Maradiaga travolto dallo scandalo milionario?

di Maurizio Blondet

Il cardinale Oscar Mariadiaga avrebbe ricevuto mezzo milione d’euro l’anno da parte dell’Università cattolica di Tegucigalpa Honduras, in qualità di gran cancelliere dell’ateneo: trentaquattro mila euro mensili (più una tredicesima da cinquantaquattro mila euro) per Maradiaga. Ma c’è di più. La Corte dei Conti dell’Honduras   chiede conto anche di investimenti per milioni in società londinesi  e  spariti nel nulla.

Altre accuse  riguarderebbero il braccio destro di Maradiaga in Hoduras, il vescovo ausiliare di Tegucigalpa Juan José Pineda e  suo fedelissimo.  Il vescovo Pinedo ha fatto spese (con denaro, si teme, della diocesi) per  “intimi amici” come un messicano che si fa chiamare “padre Erick” senza essere prete, che ha vissuto sotto lo stesso tetto con il vescovo, e a cui  di recente Pinedo ha comprato un appartamento in centro e un’auto. [una versione alternativa dei fatti è fornita dal Giornale qui, ndr]

Maradiaga, quello della Chiesa povera e di “Transparency International”

!VAMOS A MORALIZAR! Quando Maradiaga Superman  lanciò la lotta alla corruzione in Honduras. “Di fronte alla gravità dei problemi e delle minacce poste dalla corruzione in Honduras, minando le istituzioni, i valori democratici, l’etica, la giustizia e lo sviluppo sostenibile, Consultores Financieros Internacionales, S.A. (COFINSA), sotto la guida morale di Sua Eminenza Oscar Andrés Cardenal Rodríguez Maradiaga, Arcivescovo di Tegucigalpa, ha promosso l’organizzazione del Capitolo nazionale dell’Honduras di Transparency International, firmando nel marzo 1996 la Convenzione interamericana contro la corruzione dell’Organizzazione gli Stati americani (OAS)…” (http://www.cofinsa.hn/transparencia.htm)

Il punto è che Mariadiaga non è  solo intimo fedele yes man e zelota di Francesco, ma è quello che El Papa ha scelto coordinare il C9 ossia la junta   di   cortigiani cardinalizi che chiamati a “riformare profondamente la Chiesa”  (sic i media) secondo “le direttive di Bergoglio”. E’  stato Bergoglio a mettere Mariadiaga, come capo della junta, anche nella Congregazione per il Clero, nel Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, nel Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, nella Pontificia Commissione per l’America Latina e nel Consiglio Speciale per l’America della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi.  Insomma  è  più che il  suo braccio destro; è il suo alter ego, quello che fra i peana e i flauti dei media laicisti doveva  trasformare la chiesa “in uscita”, in “ospedale da campo”, in chiesa povera per i poveri.

Gran conoscitore di uomini, Bergoglio. Un sesto senso. Come quando ha scelto ed elevato a “prelato” dello IOR monsignor Ricca, ridotto dai predecessori a fare l’albergatore dell’Hotel Santa Marta per eccessi sodomitici:  nel ’99, nella nunziatura apostolica dell’Uruguay, conviveva more uxorio, scandalosamente col suo amante, un ufficiale svizzero, dando scandalo anche alle suore che accudivano i prelati.  E il bello è che quando la cosa è  finita sui giornali, Bergoglio ha  pure difeso il Ricca,  sostenendo che   prima della sua nomina allo IOR  c’era stata una “Investigatio praevia” e nulla era emerso di quegli scandali – di cui aveva parlato tutta la Chiesa del piccolo Uruguay. Sicché il Papa accreditato  (dai media flautati)come quello che farà pulizia in Vaticano  difende ed eleva al potere uno scandaloso rappresentante della lobby gay.

Intanto anche il Vaticano ha celebrato la festa ebraica di Hanukkah, che sostituisce il Natale di Cristo. Hanukkah celebra la vittoria militare dei Maccabei sui Greci, con relativo sterminio.

Mariadiaga ha però un merito agli occhi del “Francesco: ha attaccato  pubblicamente il cardinal Burke, per esempio. Ciò che ha certamente  solleticato il suo narcisismo.  Maradiaga è stato anche molto attivo in Transparency International:  organizzazioni multinazionale di “lotta alla corruzione”  fondata da Robert McNamara, che fu capo del Pentagono al tempo della guerra in Vietnam, e in seguito, per 13 anni,  sulla massima poltrona della Banca Mondiale. Transparency  è stata per anni ritenuta una creazione del Dipartimento di Stato e della Cia per far fuori,  accusandoli di “corruzione” e  coinvolgendoli in processi tipo Mani Pulite, capi di stato e di governo sudamericani ritenuti troppo indipendenti – oggi diremmo “sovranisti”.

 

Sarà interessante vedere come lo scandalo Maradiaga sarà soffocato come quello Ricca perché quelli che piacciono a El Papa sono intoccabili  e se li tiene cari (mentre i Muller e i Sarah vengono sbattuti fuori  brutalmente), oppure ormai la gestione caotica e dittatoriale di Bergoglio sta facendo venire al pettine nodi fatali. Sarebbe interessante sapere per esempio se lo scandalo del cardinal “alter ego”  e ricchissimo, ha qualche rapporto con le recenti espulsioni di laici importanti nel tenere i conti in Vaticano.

C’entra Maradiaga con i due contabili espulsi?

Giulio Mattietti a sin. e Libero Milone.

Il 19  giugno,  Libero Milone, ex-primo Revisore generale dei conti vaticani, viene accompagnato alla porta dalle guardie svizzere. “Fui ricevuto dal sostituto alla segreteria di Stato, monsignor Becciu – ha raccontato Milone al Corriere a settembre –   per parlargli del contratto dei miei dipendenti. E invece mi sentii dire che il rapporto di fiducia col Papa si era incrinato: il Santo Padre chiedeva le mie dimissioni. Ne domandai i motivi, e me ne fornì alcuni che mi parvero incredibili. Risposi che le accuse erano false e costruite per ingannare sia lui che Francesco; e che comunque ne avrei parlato col Papa. Ma la risposta fu che non era possibile. Becciu mi disse invece di andare alla Gendarmeria“.

  Pochi giorni fa,  una seconda espulsione dal Vaticano:  l’allontanamento del vicedirettore generale dello IorGiulio Mattietti. Una manovra dietro alla quale in molti hanno facilmente intravisto lo stile di Papa Francesco  per la brutalità con cui è avvenuta. “La cacciata del numero due dello Ior è stata repentina, velocissima, come ad impedire che potesse portare via dal suo ufficio qualsivoglia documento”.  Il  Giornale ha scritto che a chiedere la testa di Mattietti   sarebbe stato un cardinale, “ uno dei fedelissimi del Pontefice, un membro della commissione cardinalizia di vigilanza dell’Istituto per le Opere di Religione”. E se fosse stato Maradiaga? Perché certo lui, vediamo adesso, di cose da nascondere ai contabili e revisori di conti, ne aveva.  Ma Bergoglio lo caccerà  come Muller o lo difenderà  come Ricca?  Se fosse giusto, lo tratterebbe come il cardinale Pell: l’ha mandato in Australia per difendersi da accuse  improbabili  di aver coperto pedofili. Allora mandera l’amicone  Maradiaga in Honduras a rispondere delle accuse  della giustizia (contabile e no) del suo paese? Perché finora, non è chiaro   se “El Papa”  fa’ pulizia o copre lo sporco.

 

 

Fonte

2 Commenti a "Maradiaga travolto dallo scandalo milionario?"

  1. #bbruno   23 dicembre 2017 at 3:56 pm

    E allora diciamola tutta: il Franceschetto detto Papa, chiama cancro l’opposizione che gli viene fatta….Non sarà che un cancro di ipocrisia e di arroganza come lui non sopporti nemmeno l’idea che possa essere scoperto e smascherato, e chiami cancro altrui, come il bue dà del cornuto all’asino? Ma si tolga dalle palle, questo esaltatore della povertà proletaria (quando riguarda gli altri), alla maniera dell’altro suo amico e compagno di merende -l’eroico Castro – che morendo e non potendo sequestrare in eterno il capitale accumulato a suo vantaggio (questa è davvero giustizia proletaria!), è costretto a venire sputtanato agli occhi di tutti per il suo lascito agli eredi di un miliardo di dollari!

    ( e nessuno che dica al detto Franceschetto che se mangiasse di meno, e parlasse di meno a favore degli affamati, almeno la sua linea ne avrebbe vantaggio, e non sarebbe costretto a muoversi con la grazia di un armadio semovente?)

    Rispondi
  2. #Cesare Baronio   25 dicembre 2017 at 10:06 pm

    Alcuni giorni or sono, mi è giunta notizia che, secondo alcune voci di corridoio vaticane, a breve sarebbe scoppiato un grave scandalo che avrebbe coinvolto un noto Prelato tradizionalista, con lo scopo di screditare l’opposizione alla setta bergogliana, sempre più crescente. Pur sapendo che siamo tutti peccatori, e che nessuno è esente dalla colpa, mi era parso poco verosimile che un Presule conservatore potesse esser toccato da uno scandalo, non fosse che per il fatto che il loro numero è estremamente ridotto e che se mai vi fosse stato qualche appiglio, certamente i sicofanti di Santa Marta non avrebbero mancato di passare la soffiata alla stampa.

    Oggi, con curiosa sincronia, si scopre che la notizia concerne nientemeno che il cardinale Maradiaga, capo del Gran Consiglio della Misericordia, fautore di una chiesa povera per i poveri, acclamato per la sua strenua battaglia alla corruzione ed autore di un libro dal titolo Senza etica niente sviluppo. Assieme al porporato, sarebbero stati trascinati nello scandalo il suo assistente mons. Juan José Pineda, vescovo ausiliario di Tegucigalpa, ed un tale Erick Cravioto Fajardo, con cui il monsignore avrebbe convissuto, prima di fargli dono di un appartamento. I soliti intrighi di soldi, speculazioni, complicità e vizio. Ancora una volta, una bella pubblicità per il Sedicente, che a Maradiaga aveva affidato la presidenza del Consiglio cardinalizio che avrebbe dovuto riformare la Curia. Come diceva quel tale? Ah, sì: Una risata vi seppellirà. Impresentabili.

    Rispondi

Rispondi