Staglianò, massoni, ipocrisie e supercazzole