a cura di Luca Fumagalli

Una selezione di cinque film da godersi da soli o in famiglia in occasione della Pasqua. Si tratta di pellicole molto diverse tra loro che, però, affrontano temi comuni quali il sacrificio (a partire da quello supremo di Cristo), l’amicizia e l’amore. Cinque perle assolutamente da non perdere!

La_passione_di_Cristo

La passione di Cristo (Mel Gibson, 2004)

Ormai un classico della cinematografia cattolica, il film di Mel Gibson si concentra sulle ultime dodici ore di vita di Gesù Cristo, dall’arresto nell’Orto degli Ulivi, al processo sommario, dalla sua atroce flagellazione, fino alla morte in croce e alla risurrezione. La passione di Cristo è un’intensa storia di coraggio e sacrificio che, grazie alla sensazionale fotografia e alle coraggiose scelte registiche, raggiunge un superbo livello stilistico.

la-fabbrica-di-cioccolato

La fabbrica di cioccolato (Tim Burton, 2005)

Charlie è un povero bambino che vive con la famiglia e i nonni in una misera catapecchia poco fuori dal centro cittadino. In quei giorni la città è in pieno fermento poiché Willy Wonka, il proprietario della fabbrica di cioccolato locale (nonché la più grande del mondo), ha organizzato un concorso inserendo cinque biglietti d’oro in altrettante barrette di cioccolato. Chi riuscirà a trovare il fortunato biglietto avrà la possibilità di effettuare una visita guidata della fabbrica, da molto tempo chiusa al pubblico e priva di operai, tutti allontanati da Wonka dopo spiacevoli episodi di spionaggio industriale. Tra i vincitori del concorso vi è anche Charlie che, accompagnato dal nonno, inizierà la sua avventura seguendo Wonka nella fantastica fabbrica.

maxresdefault

Castaway on the Moon (Lee Hae-jun, 2009)

Seung-geun è un uomo economicamente sul lastrico, che, appena uscito da una storia andata male, tenta di suicidarsi gettandosi da un ponte di Seul sul fiume Han. L’uomo approda però, ancora vivo, su una piccola isola disabitata. Una volta lì, non sa come chiamare aiuto: non sa nuotare e ha il cellulare scarico. Presto cominciano a salire i morsi della fame, e Seung-geun, costretto oramai a sopravvivere, deve trovare una soluzione. L’isola, inoltre, sembra non essere totalmente disabitata. Una pellicola delicata e commovente che purtroppo non ha goduto di quel successo che avrebbe meritato.

20110063400_F1

La passione (Carlo Mazzacurati, 2010)

Le tragicomiche vicende del regista Gianni Dubois, ex promessa del cinema che, finalmente, dopo anni di faticosi contatti con agenti e produttori senza scrupoli, riesce a ottenere la sua grande occasione: dovrà infatti scrivere e girare un film la cui protagonista assoluta sarà una giovane e popolarissima attrice televisiva. Gianni, però, verrà assalito da una tremenda crisi creativa; ad arrecare ulteriori disagi interverranno una serie di ricatti causati da un problema edilizio nella sua casa in Toscana e che lo porteranno a dover dirigere una sacra rappresentazione della passione di Gesù.

Poster-Cristiada

Cristiada (Dean Wright, 2012)

Il film racconta la resistenza del popolo messicano contro il governo autoritario del sanguinario presidente Plutarco Elìas Calles. Enrique Gorostieta Velarde (Andy Garcia), il più importante stratega militare del Messico anni ’20, è un uomo ateo e scevro da ogni ideologia. Mosso da un profondo ideale di giustizia e amareggiato dalla situazione di repressione in atto nel Paese, decide di mettere il suo genio militare a disposizione del popolo cristiano perseguitato. Con perseveranza e dedizione, il Generale Gorostieta riuscirà a trasformare un gruppo eterogeneo di contadini, studenti ed intellettuali in una forza militare organizzata, capace di bloccare le truppe federali. Sarà tuttavia la profonda umanità di coloro che incontrerà sul suo cammino a fare comprendere come i valori e gli ideali siano la vera fonte del coraggio, anche quando la speranza nella giustizia sembra irrimediabilmente perduta.