Con La Siria e con il suo presidente

ansa - siria - epa03029257 Syrians shout pro-government slogans and wave national flags next to a poster of President Bashar Assad during a rally at Sabe Bahrat square in downtown Damascus, Syria, 09 December 2011. Thousands rallied in Damascus to show their support to President Bashar Assad after he denied in an interview on 07 December that he had ordered his troops to kill or attack civilians protesting against his rule and insisted he did not feel guilty for the bloodshed. In the meantime, opposition said on 09 December that at least six people were killed by Syrian security forces in the restive province of Homs. EPA/YOUSSEF BADAWI

di Geranius

Vogliamo dirlo subito e chiaramente.

Al netto delle ovvie diversità di vedute rispetto al nazionalismo panarabo che costituisce la base ideologica della moderna Siria, del fatto che la Russia sia foziana e scismatica e dell’ovvia estraneità al concetto di “Repubblica islamica” su cui si regge l’odierno Iran, ribadiamo il nostro sostegno alla Repubblica Araba di Siria, al suo presidente Bashar Al Assad e al suo esercito.

Questo in primis per due ragioni ben precise: perché il presidente Assad difende la presenza cristiana in Siria e in Medio Oriente (non certo una cosa da poco di questi tempi) e perché la Siria insieme alla Russia di Putin e a pochi altri costituisce l’esempio sul piano internazionale di un’entità statuale che si oppone nuovo ordine mondiale della finanza internazionale, di Soros e delle invasioni migratorie, di USA e UE e del mondialismo massonico che punta a gettare la sua cappa oscura sull’intero orbe terracqueo.

 

Non sono bastati sette lunghi anni di embarghi, fake news, ignobili assassinii, di tagliagole liberi e democratici, di chiese bruciate, di cristiani massacrati, di ribelli addestrati in Giordania e infiltrati dalla cricca yankee-UE in territorio siriano, secondo i classici metodi della guerra sporca e arruffona degli americani – dati i risultati fallimentari – a piegare la Siria.

Ora i manipolatori e i burattinai, con le loro corti di nani e ballerine dei media di regime, hanno fatto il grande passo, intervenendo direttamente in Siria ma con esiti al momento ridicoli.

La situazione è ovviamente potenzialmente esplosiva e non solo per i rischi di una guerra che coinvolga la Russia, il grande galantuomo della politica internazionale che cerca di calmare gli animi nonostante le volgari provocazioni da bulletti di quartiere di Trump (da cui ci si aspettava di meglio ma, ahimè, sempre di un americano si tratta) & friends.

Quando si passa alle mani o ai missili, il rischio che nella scazzottata o nel conflitto armato venga coinvolto anche chi passa per strada o più di uno stato limitrofo è reale, soprattutto se si tratta di un’entità sionista che sembra non aspettare altro o un paese estremamente diviso al suo interno come il Libano.

I rischi per il paese dei cedri sono tangibili se consideriamo come i leader sunniti siano legati a doppio filo ai sauditi, grandi destabilizzatori della regione mentre gli sciiti e il loro partito di maggioranza Hezbollah siano profondamente coinvolti nel conflitto siriano al fianco del presidente Assad.

 

Confusa resta la situazione dei cristiani, divisi tra chi in modo più lungimirante, passando sopra le malefatte del governo siriano in Libano durante la guerra civile, non può negare che il presidente Assad difenda la presenza cristiana non solo in Siria ma in tutto il Medio Oriente e chi –  insieme al quotidiano francofono L’Orient le Jour che tra un gossip e l’altro sul jet set levantino fa da grancassa alle fake news sulla Siria provenienti dai media allineati – si ostina a pigliarsela con il “cattivone” Bashar mentre, se potessero, i salafisti annidati a Tripoli e nei campi palestinesi farebbero del Libano un califfato.

Va inoltre sottolineato come la grande presenza di armi nel paese, estremamente diffuse dopo la guerra civile, non aiuta di certo in caso di deflagrazioni politiche.

Nella primavera inoltrata di Beirut, tra ragazze truccatissime che affollano locali e centri fitness, ci si prepara per la stagione balneare in arrivo e sembra regnare la calma.

Che la Vergine Santissima e San Charbel proteggano la Siria, il Libano e i cristiani del Medio Oriente.

 

 

6 Commenti a "Con La Siria e con il suo presidente"

  1. #PAOLO   14 aprile 2018 at 4:33 pm

    Grazie per questo articolo, di grande maturità e apertura rispetto ad alcuni lettori- forse io stesso!- che si cullano in un piccolo mondo italiano, anzi italiota. Condivido ogni singola riga di questo articolo. Preghiamo il Santo Rosario, secondo le intenzioni comunicata a Suor Lucia di Fatima “Infine, la Russia si convertirà…il mio Cuore immacolato trionferà”.

    Rispondi
  2. #Pino   14 aprile 2018 at 6:10 pm

    Sono d’accordo con Paolo,condivido ogni parola dell’articolo di Isidoro che in poche righe ha presentato la realtà Siriana.Assad con l’aiuto di Putin è il vincitore sul campo,nonostante mezzo mondo(occidentale)tenti di farlo passare per terrorista senza scrupoli(vedi l’ultima fake news del gas nervino)per poter giustificare gli “attacchi missilistici mirati-chirurgici “…fino a che non la facciano fuori dal vaso colpendo le forze armate russe sul territorio siriano.Allora poi la vedo dura a rimpallarsi la responsabilità del cattivo di turno.
    Noi che crediamo nella potenza della Preghiera e in particolare Il Santo Rosario completo(a scelta una Corona va pregata secondo le intenzioni indicate da Maria a Barbara Ruess di Pfaffenhofen Baviera) che è conosciuto come Il Rosario dell’Immacolata per la protezione personale,famigliare e della nostra Patria;dobbiamo impegnarci affinché questa Pia Pratica si diffonda e sarà in grado di fermare la guerra
    e diminuire il castigo purificatore che inevitabilmente colpirà l’Umanità ostinatamente peccatrice e senza Dio.
    Pino

    Rispondi
  3. #Simone P.B. Ratonhnhaké:ton Connor   15 aprile 2018 at 12:08 am

    aldilà del recente miracolo di Pompei che sembra invitarci a pregare, esprimo il mio disinteresse totale verso quanto sta accadendo, poichè che gli usa e getta, bombardino o meno un presidente dichiaratamente nemico della Fede, che sembra proporsi come un moderno Sala(t)ino del moderno film, Le crociate, e che la Russia, guidata da un massonico Putino sembri farne un caso internazionale e che voglia addirittura chiedere all’Onu di condannare l’atto americano (Onu che” un pontefice presto santo” aveva plaudito e che un nuovo pontefice sembra attaccare chiedendo di abbattere muri e costruire ponti….)……………………………….ops! Scusate….ho avuto un incubo! Ora sono sveglio.

    Rispondi
  4. #bbruno   15 aprile 2018 at 10:30 am

    disinteresse totale anche di fronte alla mancanza della minima dose di buon senso, per la quale, dopo avere bombardato, gli stessi chiedono ora una commissione d’inchiesrta INDIPENDENTE sull’esistenza delle cause che hanno provocato il bombardamento? Tutti uguali, ecche ce ne frega? Gli ammerrikkani – e inglesi e francesi – esenti da ogni contaminazione (giudo)-massonica???? Ma se in Vaticano stesso abbiamo la più alta concrezione di materiale (giudo-)massonico in forma religiosa…. A proposito, nessuno si chiede dove è il Bergoglio detto papa? Non disturbare il manovratore, vero?? Ah già, lui s’incontra coi vescovi cileni…

    Rispondi
  5. #Domenico   1 maggio 2018 at 9:49 pm

    La Siria potrebbe essere l’innesco della terza guerra mondiale nucleare.

    Rispondi
    • #lister   2 maggio 2018 at 7:28 pm

      Also sprach Zarathustra… o Cassandra? 😀 😀

      Rispondi

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.