Francesco: Per la mia salute mentale non leggo i siti che mi accusano di eresia

papa-sombrero

Nota di Radio Spada: riportiamo l’articolo per i nostri lettori come documentazione di costume.

«Per salute mentale io non leggo i siti internet di questa cosiddetta “resistenza”. So chi sono, conosco i gruppi, ma non li leggo, semplicemente per mia salute mentale… Alcune resistenze vengono da persone che credono di possedere la vera dottrina e ti accusano di essere eretico. Quando in queste persone, per quel che dicono o scrivono, non trovo bontà spirituale, io semplicemente prego per loro». Sono alcune delle parole che Papa Francesco ha rivolto ai gesuiti durante il colloquio a porte chiuse avvenuto lo scorso 16 gennaio a Santiago del Cile. Il colloquio è stato trascritto da padre Antonio Spadaro, esce sul prossimo numero de La Civiltà Cattolica ed è stato anticipato dal Corriere della Ser a nell’edizione di giovedì 15 febbraio 2018.

Per leggere il resto cliccare sul link dell’articolo di Andrea Tornielli:

http://www.lastampa.it/2018/02/15/vaticaninsider/ita/vaticano/francesco-non-leggo-i-siti-internet-che-mi-accusano-di-eresia-Efs5ojZlYvOci5wddo2V6J/pagina.html

11 Commenti a "Francesco: Per la mia salute mentale non leggo i siti che mi accusano di eresia"

  1. #bbruno   15 febbraio 2018 at 12:52 pm

    Fai bene, continua a ridere, Pagliaccio. ..Quanto allla tua salute mentale, se ne avessi anche solo un briciolo, non saresti qui a presiedere al Grande Circo Barnum del vaticano, di cui sei la maggiore attrazione ….

    Rispondi
  2. #antipluto   15 febbraio 2018 at 9:06 pm

    io per la mia salute mentale ho smesso di ascoltare le tue…eresie…

    Rispondi
  3. #bbruno   16 febbraio 2018 at 3:20 pm

    veramente quelle sue ‘eresie’ sono talmente esilaranti che fanno scoppiare dal ridere….e ridere fa bene alla salute! e di fatto lui – e il suo ventriloquo – guarda come ci ridono sopra! (finché ha dei babbei che lo ascoltano!)

    Rispondi
  4. #Francesco Retolatto   17 febbraio 2018 at 8:31 am

    La mia salute mentale sarebbe stravolta dalle bestemmie che la sua bocca va profferendo giorno dopo giorno, se non avessi la certezza che come fu promosso non prevaranno le porte dell’Inferno di cui Bergoglio, cloaca umana, è l’ emissario.

    Rispondi
  5. #JORGE MARIO "FRANCISCO" BERGOGLIO   17 febbraio 2018 at 12:12 pm

    Me estate davero escasando i colioni, yo insisto que no lego nada pero por culpa vuestra anche mi creibilidad está disminuiéndo.
    Porché no me lasciate trabajare y no ve fate i cassi vostri???

    Rispondi
  6. #bbruno   17 febbraio 2018 at 7:54 pm

    “Nel 1991, quando padre Jorge Bergoglio fu nominato vescovo in Argentina, fu necessario ottenere un rapporto dal superiore generale del suo ordine, padre Kolvenbach E il rapporto diceva che Bergoglio NON ERA ADATTO per essere nominato vescovo. Padre Kolvenbach accusò in Bergoglio una serie di difetti, che andavano dall’uso abituale di linguaggio volgare a devianza, disobbedienza mascherata da umiltà e mancanza di EQUILIBRIO PSICOLOGICO.

    Quindi lo squlibrio mentale psicologico di Bergoglio ha una certificazione- ufficiale- antica, quando i ‘siti’ nemmeno sapevano che quella esisteva….

    Rispondi
    • #Dan   19 febbraio 2018 at 3:41 pm

      Quindi Giovanni Paolo II il santo subito, nonostante il rapporto negativo di Padre Kolvenbach, nominò “vescovo” e creò “cardinale” un chierico accusato di uso abituale di linguaggio volgare, devianza, disobbedienza mascherata da umiltà e mancanza di equilibrio psicologico! E questo squilibrato oggi occupa e usurpa la Cattedra di San Pietro!

      Rispondi
      • #bbruno   19 febbraio 2018 at 4:47 pm

        Sono messi così a Roma….Non solo Roma perderà la fede, ma anche la ragione ( e la buona educazione)!

        Rispondi
  7. #bbruno   17 febbraio 2018 at 9:01 pm

    correggo: “… che quello – Bergoglio – esisteva”.

    Rispondi
  8. Pingback: “Spunto di Riflessione: mi chiedo…perchè?” di Fra Cristoforo – Anonimi della Croce

  9. #fhrui   22 febbraio 2018 at 11:23 am

    Farà anche come il tenente Colombo, che ogni tanto butta lì una battuta apparentemente sciocca, in realtà fondata e allusiva… e sotto sotto continua a lavorare – in questo caso per l’unità dei cristiani e per un malinteso senso dell’ecumenismo, secondo le direttive massoniche vat.II.
    Tuttavia questa gran furbizia non mi convince, proprio non mi convince (ma non si dovrebbe essere “sì sì, no no”?).
    Personalmente mi sembra un collaboratore importante della finanza speculativa globalizzata (élite, lobby, nwo ecc.), e di conseguenza anche dell’espansionismo islamista, il quale, nei suoi 1400 anni di attività, non è mai stato pacifico, anzi.
    Diamo fiducia a questo ten. Colombo dall’impermeabile stazzonato, ma non credo che il “giallo” si risolverà.
    Se mai, si complicherà.

    Rispondi

Rispondi