Negri: «La mano di Obama dietro le dimissioni di Benedetto XVI». E Gotti Tedeschi rincara la dose

negri-luigi-home-min
fonte: riminiduepuntozero.it

 

Ok, ma dov’era Monsignor Negri – giusto per fare un esempio – quando si “celebrava” Assisi? Per non parlare della “nuova Messa”. Alla luce di questo “coraggio” selettivo e “a scoppio ritardato”, il fervore del Dott. Gotti Tedeschi pecca francamente di ottimismo. [RS]

 

L’ex arcivescovo di Ferrara parla di un «complotto americano» contro il Papa

 

di Stefano Filippi

Ancora dubbi sulle dimissioni di Benedetto XVI a quattro anni da quella rinuncia che, l’11 febbraio 2013, ha cambiato la storia della Chiesa. Ancora sospetti su un presunto complotto internazionale, al quale avrebbe partecipato addirittura l’ex presidente americano Barack Obama, che avrebbe indotto Joseph Ratzinger ad abbandonare la cattedra di San Pietro; timori di pressioni che avrebbe subito, così forti che evidentemente era impossibile resistere.

E di conseguenza si torna a congetturare che il passo indietro del Papa emerito non sia stato libero, come egli ha dichiarato fin da subito e ribadito successivamente nelle rare volte in cui ha avuto l’occasione di tornare sull’argomento. Fino a ieri lo scenario di una cospirazione anti Ratzinger era un’ipotesi di giornalisti, osservatori di cose vaticane e ambienti cattolici ostili alle novità introdotte da Papa Francesco che non si rassegnano all’abbandono del suo predecessore.

Ora invece c’è un autorevole uomo di Chiesa, l’arcivescovo Luigi Negri, sollevato poche settimane fa dalla guida della diocesi di Ferrara per raggiunti limiti di età (il suo successore subentrerà a giugno), che fa propria l’idea del complotto americano. In una lunga intervista a un giornale online di Rimini, Negri parla di «motivi gravissimi» dietro la rinuncia di Benedetto XVI. «Sono certo – dichiara – che un giorno emergeranno gravi responsabilità dentro e fuori il Vaticano. Benedetto XVI ha subito pressioni enormi». Aggiunge il vescovo emerito di Ferrara: «Non è un caso che in America, anche sulla base di ciò che è stato pubblicato da Wikileaks, alcuni gruppi di cattolici abbiano chiesto al presidente Trump di aprire una commissione d’inchiesta per indagare se l’amministrazione Obama abbia esercitato pressioni su Benedetto. Resta per ora un mistero gravissimo, ma sono certo che le responsabilità verranno fuori. Si avvicina la mia personale “fine del mondo” e la prima domanda che rivolgerò a San Pietro sarà proprio su questa vicenda».

Il monsignore non manca di ricordare la sua frequentazione con Benedetto XVI, il rapporto di «forte amicizia» con il pontefice emerito: «In questi ultimi quattro anni l’ho incontrato diverse volte. Negli ultimi incontri l’ho visto infragilito fisicamente, ma lucidissimo nel pensiero. E’ stato lui a chiedermi di guidare la diocesi di Ferrara. Mi sono sempre rivolto a lui nei momenti più importanti per discutere delle scelte da fare e non mi ha mai negato il suo parere, sempre in spirito di amicizia».

Traspare il tentativo di accreditarsi come interprete autorevole del Ratzinger-pensiero, benché nel recente libro-intervista con Peter Seewald, intitolato Ultime conversazioni, lo stesso Benedetto XVI abbia liquidato come «assurdità» le tesi complottistiche di giornalisti e gruppi cattolici tradizionalisti: «Nessuno ha cercato di ricattarmi», ha messo per iscritto. Ma ora le dure dichiarazioni di un suo fedelissimo riaprono gli interrogativi.

 


 

a cura di Marta Moriconi [segnalazione a RS del Dott. Gotti Tedeschi]

 

Monsignor Negri dice che ci sarebbe “la mano di Obama dietro le dimissioni di Benedetto XVI”. L’ex arcivescovo di Ferrara parla di un “complotto americano” contro il Papa. Plausibile?

Il complotto appare essere americano solo perché loro hanno avuto la guida del Nuovo Ordine Mondiale. Vede, il complotto, se così possiamo chiamarlo, fu mirato a cercar di risolvere alcuni problemi causati dal fallimento del famoso Nuovo Ordine Mondiale degli anni ’70, gnostico, neomalthusiano e ambientalista. Questo progetto di Nuovo Ordine, dichiaratamente, si prefiggeva (tra le varie cose) la relativizzazione delle fedi religiose più dogmatiche e manifestamente dimostrò di avversare tanto la fede cattolica da far dichiarare pubblicamente – e dai massimi responsabili Onu, Oms… – che l’etica cristiana non poteva più esser applicata e che si doveva esigere il sincretismo religioso per creare una nuova religione universale (anche grazie ai processi di immigrazione). Addirittura il Presidente Usa, Obama appunto, personalmente nel 2009 dichiarò che, essendo la salute benessere psico-bio-sociale, si doveva dare via libera ad aborto senza restrizioni, eutanasia grazie a limitazione delle cure, negazione al diritto di coscienza.

Ebbene non è difficile comprendere che, in questo contesto di avversione alla fede cattolica, il Papa, massima autorità morale al mondo potesse diventare oggetto di attenzione sulla sua disponibilità o meno a voler “capire le esigenze del mondo globale”. Ora, Papa Benedetto XVI insisteva invece nel riproporre il problema antropologico secondo la visione cattolica (ergo l’uomo creatura di Dio-Creatore), combatteva il relativismo portando Dio al centro del dibattito culturale soprattutto azzerando le distanze fra fede e ragione e affermava l’esigenza di tornare ad evangelizzare, spiegando che il fallimento della civiltà occidentale era dovuto al rifiuto del cattolicesimo, etc. Come meravigliarsi che un tale Papa restauratore non dovesse esser considerato “fuori gioco”? Un famoso filosofo laicista scrisse, come riporta Il Fatto Quotidiano del 26 novembre 2009: “Quando la Chiesa del silenzio prenderà la parola, la “reconquista” di Ratzinger si dissolverà, come all’alba i sogni e i vampiri”.

Se gli americani fossero stati capaci di far dimettere un Papa, potrebbero aver avuto la forza di farne eleggere un altro di loro gradimento?

Gli americani son stati capaci di “licenziare” Clinton/Obama e far nominare Trump. Mi vien da pensare che abbiano grandi capacità reattive… Un giorno mi piacerebbe spiegare al Papa la mia esperienza vaticana con ambienti americani, direttamente ed indirettamente, influenti. Tornando però a Monsignor Negri, io penso che sia difficilmente comprensibile che si possa decidere di non valorizzare più un sacerdote del suo tenore. Non è a me neppure tanto comprensibile come persone come lui e i 4 cardinali che hanno espresso i Dubia, dimostrando solo quanto amano la Chiesa, possano venir ignorati e messi da parte. Non lo trovo solo incomprensibile, ma anche imprudente, perché in tal modo ci si priva della loro competenza, che non mi pare sia tanto facilmente surrogabile. Monsignor Negri, che vorrà certo continuare a servire la Chiesa, lo farà con molti cattolici di valore che gli sono vicino. E’ un peccato che gli attuali vertici della Chiesa vicino al Papa, rischino di privarsi del suo amorevole e prestigioso aiuto, competenza, energia. Qualcuno ieri suggeriva che si potrebbe pensare di affidare a Monsignor Negri la Comunità di Bose, al fine di “valorizzarla”, come è già stato fatto con i Francescani dell’Immacolata.

La sua rimozione e le dimissioni di Ratzinger potrebbero esser collegate?

Come potrei saperlo? Certo Negri era “figlio spirituale” prediletto di Ratzinger, certo con una personalità ed un temperamento straordinariamente forte, tipico di grandi personalità “sante” nella storia della Chiesa. Mi dicono peraltro che, prescindendo da tutto ciò, siamo solo agli inizi dell’attacco alla nostra santa Chiesa. Ma posso anche assicurarle che la Chiesa verrà difesa fino al martirio da persone proprio come monsignor Negri. Questa è la differenza tra un sant’uomo come lui e i tanti “leccacalzini“ imperanti.

 

 

Fonti: Il Giornale (edizione cartacea, odierna) e IntelligoNews.it

 

 

 

14 Commenti a "Negri: «La mano di Obama dietro le dimissioni di Benedetto XVI». E Gotti Tedeschi rincara la dose"

  1. #Paola   8 marzo 2017 at 7:24 pm

    Si per chi crede alle profezie,Beata Katerina hemmerich, TeresA Neuman ,San Giovanni Bosco,Maria Simma ,Giuseppe Auricchia,Madonna di anguera ,Madonna di Fatima, della Quale il terzo segreto non e’stato rivelato del tutto,io credo fermamente che la massoneria del clero ed ecc,lo abbia imprigionato !.perché non voleva aderire al nuovo ordine mondiale religioso.si e’offerto vittima martire , per la Chiesa una Santa Cattolica.io so che e’cosi.Piaccia o no.

  2. #Patrizia   8 marzo 2017 at 9:17 pm

    Nella vera Chiesa Cattolica ci sono ancora dei Giganti come S. Atanasio.
    L Arcivescovo Emerito Luigi Negri è uno di questi assieme al C. Caffarra, Shnaider, Burke e altri ancora. Da soli questi Pastori mettono in ombra dal punto di vista Dottrinale quella maggioranza insipiente di prelati prime donne che credono con il loro potere di raggirare il gregge con novità mondane e blasfeme. Guai a loro! Quanto al Prof. Gotti Tedeschi, è un valido autorevole esempio di fedele laico che può ben aiutare nella comprensione di questi tempi bui per la Chiesa.

    • #bbruno   8 marzo 2017 at 11:37 pm

      un minimo di rispetto per Sant’Atanasio, e una elementare conoscenza della storia della Chiesa dovrebbero impedirci di fare certe affermazioni….. Caffarra Negri Burke e compagnia… dei giganti!!!! Dei giganti come capitan Fracassa, certo! Aspettiamo comunque sempre che il gigante Burke torni da Guam, dove è andato in OBBEDIENZA al suo papa da ammonire, e che faccia i suoi sfracelli promessi!! E Caffarra che fa, dove è? E Negri prega la Madonna che tolga di mezzo il pappa FrancIesco, perché, udite udite, non perché è un lestofante, il Bergoglio, dico, ma perché non rispetta le procedure canoniche e tradizionali nel nominare i titolari delle sedi vescovili : questioni di PROMOZIONI o AVANZAMENTI di CARRIERA!!! DOVE, poi? Nella sua chiesa, che è allora anche la chiesa di Negri, dove, si vede, il Negri ci tiene proprio (ci teneva) ad aver avanzamenti! BEL GIGANTE, certo!

    • #jb Mirabile-caruso   9 marzo 2017 at 9:54 am

      Patrizia: “L’Arcivescovo Emerito Luigi Negri è uno di questi [Giganti della vera
      ……………Chiesa Cattolica] assieme al C. Caffarra, Schnider, Burke ed altri ancora”.

      I Cardinali che Lei menziona, gentile signora Patrizia, sono i Giganti della vera Chiesa Cattolica come il ciarlatano argentino è il vero Vicario di Cristo e la sinagoga di satana è la vera Chiesa Cattolica!

      Con una sostanziale differenza, tuttavia: che mentre i secondi sono ‘infuocati’ nel loro patto con il diavolo, i primi sono estremamente ‘tiepidi’ nella loro fede in Gesù Cristo.

  3. #mah   8 marzo 2017 at 11:16 pm

    L’altra faccia del modernismo ed ecumenismo dietro un finto tradizionalismo….e’ cosi sicuro e convinto di dover incontrare S. Pietro in persona dopo aver augurato la morte a Bergoglio e fare convegni sulla liberta’ religiosa? Io avrei le mie perplessita’….

  4. #Alessandro   9 marzo 2017 at 1:53 am

    Non so francamente se ridere o piangere per il contenuto di questo articolo! Il ben dell’intelletto è merce sempre più rara!

  5. #giona   9 marzo 2017 at 8:20 am

    Il diavolo sta ripetendo le sue recite (drammi per noi) come già fece sin dagli albori del cristianesimo, ora come disse e stabilì con Magistero San Pio X Papa abbiamo la somma , la cloaca di tutte le eresie, il sunto. Ratzinger ha combattuto contro Fatima ed ha cercato di RIDICOLIZZARLE e leggeva intanto Caterina Emmerick (scriveva un commentatore di papale papale sulla EmmericK non su Fatima di cui parla il rev:Kramer) e poi guarda caso INVENTA un Pietro doppio con Pietro in pensione e Pietro attivo. La chiesa anglicana eretica ha anche il tadizionalismo nella chiesa alta e il modernismo nella bassa chiesa. Si ripete la recita, la farsa attuale.

  6. #miri   9 marzo 2017 at 11:17 am

    Ma la smettano tutti i finti tradizionalisti :cardinali , vescovi, laici…..di prendere per i fondelli! Certamente, si scagliano contro la pedina bergoglio per difendere il CV2!……

    Senza il CV2 sarebbero dei signor nessuno. E il cv2 è Nostra Aetate. Leggersela e meditare le prospettive che apriva…….E per meglio spiegarle c’è la Nota del 24 ottobre 2011 del Pontif. Cons. della Giustizia e della Pace. ( regnante Ratzinger). Leggere anche questa nota. (nel mare-magnum di documenti che ci illustrano la natura del cv2).

  7. #bbruno   9 marzo 2017 at 11:31 am

    forse il luogo migliore per questo mio commento è questo:

    Il Ratzinger è solo vittima di se stesso, della cricca a cui appartiene, quella del Nuovo Ordine che lui stesso invoca nella sua ‘caritas in veritate’, come rimedio al disordine mondiale, e che, dovrebbe sapere, colloca le sue pedine e le rimuove, secondo le necessità degli avanzamenti del piano stabilito…Per Ratzinger era sonata l’ora di farsi da parte. E lasciare il posto allo SBRAGATORE finale…Pr contentino l’hanno lasciato nel fortino vaticano a godersi la sua prigionia dorata, e perché stesse zitto … Lo hanno nominato ‘ papa emerito’ , un titolo mai udito e mai immaginato! E come ‘papa emerito’ mica vorrà fare dei casini?

    “Lo sviluppo integrale dei popoli e la collaborazione internazionale esigono che venga istituito un grado superiore di ORDINAMENTO INTERNAZIONALE di tipo sussidiario per il governo della globalizzazione 149 e che si dia finalmente attuazione ad un ordine sociale conforme all’ordine morale e a quel raccordo tra sfera morale e sociale, tra politica e sfera economica e civile che e` GIA` PROSPETTATO NELLO STATUTO DELLE NAZIONI UNITE”.

    Appunto, una RIMOZIONE in vista del raggiungimento di quel “grado superiore di ordinamento internazionale” da lui stesso indicato ….Una nuova e stabile “primavera” ECCLESIASTICA- oh, quanto funeste queste ‘PRIMAVERE! Al Ratzinger è andata bene che non ha fatto la fine delle vittime delle altre primavere….Forse per i punti merito incommensurabili accumulati…

  8. #giona   9 marzo 2017 at 1:32 pm

    Carissimo BBRUNO se questo articolo ha del vero
    http://www.tuttigliscandalidelvaticano.com/2012/06/satana-intronizzato-in-vaticano.html
    e mi parrebbe così , calcoli lei. In vaticano ci sta Lucifero intronizzato nel 1963 con una doppia cerimonia in diretta tra loro America-Roma, nel 2005 è stato intronizzato il capo degli illuminati di Baviera che dice il link esser lu capo d e tutte le massonerie – e che Chiesa viva (confermata dal link) afferma esser lui, falso profeta quindi, e poi nel 2013 l’attual dictator che sarebbe allora l’anticristo, e la triade sarebbe stata installata al completo il 13.3.2013. Ecco il numero dell’anticristo.

    • #bbruno   9 marzo 2017 at 11:03 pm

      cose spaventose si leggono qui, caro #giona, ma cose ancora più spaventose si vedono praticate da quelli che si dicono ‘uomini della chiesa’, gli stessi di cui qui si parla… Dopo quello che ha scritto Leone XIII a proposito del “trono dell’empietà” eretto dagli “astutissimi nemici” della Chiesa “nel luogo santo posto a faro di verità per il mondo intero”, nessuno stupore per quanto scritto sugli scandali del vaticano… Altro che ‘papi da correggere’, altro che papi materialiter intesi, in attesa di rinsavimemnto….Ecchè, asrebbe come dire che il diavolo con sottanone bianco, seduto sul trono di Pietro, fa da papa materialiter… No, Leone XIII parla dell’ erezione di un ALTRO trono, non parla della commistione sullo STESSO trono…Più chiaro di così….

  9. #massimo trevia   9 marzo 2017 at 9:00 pm

    voi non forse conoscete abbastanza mons.Negri,anche perché’ prima di essere vescovo non era “famoso”.io si’,anche se per un po’ di soggezione non gli ho mai parlato di persona.ma dal 1982 lo conosco,perché’ a s.caterina Valfurva in valtellina ci teneva delle splendide lezioni di Cristianesimo,alle vacanze di GS(CL fino al liceo così’ chiama il gruppo dei più’ giovani).io ho una enorme nostalgia di quella vacanza e davvero quelle lezioni sono indimenticabili!fra l’altro,per me e’ sempre”Don Negri”.ma,a parte questo,mi fido pienamente di lui,della sua onesta e se parla ora avra’ avuto “i suoi tempi di maturazione”,per farlo appunto ora!

    • #Luke   10 marzo 2017 at 10:20 am

      Che sia una brava persona non lo abbiamo mai messo in dubbio…..ma il fatto che sia un modernista vestito da tradizionalista (che partecipa ai pellegrinaggi summorum) non lo diciamo noi, ma i convegni che fa e le cose che dice….basta farsi una ricerca in rete.

  10. #Luke   10 marzo 2017 at 10:21 am

    Dalla “spiegazione all’amoris laetitia”….con arrampicamenti sugli specchi terribili, agli elogi ai Papi conciliari, fino ai convegni che “tutte le religioni sono uguali…”….