alessio   12 Marzo 2017 at 8:12 pm

      ONORE!!!

      Quando leggo queste cose mi fà un gran piacere ricordare che i miei parenti contro la feccia partigiana fecero per bene tutto quello che andava fatto, ed ora della fine se la passarono completamente liscia alla facciazza loro.

      Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.