[EUTANASIA] Ci stanno confiscando i figli.

charlie_-eutanasia-min

 

 

di Massimo Micaletti

 

 

Ora, non so se qualcuno se n’è accorto, ma la collettivizzazione forzata (quindi la distruzione) della famiglia procede a grandi passi fino al raggiungimento del suo obiettivo. Iniziata col divorzio, in cui un Tribunale decideva e decide se un matrimonio possa continuare oppure no – avete voglia a dire che lo decidono i coniugi: il giudice deciderà come finirà il vostro matrimonio, e vedrete che alla fine gli unici a sorridere saranno gli avvocati – è proseguita coll’aborto, in cui un padre viene del tutto spogliato della possibilità di crescere suo figlio e lo sa fatto a pezzi da un medico che così porta il pane a casa.

Siamo arrivati ora ad un punto in cui la barbarie è di piena evidenza, sicché i massmedia non ne parlano. Siamo arrivati ai casi di Charlie e, prima di lui, Marwa, due bambini di pochi mesi colpevoli solo del fatto di essere nati con una patologia che non ha speranze di miglioramento e per questo condannati a morte da medici e giudici contro il volere dei loro genitori.

Come ci siamo arrivati? L’iter è lineare ed è il seguente. Se parto dal presupposto che la soppressione del malato ne tutela la dignità e ne allevia la sofferenza, perché devo negare la necroterapia[1] a un bambino, che è il malato di cui più si deve aver cura? E se i genitori si oppongono, sono essi genitori degeneri, non i medici che chiedono l’omicidio del piccolo, né i giudici che lo consentono.

Domani, martedì 13 giugno, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo si pronuncerà sul destino del povero Charlie Gard, che i magistrati del suo Paese – il Regno Unito – hanno già condannato a morte e che i giudici europei hanno ordinato sia tenuto in vita fino alla mezzanotte di martedì 13, appunto per considerare il caso. Comunque vada domani, si tratterà di una delle peggiori pagine della storia del diritto, in cui si è posta ad una corte l’oscena questione se sia lecito sopprimere un malato perché malato, un bambino perché bambino. E che sia contro il volere dei genitori è una circostanza che rende la vicenda ulteriormente penosa, ma non cambia nulla sotto il profilo del valore della vita di Charlie: Charlie vale di per sé, non se ed in quanto amato da qualcuno.

Se neppure la Corte Europea riterrà che Charlie merita di vivere, i supporti vitali che lo tengono in vita saranno staccati e si consumerà un atto disumano nella morte per soffocamento di un bambino di dieci mesi. Atto disumano che però non resterà isolato. Non resterà isolato principalmente per tre ragioni.

Su un piano tecnico, già la legge in discussione in Italia (qui in Italia!) sul fine vita lo consente: la logica che muove il Legislatore italiano è infatti la stessa che muove i giudici inglesi a voler Charlie morto, ossia la negazione della cura come forma di terapia del dolore. Anche qui in Italia esistono già tutti gli strumenti per privare della potestà genitoriale una famiglia che rifiuti una terapia efficace per il figlio, e ciò di norma avviene proprio su segnalazione dei medici che seguono il bambino: ebbene, se i medici ritenessero che la miglior cosa per il bambino sia l’interruzione di cure e terapie, allora potrebbero farlo presente ai servizi sociali o alla magistratura e il gioco sarebbe fatto. Nel momento in cui la morte diviene una cura, non la si può negare neppure sei genitori si oppongono. E neppure se il malato stesso si oppone: mai sentito parlare di t.s.o.? Non dite che non accadrà, accadrà eccome. Fare previsioni in questo campo purtroppo è facilissimo e tra qualche tempo saremo qui a parlare di un ragazzo malato di SLA (ad esempio) che non vuol morire ma rispetto al quale i medici hanno decretato che soffre troppo, perciò per il suo bene deve essere soppresso.

Più in generale, si è perso il senso del rispetto per il malato, s’è oscurato lo sguardo verso il morente, è lontana la vera pietà. Pensiamo alla Legge 194. Già consente la soppressione del figlio malato, e lo consente fino a poche settimane prima della nascita, quando già il bambino avverte pienamente dolore, vede, sente, senza alcuna pietà permette che questi piccoli esseri umani vengano bruciati coi sali e lasciati a crepare di soffocamento tra sofferenze atroci su un tavolo operatorio, quando non smembrati vivi. Il tutto, per evitargli “una vita di sofferenze”, proprio come a Charlie: Charlie è già tra noi, ce ne sono migliaia ogni anno, Down, focomelici, nani, migliaia di persone vengono già distrutte ogni anno. Ora non ci si nasconde più neppure dietro alla boiata ottusoide per cui se non sei nato non sei vivo. Oggi ti possono fare fuori pure da nato, basta tu nasca nell’ospedale sbagliato, in cui un medico decide per te e per i tuoi genitori che non ti si può vedere, che soffri e fai soffrire, che per te non c’è speranza.

Su un piano ancora più ampio, la nostra collettività disperata e sbandata non ha più nulla che la tenga insieme, così si affida allo Stato, alla legge, ossia a uomini che non si sa più bene come e perché ne comandano altri, ne decidono il destino, non rispondendo a nessuno perché quello Stato e quelle leggi hanno rifiutato Dio, perciò sono come belve senza freno. Nell’affidarsi allo Stato e alla legge – che devono perciò passare sopra tutto e tutti, sopra al buon senso, alla pietà, all’evidenza – la cultura dominante è arrivata ad ammettere la confisca del figlio, in ogni sua espressione: dall’obbligo penalmente sanzionato di far frequentare a bambini di pochi anni corsi sul gender, sulla masturbazione, sulla sessualità, all’appropriazione manu militari del piccolo perché sia ucciso per “compassione”. Glielo abbiamo permesso, e lo Stato se li prende: i nostri figli sono l’ultima ricchezza veramente nostra che il delirio dominante, pur cingendoci di assedio, pur demolendo la famiglia colpo su colpo, non poteva raggiungere. E glieli abbiamo consegnati noi: abbandonandoli, col divorzio; massacrandoli, coll’aborto; permettendo che giudici e dottori decidano della loro vita, colla necroterapia.

La storia di Charlie – ripeto, comunque finirà – è solo l’ultima prova che l’uomo che ha rifiutato Dio diventa peggio delle bestie. Può pavoneggiarsi con toghe, ermellini, principi di diritto, istanze pietistiche, a volte anche con vesti pie, ma sono solo panni gettati dalla vanità a coprire carne morta.

 

 

 


[1] https://www.radiospada.org/2017/03/testamento-biologico-necroterapia/