I Gesuiti premiano l’abortista arcobaleno

Dick+Durbin

 

di Aldo Maria Valli

 

Si chiama Dick Durbin ed è un senatore americano, cattolico, del Partito democratico. Tempo fa il vescovo di Springfield, Illinois, monsignor Thomas Paprocki, gli ha comunicato che, a meno di un esplicito ravvedimento e pentimento, non potrà più essere ammesso alla santa comunione perché ha sostenuto l’aborto.

La vicenda riguarda una normativa  destinata a rendere illegale la stragrande maggioranza degli aborti dopo la ventesima settimana, fatta eccezione per i casi di stupro o incesto. Posto in votazione al Senato, il testo è stato bocciato a causa di quattordici voti contrari arrivati da altrettanti senatori cattolici, tra i quali Durbin. «Un terribile fallimento», l’ha definito il cardinale Timothy Dolan, presidente del Comitato per le attività pro-life della Conferenza episcopale degli Stati Uniti.

Di qui la decisione del vescovo Paprocki, che nei confronti di Durbin ha applicato la misura prevista in questi casi, ovvero il canone 915 del Codice di diritto canonico: «Non siano ammessi alla sacra comunione gli scomunicati e gli interdetti, dopo l’irrogazione o la dichiarazione della pena, e gli altri che ostinatamente perseverano in peccato grave manifesto». Il provvedimento si è reso necessario anche perché Durbin è un finanziatore dell’organizzazione abortista Planned Parenthood, il che fa di lui, appunto, un battezzato che persiste ostinatamente nel peccato grave.

Non si tratta tanto di una punizione, ha precisato il vescovo, quanto di un invito al ripensamento e alla conversione. Il senatore, infatti, un tempo era su posizioni pro-vita. «Per questo – ha detto il vescovo–  prego sinceramente che si converta».

Ma ecco che da Washington arriva una notizia che sembra sconfessare il provvedimento canonico e andare in una direzione esattamente opposta. Come riferisce il sito lifesitenews, la Georgetown University, la più antica università cattolica degli Stati Uniti, retta dalla Compagnia di Gesù,  ha infatti premiato il senatore Durbin con il Timothy S. Healy SJ Award, riconoscimento che l’ateneo dei gesuiti conferisce agli ex alunni che hanno svolto «un servizio pubblico esemplare» nella propria professione o nella propria comunità, «a sostegno di cause umanitarie».

Durbin, che alla Georgetown ha conseguito la laurea di primo e secondo grado, ha dichiarato: «Sono onorato di essere in compagnia di così tanti che hanno speso la loro vita al servizio degli altri. Padre Pedro Arrupe (il preposito generale della Compagnia di Gesù dal 1965 al 1983, ndr) ha sfidato tutti gli alunni delle scuole gesuite a impegnarsi nella lotta per la giustizia, a nome dei più vulnerabili della nostra società. Durante il mio mandato ho cercato di affrontare la sfida e sono onorato di ricevere questo riconoscimento dai miei compagni alunni della Georgetown».

Ma promuovere l’aborto e le organizzazione che lo sostengono è qualcosa che ha che fare con la «lotta per la giustizia, a nome dei più vulnerabili»?

Questo riconoscimento, ha dichiarato Michael Khan, ex presidente della Georgetown Right to Life,  organizzazione studentesca dedicata alla difesa della vita umana dal concepimento alla morte naturale, «è uno schiaffo e un oltraggio per i valori cattolici». Definire il senatore Durbin esponente della cultura umanitaria «è un’assoluta vergogna». «Tutto ciò non fa che allargare il divario tra i dirigenti della Georgetown e le fedeli famiglie cattoliche», dice Patrick Reilly, presidente della Cardinal Newman Society. «Com’è possibile che la più antica università cattolica americana onori pubblicamente un campione dell’abortismo al quale il vescovo ha appena negato l’eucaristia? Un riconoscimento del genere è in netta opposizione con l’opera a favore della vita che è propria della Chiesa e della missione della Georgetown ».

Occorre notare che Durbin, che è anche un deciso sostenitore del «matrimonio» omosessuale, durante il suo mandato ha votato a favore dell’aborto non in una sola occasione, ma più volte. E ha dichiarato che un esponente democratico può anche essere contro l’aborto, purché questa posizione resti a livello personale e non pubblico. Né si può dimenticare che la Planned Parenthood, da lui sostenuta, contribuisce a rendere possibili almeno 321 mila aborti all’anno e prescrive la terapia ormonale per la contraccezione.

Durbin, dice la motivazione del premio assegnatogli dall’università dei gesuiti, ha contribuito a «un’innovativa legislazione in materia di assistenza sanitaria, immigrazione e controllo delle armi», così come a una «legislazione fondamentale» contro il fumo sui voli commerciali. Molto bene, ma la questione dell’aborto?

«La Georgetown – dice Khan – ancora una volta si mostra del tutto accecata dall’ideologia progressista più estrema, qualcosa per cui non c’è alcuna scusa».

Sulla vicenda, lifesitenews ha chiesto all’arcidiocesi di Washington un commento, ma per ora non ha ricevuto risposta.

 

 

Fonte: aldomariavalli.it

 

 

Un commento a "I Gesuiti premiano l’abortista arcobaleno"

  1. #bbruno   3 marzo 2018 at 9:26 pm

    i gesuiti..i gesuiti de che??? E’ come dare del papa a questo qui sopra in foto con l’ uomo dalla mascherina nera et ridens …e lo guarda anche estasiato… Stessa Loggia?

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.