Gesuita consulente del Vaticano: “alcuni santi erano gay”

2017-02-23-RP-a

di Matteo Carnieletto (Fonte: IlGiornale.it; titolo originale: Il consulente del Vaticano: “Alcuni santi erano gay”)

Padre James Martin SJ, consulente della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, su Facebook: “Una certa parte dell’umanità è gay. Anche una certa parte dei santi poteva esserlo. Potresti essere sorpreso quando in Paradiso verrai salutato da uomini e donne Lgbt”

Probabilmente alcuni santi erano gay“. Hanno suscitato enorme stupore le parole scritte su Facebook da padre James Martin, il gesuita chiamato il mese scorso a ricoprire il ruolo di consulente della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede.

Tutto è iniziato il 5 maggio, quando il sacerdote ha postato sulla propria pagina Facebook un post riguardante l’incontro tra il vescovo di Lexington, John Stowe, e i supporter di New Ways Ministry, un gruppo che “sostiene lesbiche, gay, bisessuali e trans cattolici“. Padre Martin ha commentato così questa notizia: “Un altro segno di benvenuto e di costruzione di ponti“. Molti commentatori non hanno apprezzato la scelta del gesuita e hanno fatto notare come la dottrina della Chiesa dica tutt’altro.

A questo punto, padre Martin è intervenuto dicendo che “alcuni santi erano probabilmente gay. Una certa parte dell’umanità è gay. Anche una certa parte dei santi poteva esserlo. Potresti essere sorpreso quando in Paradiso verrai salutato da uomini e donne Lgbt“.

LifeSite, che ha diffuso la notizia, fa però notare che i santi e i dottori della Chiesa come san Pier Damiani definiscono l’omosessualità un “vizio” che “apre l’inferno e chiude le porte del Paradiso“. L’anno scorso, padre James Martin ha ricevuto un premio da New Ways Ministry. In quell’occasione il sacerdote disse, sempre secondo quanto riporta LifeSite, che la Chiesa dovrebbe abbracciare il “dono speciale” dell’omosessualità. In passato il sacerdote ha anche detto che “gli studenti trans dovrebbero poter utilizzare i bagni che preferiscono“.


Vedi anche: Adolfo Nicolas, generale dei Gesuiti: “Può esserci più amore cristiano in un’unione irregolare che in una coppia sposata in Chiesa. Non si può evangelizzare a colpi di Vangelo”

3 Commenti a "Gesuita consulente del Vaticano: “alcuni santi erano gay”"

  1. #Riccardo   29 Gennaio 2019 at 11:35 am

    E se poi scopriamo che in Paradiso gli omosessuali non ci sono?

    Rispondi
    • #Paola Datodi   29 Gennaio 2019 at 4:22 pm

      beh, ci può essere chi lo è stato per un certo periodo della sua vita e poi… come i tanti scrittori inglesi di cui si è parlato in questa sede. E per gli scrittori italiani, facciamo un nome: Giovanni Testori. Mi piacerebbe anzi che gli fosse dedicata qualche riga, un giudizio…

      Rispondi
  2. #Paola Datodi   29 Gennaio 2019 at 4:17 pm

    mica dice chi, non si sa mai che in certe città che ci tengono ai loro Santi non ci può più andare. Magari avrà frainteso delle espressioni negli scritti, es. epistolari, un tempo la semplice amicizia fra uomini era espressa in termini molto più calorosi di adesso

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.