«La moglie è posseduta»: per i giudici la colpa del divorzio è del demonio

medaglia_fronte_retro

Sentenza a Milano in una causa di separazione: «Eventi inspiegabili anche per i medici e gli esorcisti». E il Tribunale scrive «La signora non agisce consapevolmente, è agìta»

 

di Luigi Ferrarella

 

Il Diavolo esiste davvero. Parola del Tribunale civile di Milano. Che in una causa di separazione, pur riconoscendo che il marito avesse ragione nel lamentare l’insostenibilità di un matrimonio sconvolto dagli inspiegabili comportamenti ossessivi della moglie da lui ascritti a possessione demoniaca, in sentenza non ha ritenuto di poter addebitare la colpa della separazione alla moglie: perché costei, a detta dei medici priva di patologie che possano giustificare quei fenomeni, «non agisce consapevolmente» ma «altrettanto chiaramente è “agita”». Se viene voglia di sorridere, passa subito a leggere la motivazione della sentenza depositata dai giudici della IX sezione civile. In partenza sembra una causa di separazione come tante, moglie e marito al capolinea con due figli. Il marito domanda che l’addebito della separazione sia posto a carico della moglie per l’«ossessione religiosa» scatenatale dal 2007 da «devastanti comportamenti compulsivi» ascrivibili «a possessione demoniaca».

E l’istruttoria raccoglie prove che in effetti «hanno sostanzialmente confermato la veridicità materiale» dei «fenomeni inspiegabili» narrati dal marito (anch’egli «fervente fedele» in chiesa) e confermati da molti fedeli, dal parroco, da un frate cappuccino: ecco la signora che cade vittima di improvvisi irrigidimenti o convulsioni corporee «che richiedono l’intervento di terze persone in funzione contenitiva», striscia e si scuote sul pavimento della chiesa, pur essendo di esile corporatura solleva con una sola mano una pesante panca e la scaglia contro l’altare, appare sollevarsi in aria per poi ricadere con «proiezioni paraboliche» a notevole distanza. Lei stessa, ascoltata dai giudici, sussurra solo di «non gradire parlare» di questi eventi sottoposti anche a «un monsignore esorcista della Diocesi di Milano». Anche sua sorella «conferma pudicamente che dal 2007» la familiare «aveva cominciato a stare male, un male che generava “fenomeni esterni e non dipendenti dalla sua volontà”, di cui» nessuno «sapeva dire la natura». E un frate cappuccino si dice «impressionato dai fenomeni “poltergeist”» che «si verificavano sotto i suoi occhi» nella signora, «seguita per diversi anni da sacerdoti investiti ufficialmente della funzione di esorcista».

Il Tribunale – lo si percepisce nell’imbarazzo della motivazione – non sa come uscirne. Negli atti trova «tutte testimonianze che convergono nel confermare comportamenti parossistici della signora», «eventi singolari», «fenomeni inspiegabili» anche «da un clinico medico» che ha sottoposto la donna a «una accurata valutazione psichiatrica», sottoponendola ai vari test scientifici per poi concludere che «la signora non risulta affetta da alcuna conclamata patologia tale da poter spiegare i fenomeni». E tuttavia i giudici scrivono che «la separazione non può essere addebitata alla moglie perché difetta il requisito della imputabilità soggettiva di questi comportamenti» nei quali non esprime una volontà, ma nemmeno simula, e neppure è pazza: «Non agisce consapevolmente», ma «altrettanto chiaramente ella è “agìta”». E «i tormenti» e gli «inspiegabili fenomeni subìti dalla signora sono la causa e non la conseguenza del suo atteggiamento di esasperata spiritualizzazione», attraverso il quale «fa quello che può per guarire». La separazione è così dichiarata dai giudici in via ordinaria, senza «addebito» per alcuno dei coniugi: al marito andrà la casa, alla moglie un assegno di mantenimento.

Fonte: corriere.it (venerdì 7 aprile)

10 Commenti a "«La moglie è posseduta»: per i giudici la colpa del divorzio è del demonio"

  1. #lister   10 aprile 2017 at 12:46 pm

    Questo Giudice, o è un ateo “folgorato lungo la Strada di Damasco” o è un credente che, semplicemente, ha riscontrato un’evidenza. In ogni caso, quella povera donna è posseduta dal demonio e non può essere colpevolizzata.

    Ma un esorcista?…

    Rispondi
    • #Redazione RS   10 aprile 2017 at 1:39 pm

      dall’articolo sembra che siano stati consultati senza successo (ma non sono forniti dettagli).
      se così fosse, sarebbe ulteriore prova, come notava un nostro collaboratore, che gli esorcismi “moderni” sono inefficaci.

      Rispondi
      • #lister   10 aprile 2017 at 6:46 pm

        Sì, sì, l’avevo letto: mi chiedevo, infatti, di un esorcista “bravo”…
        Possibile che non si riesca a vincere il demonio?

        Rispondi
  2. #Maria   10 aprile 2017 at 3:16 pm

    Mette paura sentire di queste cose; però è vero,questa povera donna che colpa può avere se è una posseduta, a meno che,non abbia lei lasciato la porta aperta,sotto qualche forma, al demonio.
    Certo e’, che il marito,se credente, dovrebbe seguirla in un percorso di ” liberazione ” con dei bravi esorcisti.I tempi potrebbero essere pero’, molto lunghi e sfibranti

    Gran brutta faccenda….

    Rispondi
  3. #bbruno   10 aprile 2017 at 7:36 pm

    ma se Gesù stesso si è fatto diavolo (teologo Bergoglio), chi ha più potere contro il diavolo?

    Rispondi
  4. #Annarita   10 aprile 2017 at 8:29 pm

    Posso capire che è difficile convivere con un’indemoniata, ma il divorzio dei due è una vittoria del demonio, ma come anche il marito si dice credente e praticante e poi divorzia? la Chiesa tollera la separazione per gravi motivi, ma non il divorzio, perchè il sacramente è finchè morte non separi.

    Rispondi
  5. #Pierino   10 aprile 2017 at 11:45 pm

    Gli esorcicci del rinnovamento nello spirito, legati a filo doppio col demone protestante e il “papa”, funzionano sempre…anzi, sono sempre molto funzionali…

    Rispondi
  6. #Pierino   11 aprile 2017 at 12:14 am

    …e di carismatici esorcicci ne fu piena la terra mentre si avvicinava ai suoi ultimi giorni… Spettacoli impressionanti, esperienze del di-vino ecc. ormai sono all’ordine del giorno…La signora basta che si affacci a Medjugorje per trovare un demonio travestito che è capace di liberare anche dalle possessioni…

    Rispondi
  7. #Pierino   11 aprile 2017 at 11:42 am

    …primo vero esorcismo sarebbe un ritorno al cattolicesimo di sempre e ai veri Sacramenti…il demonio smetterebbe subito di usare povere persone per far credere che nella nuova chiesa ci sia del buono e valido agli occhi di Dio…

    Rispondi
  8. #Maria   11 aprile 2017 at 3:30 pm

    Gentile Redazione
    è un vero peccato che Lei abbia tolto la possibilità a Pierino di leggere il mio commento.Non credo ci sia un interesse a far conoscere,anche fossero tutte verità, in una maniera così infantile, buttate a casaccio come fossero state vissute…

    Mi sono sempre regolata nel non credere quando una persona parla male all’inverosimile di qualcuno ,alla stesso modo quando eccede con gli elogi.
    Nel primo caso mettendola in cattiva luce,nel secondo con raggiro, dando una fiducia non meritata…..

    Rispondi

Rispondi