[THESAURUS LINGUAE LATINAE] Pulchra sunt quae videntur

Nota di RS: con questo articolo continua la rubrica “Thesaurus Linguae Latinae” in Radio Spada con articoli e componimenti esclusivamente in lingua latina. Ringraziamo Simone Petrus Basileus I.G. che la cura con assiduità, alternandosi ad altri impegni all’interno della casa editrice. Ci sembra assolutamente logico e naturale che un blog cattolico romano integrale ospiti scritti nella lingua universale della Roma dei Papi, di quella Roma “onde Cristo è romano”. Dopo le recenti e infauste notizie inerenti il film Disney la bella e la bestia, proponiamo a tutti gli innamorati (maschio e femmina) la traduzione in latino della Poesia d’amore di Pablo Neruda.

“Pulchra sunt quae videntur, pulchriora quae sciuntur, longe pulcherrima quae ignorantur”

Non te diligo sicut esses rosa salis, topazius

vel sagitta florum qui ignem propagant:

Non te diligo, sicut amantur quaedam obscura,

clam, intra umbram et animam.

Non te diligo sicut planta quae floret  et donat,

intra se, occultam, lucem  florum illorum;

propter amorem tuum vivit tenebrosus in  corpore meo  odor intensus, qui a terra ascendit.

Diligo te nesciens quomodo, nec quando, nec unde

Diligo te  directe sine difficultatibus nec superbia:

ita diligo te, quia non scio aliter quam hoc modo diligere.

In quomodo ego non sum et non es tu,

ita prope, ut manus tua in meum pectus mea sit,

ita prope, ut oculi tui cum somnio meo claudantur.

Simone Petrus Basileus I.G.

3 Commenti a "[THESAURUS LINGUAE LATINAE] Pulchra sunt quae videntur"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.