Meglio perdere i fondi Ue che accogliere i rifugiati

JBS462559_ohemia_equestrian_statue_in_Prague_2

Meglio perdere i fondi Ue che accogliere i rifugiati (e, in modo particolare, i musulmani).

A sostenerlo è il presidente della Repubblica Ceca, Milos Zeman, dopo la sentenza della Corte europea che conferma il principio della redistribuzione dei migranti. “Non ci facciamo minacciare – ha messo in chiaro – ma se le cose volgessero al peggio è sempre meglio rinunciare ai fondi Ue che non lasciare entrare i migranti. Non si tratta di ucraini, di vietnamiti ma dimigranti islamici la cui cultura è completamente diversa dalla nostra”. La Repubblica Ceca non è l’unico Paese dell’Unione europea che non vuole piegarsi alla Corte di Giustizia europea.

Oggi la Corte ha respinto i ricorsi presentati contro lo schema da parte dei due Paesi maggiormente “refrattari” alle quote obbligatorie di profughi da accogliere, Ungheria e Slovacchia, accusate dalla Corte di “mancanza di cooperazione”. Come ha preannunciato il commissario Dimitris Avramopoulos, la stessa Corte si potrebbe trovare a sanzionare l’Ungheria, la Polonia e la Repubbica Ceca, se questi Paesi non provvederanno ad accogliere le rispettive quote di migranti “nelle prossime settimane”. Passato l’esame dei giudici di Lussemburgo, lo schema, che ha finora permesso il ricollocamento di 27.695 rifugiati, di cui 19.224 dalla Grecia (soprattutto siriani) e 8.451 dall’Italia (in gran numero eritrei), non sarà però esteso oltre la scadenza fissata al 26 settembre. Dopo quella data, si continueranno a “trasferire” solo quei migranti che avranno già ottenuto lo status di “avente diritto”. Secondo le stime della Commissione europea, sono oltre 7mila in Italia e quasi 5mila in Grecia. I numeri complessivi sono quindi ben lontani da quei 120 o 160 mila del programma iniziale, deciso nel 2015 in piena crisi migratoria.

La sentenza non è stata accolta positivamente dai Paesi dell’Est Europa. Che hanno già annunciato nuove barricate pur di non accogliere altri immigrati. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto ha definito “irresponsabile” la sentenza del Tribunale di Giustizia dell’Unione europea e che, per questo, il suo Paese “non intende accettare neanche un immigrato”. Pur annunciando che “rispetta pienamente” la sentenza, il premier slovacco Robert Fico ha assicurato che la sua politica migratoria “non cambia”. “Nel futuro – ha continuato – proseguiremo a lavorare perchè la solidarietà sia mostrata in altre maniere rispetto ad accettare i rifugiati che non vogliono stare qui”. Durissima anche la posizione del presidente della Repubblica Ceca, Milos Zeman: “Non ci facciamo minacciare ma se le cose volgessero al peggio è sempre meglio rinunciare ai fondi Ue che non lasciare entrare i migranti – ha commentato – non si tratta di ucraini, di vietnamiti ma di migranti islamici la cui cultura è completamente diversa dalla nostra”.

Giovanni Neve

Fonte: Il Giornale