Marzo: conoscete il Sacro Manto in onore di S. Giuseppe?

Confidence in St. Joseph Bouasse Jeune

Qui il testo completo in pdf

Nel mese di marzo, la Chiesa ci ricorda la devozione a San Giuseppe, sposo di Maria Sempre Vergine e padre putativo di Nostro Signore Gesù Cristo.

Di lui nel Vangelo si parla poco, ma è nel silenzio delle Sacre Scritture che si esalta la figura di San Giuseppe, uomo scelto da Dio per custodire Suo Figlio e la Sposa dello Spirito Santo.

Grande devoto di questa eccelsa figura fu sicuramente Papa Leone XIII che nell’Enciclica “Quamquam pluries” ha scritto: «Certamente la dignità di Madre di Dio è tanto in alto che nulla vi può essere di più sublime. Ma poiché tra Giuseppe e la Beatissima Vergine esistette un nodo coniugale, non c’è dubbio che a quell’altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, Egli si avvicinò quanto nessun altro mai».

E l’esegeta Isolano ci ricorda che «Il ministero di San Giuseppe nei riguardi di Gesù fu così intimo, che tutti gli angeli assieme non servirono familiarmente Dio quanto Giuseppe da solo».

E come scrive San Bernardino da Siena «di certo Gesù non nega in Cielo a San Giuseppe quella familiarità, riverenza e sublimissima dignità, che gli ha prestato in terra come figlio e padre».

Bastano queste poche citazioni per capire come San Giuseppe, simbolo non solo di verginità, ma anche di umiltà ed obbedienza, sia stato ricoperto in Cielo di una dignità elevatissima tale da essere, dopo Maria Santissima, il Santo più degno della nostra venerazione. Pertanto Egli ha tutto il potere di aiutarci e soddisfare le nostre necessità spirituali e materiali e soltanto pregandoLo con fiducia potremmo testare la sua grandezza.

In questo modo, allora, si potranno capire le parole di Santa Teresa di Gesù che, riguardo alle grazie ottenute da San Giuseppe, ha affermato: “Chi non crede, ne faccia la prova, affinché si persuada”.

Basterebbe recitarGli quotidianamente una semplice preghiera, oppure impegnarsi in qualche novena in suo onore, ma sicuramente il metodo più efficace e potente per ottenere grazie (specie quelle molto importanti), è recitare le orazioni in onore del Suo Sacro Manto. Si tratta di un florilegio di preghiere tese ad onorare la Sua persona e metterci sotto il Manto della Sua protezione. Quale migliore preghiera di questa, allora? Ogni volta che le reciteremo potremmo immaginare come lo stesso Gesù Bambino tante volte si sia coperto sotto il Manto del Suo padre putativo, per cercare protezione e calore, e come San Giuseppe lo abbia amorevolmente accolto tra le sue braccia. Allora, con la stessa fiducia di un Dio fatto uomo, anche noi chiediamo riparo sotto il Suo Sacro Manto e stiamo certi che, con lo stesso amore, San Giuseppe ci proteggerà ed accoglierà.

Il Sacro Manto va recitato per trenta giorni consecutivi (in memoria dei trent’anni di vita vissuti da San Giuseppe con Gesù) ed è consigliata una promessa da accompagnare a queste preghiere oltre che, ovviamente, ricevere i Sacramenti in spirito di penitenza e riparazione.

Ricordiamo, tuttavia, che – come affermava sant’Agostino – la preghiera per avere efficacia deve essere detta con fede ed umiltà e non deve chiedere grazie contrarie alla nostra salvezza. Pertanto il Sacro Manto deve essere considerato un mezzo per impegnare San Giuseppe ad ottenerci la grazia dalla Divina Provvidenza che, come un padre giusto e severo, sa cosa è meglio per il bene nostro e della nostra anima. La recita del Sacro Manto ha inoltre l’efficacia di farci aumentare nella fede. A tal proposito santa Teresa d’Avila ha scritto: «Non ho conosciuto persona che gli sia veramente devota [a san Giuseppe] e gli renda qualche particolare servizio, senza che faccia progressi nelle virtù».

Preghiamo dunque con fervore questo grande santo, prendendoLo come modello di padre e lavoratore e onorandoLo non solo in questo mese dedicato a Lui, ma ogni giorno della nostra vita e non esitando di ricorrere a Lui per ogni nostra necessità spirituale e materiale. Il patrono universale della Santa Chiesa saprà come aiutarci. E ricordiamoci sempre ciò che santa Teresa d’Avila scrisse: «Presi come mio avvocato e patrono il glorioso san Giuseppe e mi raccomandai a lui con fervore. Questo mio padre e protettore mi aiutò nelle necessità, in cui mi trovavo e in molte altre più gravi in cui era in gioco il mio onore, la salute dell’anima mia. Ho visto decisamente che il suo aiuto mi fu sempre più grande di quello che avrei potuto sperare. Non mi ricordo, finora, di non averlo mai pregato per una grazia senza averla subito ottenuta. Ed è cosa che fa meraviglia ricordare i grandi favori che Dio mi ha fatto».

Diventiamo, infine, devoti del Suo Sacro Manto e diffondiamolo tra amici e parenti.  San Giuseppe sa come ricompensare i suoi figli devoti.

 

Fonte: sanpiox.it

 


Il Sacro Manto: preghiere (versione più estesa)

INIZIO DEL SACRO MANTO

+ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Gesù, Giuseppe e Maria,
vi dono il cuore e l’anima mia.
Gesù, Giuseppe e Maria,
assistetemi ora e nell’ultima agonia.
Gesù, Giuseppe e Maria,
fate che l’ultimo mio cibo sia la Santa Eucaristia.
Gesù, Giuseppe e Maria,
spiri in pace tra voi l’anima mia.

Ringraziamo la Santissima Trinità per aver esaltato san Giuseppe ad una dignità del tutto eccezionale: Gloria al Padre… (tre volte)

SEQUENZA ALLO SPIRITO SANTO

Vieni Santo Spirito,
manda a noi dal Cielo un raggio della tua Luce.
Vieni padre dei poveri,
vieni datore dei doni,
vieni luce dei cuori.
Consolatore perfetto,
ospite dolce dell’anima,
dolcissimo sollievo.
Nella fatica riposo,
nella calura riparo,
nel pianto conforto.
O luce beatissima,
invadi nell’intimo
il cuore dei tuoi fedeli.
Senza la tua forza nulla è nell’uomo,
nulla senza colpa.
Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido,
sana ciò che sanguina.
Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
drizza ciò che è sviato.
Dona ai tuoi fedeli
che solo in Te confidano,
i tuoi Santi doni.
Dona virtù e premio,
dona morte Santa,
dona gioia eterna.
Croce Amen.

CREDO (SIMBOLO)

Io credo in Dio, Padre onnipotente,
Creatore del cielo e della terra.
E in Gesù Cristo, Suo unico Figlio, nostro Signore,
il quale fu concepito di Spirito Santo,
nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato,
fu crocifisso,
morì e fu sepolto; discese agli inferi;
il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo,
siede alla destra di Dio Padre onnipotente:
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
Credo nello Spirito Santo,
la santa Chiesa cattolica,
la comunione dei santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna.
Croce Amen.

OFFERTA

I. Eccomi, o gran Patriarca, prostrato devotamente innanzi a te. Ti presento questo Manto prezioso e nello stesso tempo ti offro il proposito della mia devozione fedele e sincera. Tutto quello che potrò fare in tuo onore, durante la mia vita, io intendo eseguirlo, per mostrarti l’amore che ti porto. Aiutami, San Giuseppe! Assistimi ora e in tutta la mia vita, ma soprattutto assistimi nell’ora della mia morte, come tu fosti assistito da Gesù e da Maria, perché ti possa un giorno onorare nella patria celeste per tutta l’eternità.

II. O glorioso Patriarca San Giuseppe, prostrato innanzi a te, ti presento con devozione i miei omaggi e incomincio a offrirti questa preziosa raccolta di preghiere, a ricordo delle innumerevoli virtù che adornano la tua santa persona. In te ebbe compimento il sogno misterioso dell’antico Giuseppe, il quale fu una tua anticipata figura: non solamente, infatti, ti circondò con i suoi fulgidissimi raggi il Sole divino, ma ti rischiarò pure della sua dolce luce la mistica Luna, Maria. Glorioso Patriarca, se l’esempio di Giacobbe, che andò di persona a rallegrarsi con il figlio suo prediletto, esaltato sopra il trono dell’Egitto, servì a trascinarvi anche i figli suoi, non varrà l’esempio di Gesù e di Maria, che ti onorarono di tutta la loro stima e di tutta la loro fiducia, a trarre me pure, per intessere in tuo onore questo manto prezioso? O gran Santo, fa’ che il Signore rivolga sopra di me uno sguardo di benevolenza. E come l’antico Giuseppe non scacciò i colpevoli fratelli, anzi li accolse pieno di amore, li protesse e li salvò dalla fame e dalla morte, così tu, o glorioso Patriarca, mediante la tua intercessione, fa’ che il Signore non voglia mai abbandonarmi in questa valle di esilio. Ottienimi inoltre la grazia di conservarmi sempre nel numero dei tuoi servi devoti, che vivono sereni sotto il manto del tuo patrocinio. Questo patrocinio io desidero averlo per ogni giorno della mia vita e nel momento del mio ultimo respiro.
+ Amen.

ORAZIONI

III. Salve o glorioso San Giuseppe, custode dei tesori incomparabili del Cielo e padre putativo di Colui che nutre tutte le creature. Dopo Maria Santissima Tu sei il Santo più degno del nostro amore e meritevole della nostra venerazione. Fra tutti i Santi, Tu solo hai avuto l’onore di crescere, guidare, nutrire e abbracciare il Messia, che tanti Profeti e re avevano desiderato di vedere. San Giuseppe, salva l’anima mia e ottienimi dalla Misericordia Divina la grazia che umilmente imploro [si ricorda la grazia che si desidera ottenere]. Ed anche per le Anime benedette del Purgatorio ottieni un grande sollievo nelle loro pene.
Gloria al Padre… (3 volte)
[oppure, secondo altre versioni: PadreAveGloria]

O San Giuseppe, difendi la Santa Chiesa da ogni avversità e stendi su ciascuno di noi il tuo patrocinio.

IV. Potente San Giuseppe, che sei stato dichiarato patrono universale della Chiesa, t’invoco fra tutti i Santi, quale fortissimo protettore dei miseri e dei poveri e benedico mille volte il tuo cuore, sempre pronto a soccorrere ogni sorta di bisogni. A te, caro San Giuseppe, fanno ricorso la vedova, l’orfano, l’abbandonato, l’afflitto, ogni sorta di sventurati. Poiché non c’è dolore, angoscia o disgrazia che Tu non abbia pietosamente soccorso, degnati, per i doni che Dio ha messo nelle tue mani, di ottenermi la grazia che ti domando [si ricorda la grazia che si desidera ottenere]. E voi, anime sante del Purgatorio, supplicate San Giuseppe per me.
Gloria al Padre… (3 volte)
[oppure: PadreAveGloria; oppure:L’Eterno riposo… (tre volte), Gloria]

O San Giuseppe, difendi la Santa Chiesa da ogni avversità e stendi su ciascuno di noi il tuo patrocinio.

V. A tante migliaia di persone che ti hanno pregato prima di me hai donato conforto e pace, grazie e favori. La mia anima addolorata non trova riposo in mezzo alle pene che la tormentano. Tu o caro Santo, conosci tutti i miei bisogni, prima ancora che li esponga con la preghiera, sai quanto mi è necessaria la grazia che ti domando [si ricorda la grazia che si desidera ottenere]. Per questo ti supplico sotto il grave peso che mi opprime. Nessun cuore umano potrebbe comprendere le mie pene; e se pure trovassi compassione presso qualche persona caritatevole, essa non mi potrebbe aiutare. A te, o San Giuseppe, ricorro e spero che non mi vorrai respingere, poiché Santa Teresa ha detto e ha lasciato scritto nelle sue memorie: “Qualunque grazia si domanda a San Giuseppe verrà certamente concessa”. O San Giuseppe, consolatore degli afflitti, abbi pietà del mio dolore e porta verso la luce divina e la felicità le anime sante del Purgatorio, che tanto sperano dalle nostre preghiere.
Gloria al Padre… (3 volte)
[oppure, secondo altre versioni: PadreAveGloria]

O San Giuseppe, difendi la Santa Chiesa da ogni avversità e stendi su ciascuno di noi il tuo patrocinio.

VI. O eccelso Santo, sposo di Maria e padre putativo di Gesù,
per la tua perfettissima obbedienza a Dio,
abbi pietà di me.
Per la tua santa vita piena di meriti,
esaudiscimi.
Per il tuo carissimo nome,
aiutami.
Per il tuo clementissimo cuore,
soccorrimi.
Per le tue sante lacrime,
confortami.
Per i tuoi dolori,
abbi compassione di me.
Per le tue allegrezze,
consola il mio cuore.
Da ogni male dell’anima e del corpo,
liberami.
Da ogni pericolo e disgrazia,
preservami.
Con la tua santa protezione,
assistimi.
Quello che mi è necessario,
procurami.
La grazia di cui ho particolare bisogno,
ottienimi.
O San Giuseppe, ascoltami.
O San Giuseppe, esaudiscimi.
O San Giuseppe, abbi pietà di me.

Gloria al Padre… (3 volte)
[oppure, secondo altre versioni: PadreAveGloria]

O San Giuseppe, difendi la Santa Chiesa da ogni avversità e stendi su ciascuno di noi il tuo patrocinio.

VII. O glorioso San Giuseppe innumerevoli sono le grazie e i favori che tu ottieni per i poveri afflitti. Ammalati di ogni genere, oppressi, calunniati, traditi, abbandonati, miseri bisognosi di pane o di aiuto, implorano la tua regale protezione e vengono esauditi nelle loro preghiere. Non permettere, carissimo San Giuseppe, che io sia il solo, fra tanti beneficati, a non essere esaudito. Mostrati potente e generoso anche verso di me, ed io, con gratitudine, esclamerò: “Viva in eterno il glorioso Patriarca San Giuseppe, mio grande protettore e particolare liberatore delle anime sante del Purgatorio!”.
Gloria al Padre… (3 volte)
[oppure, secondo altre versioni: PadreAveGloria]

O San Giuseppe, difendi la Santa Chiesa da ogni avversità e stendi su ciascuno di noi il tuo patrocinio.

VIII. O eterno Padre, Dio,
per i meriti di Gesù e di Maria, degnati di accordarmi la grazia che imploro [si ricorda la grazia che si desidera ottenere]. A nome di Gesù e di Maria, mi prostro riverente alla Tua divina presenza e Ti prego devotamente di accettare la mia ferma decisione di perseverare nella schiera di coloro che vivono sotto il patrocinio di San Giuseppe. Benedici quindi il prezioso manto, che io oggi dedico a lui quale pegno della mia devozione.
Gloria al Padre… (3 volte)
[oppure, secondo altre versioni: PadreAveGloria]

PIE SUPPLICHE

in ricordo della vita nascosta di san Giuseppe con Gesù e Maria:

San Giuseppe, prega Gesù che venga nell’anima mia e la santifichi.
San Giuseppe, prega Gesù che venga nel mio cuore e lo infiammi di carità.
San Giuseppe, prega Gesù che venga nella mia intelligenza e la illumini.
San Giuseppe, prega Gesù che venga nella mia volontà e la fortifichi.
San Giuseppe, prega Gesù che venga nei miei pensieri e li purifichi.
San Giuseppe, prega Gesù che venga nei miei affetti e li regoli.
San Giuseppe, prega Gesù che venga nei miei desideri e li diriga.
San Giuseppe, prega Gesù che venga nelle mie operazioni e le benedica.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù il Suo santo amore.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù l’imitazione delle Sue virtù.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la vera umiltà di spirito.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la mitezza di cuore.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la pace dell’anima.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù il santo timore di Dio.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù il desiderio della perfezione.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la dolcezza di carattere.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù un cuore puro e caritatevole.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la grazia di sopportare con pazienza le sofferenze della vita.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la sapienza delle verità eterne.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la perseveranza nell’operare il bene.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la fortezza nel sopportare le croci.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù il distacco dai beni di questa terra.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù di camminare per la via stretta del cielo.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù di essere libero da ogni occasione di peccato.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù un santo desiderio del Paradiso.
San Giuseppe, ottienimi da Gesù la perseveranza finale.
San Giuseppe, non mi allontanare da te.
San Giuseppe, fa’ che il mio cuore non cessi mai di amarti e la mia lingua di lodarti.
San Giuseppe, per l’amore che portasti a Gesù aiutami ad amarlo.
San Giuseppe, degnati di accogliermi come tuo devoto.
San Giuseppe, io mi dono a te: accettami e soccorrimi.
San Giuseppe, non mi abbandonare nell’ora della morte.
Gesù, Giuseppe e Maria vi dono il cuore e l’anima mia.
Gesù, Giuseppe e Maria, assistetemi ora e nell’ultima agonia.
Gesù, Giuseppe e Maria, spiri in pace tra Voi l’anima mia.

Gloria al Padre… (3 volte)
[oppure, secondo altre versioni: PadreAveGloria]

IX. San Giuseppe carissimo, accetta questa mia supplica e disponi il mio spirito e la mia mente affinché sappiano accogliere con totale disponibilità la grazia [si ricorda la grazia che si desidera ottenere] che certamente mi giungerà per mano tua. Converti la mia vita, ti prego.

INVOCAZIONI A SAN GIUSEPPE

X. Ricordati, o purissimo sposo di Maria, o caro mio protettore San Giuseppe, che mai si udì aver alcuno invocato la tua protezione e chiesto il tuo aiuto senza essere stato consolato. Con questa fiducia io mi rivolgo a te e a te fervorosamente mi raccomando. O San Giuseppe, ascolta la mia preghiera, accoglila pietosamente ed esaudiscila.
Amen.

XI. Glorioso San Giuseppe, sposo di Maria e padre verginale di Gesù, pensa a me, veglia su di me. Insegnami a lavorare per la mia santificazione e prendi sotto la tua pietosa cura i bisogni urgenti che oggi affido alle tue sollecitudini paterne. Allontana gli ostacoli e le difficoltà e fa’ che il felice esito di quanto ti chiedo sia per la maggior gloria del Signore e per il bene dell’anima mia. E in segno della mia più viva riconoscenza, ti prometto di far conoscere le tue glorie, mentre con tutto l’affetto benedico il Signore che ti volle tanto potente in cielo e sulla terra.
Amen.

LITANIE DI SAN GIUSEPPE

[qui il testo in latino. Segue il testo in italiano:]

Signore, pietà.
Signore, pietà.
Cristo, pietà.
Cristo pietà.
Signore, pietà.
Signore pietà.

Cristo, ascoltaci.
Cristo ascoltaci.
Cristo, esaudiscici.
Cristo esaudiscici.

Padre celeste, Dio,
abbi pietà di noi.
Figlio redentore del mondo, Dio,
abbi pietà di noi.
Spirito Santo, Dio,
abbi pietà di noi.
Santa Trinità, unico Dio,
abbi pietà di noi.

Santa Maria, prega per noi.
San Giuseppe, p.
Ìnclita prole di Davide, p.
Luce dei Patriarchi, p.
Sposo della Madre di Dio, p.
Custode purissimo della Vergine, p.
Tu che nutristi il Figlio di Dio, p.
Solerte difensore di Cristo, p.
Capo dell’Alma Famiglia, p.
O Giuseppe giustissimo, p.
O Giuseppe castissimo, p.
O Giuseppe prudentissimo, p.
O Giuseppe obbedientissimo, p.
O Giuseppe fedelissimo, p.
Specchio di pazienza, p.
Amante della povertà, p.
Esempio agli operai, p.
Decoro della vita domestica, p.
Custode dei vergini, p.
Sostegno delle famiglie, p.
Conforto dei sofferenti, p.
Speranza degli infermi, p.
Patrono dei moribondi, p.
Terrore dei demòni, p.
Protettore della Santa Chiesa, p.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
perdonaci, o Signore.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
esaudiscici, o Signore.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.

Prega per noi, San Giuseppe,
affinché siamo resi degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo.
Dio, che con ineffabile provvidenza ti degnasti scegliere il Beato Giuseppe a Sposo della tua Madre Santissima, fa che mentre lo veneriamo protettore in terra, meritiamo d’averlo intercessore in Cielo. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

CHIUSURA DEL SACRO MANTO

e atto di consacrazione.

Glorioso Patriarca San Giuseppe, posto da Dio a capo e custode della più santa tra le famiglie, degnati di custodire dal Cielo l’anima mia, che chiede di essere posta sotto il tuo manto.
Io, da ora ti scelgo come padre, protettore e guida, e pongo sotto la tua speciale custodia la mia anima e il mio corpo, quanto ho e quanto sono, la mia vita e la mia morte.
Guardami come figlio tuo e difendimi da tutti i miei nemici visibili ed invisibili; assistimi in tutte le necessità; consolami nelle amarezze della vita, ma soprattutto nell’agonia della morte.
Rivolgi una parola per me a quell’amabile Redentore, che Bambino tenesti in braccio, e a quella Vergine gloriosa di cui fosti dilettissimo sposo. Ottienimi quelle benedizioni che tu vedi essere utili al mio vero bene, alla mia eterna salvezza, e io farò di tutto per non rendermi indegno del tuo speciale patrocinio.
+ Amen.

+ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

È infine possibile — sebbene non sia strettamente parte del Sacro Manto — recitare anche la Supplica composta da Papa Leone XIII e allegata alla sua Enciclica Quamquam pluries.

Giuseppe, di Maria Sposo diletto,
alla mia morte il vostro aiuto aspetto!
Giuseppe, Santo Sposo di Maria,
siate sempre in mia compagnia!

«San Giuseppe fu l’artigiano più santo, dopo l’artigiano Dio, Gesù Cristo. Lavorò molto, lavorò bene, secondo coscienza, leale, con purità di intenzione, sempre con Gesù, in unione interna con Lui» [san Leonardo Murialdo, Scritti].

 

Fonte: preghiamo.org

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.