[CINESPADA] “Master & Commander”: diario di bordo di una comunità di destino

di Luca Fumagalli

12293_big

Durante le guerre napoleoniche, all’inizio del 1800, la Surprise, fregata inglese comandata da Jack “il fortunato” Aubrey (Russell Crowe), è impegnata a dare la caccia alla francese Acheron, nave di stazza e armamento migliori. Il duello spingerà le due imbarcazioni dall’Atlantico fino a Capo Horn, e Aubrey dovrà combattere con un nemico astuto almeno quanto lui. In un gioco di inganni e stratagemmi, il finale aperto, davvero imprevedibile, regala il fascino di una storia virtualmente illimitata.

Il regista Peter Weir, autore di capolavori quali Picnic ad Hanging Rock, L’attimo fuggente e The Truman Show, in Master & Commander (2003) usa una vicenda bellica per descrivere la convivenza di un gruppo di uomini nell’angusto ambiente di una nave. Accomunati da sentimenti più o meno nobili – come la fedeltà alla Patria, ma anche la speranza del bottino – gli occupanti della Surprise sono un microcosmo al cui interno c’è un po’ di tutto: ragazzini imbarcati per fare esperienza, vecchi lupi di mare e il chirurgo con velleità accademiche (Paul Bettany), costretto dalla guerra a mettere da parte i libri per curare i feriti.

La pellicola utilizza l’immagine del viaggio per descrivere, ancora una volta, la parabola umana, le sfide e gli imprevisti che una comunità si trova ad affrontare ogni giorno.

Quello che tiene insieme la variegata ciurma è solo l’autorità del comandante, di cui Weir mostra tutte le sfaccettature. Gli obblighi del comando, i premi e le punizioni (contestate dall’amico chirurgo, che preferirebbe più “umanità”), l’attenzione premurosa per i feriti e la compassione nutrita di vera Fede per i morti compongono il ritratto di un valido condottiero e, soprattutto, di un uomo d’eccezione.

E se gran parte del fascino del film risiede nelle ambientazioni, nel legno delle navi che solcano il mare a vele spiegate e negli scontri furibondi e realistici, quello che più rimane nel cuore dello spettatore è proprio la figura del capitano, capace di valorizzare i talenti dei propri uomini, del cui destino è sinceramente appassionato. In altre parole, la Surprise porta nel nome il senso della grande impresa che Aubrey e i suoi stanno compiendo, un’impresa che non è tanto quella militare, quanto quella di scoprirsi, di sorprendersi ogni giorno più veri.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.