Nuove rivelazioni, clima incandescente a Reggio: il comunicato del gruppo di preghiera-riparazione

zre2

Stamattina alla casella email di Radio Spada è arrivato il comunicato del “Gruppo di preghiera-riparazione 20 maggio” sui noti fatti in corso a Reggio Emilia, il testo contiene molte informazioni interessanti. Prima di riprodurlo, gli articoli precedenti sulla vicenda:

  1. ‘Conservatori’? Il vescovo Camisasca (Reggio E.) in visita dai ‘cristiani LGBT’
  2. Quale verità vi farà liberi? Ovvero: cosa sta per accadere nella parrocchia omofila visitata da mons. Camisasca
  3. A Reggio E. la diocesi a un bivio: o con i ‘cristiani LGBT’ o con i cattolici. Ma la scelta sembra già fatta
  4. Cosa si muove dietro la ‘veglia’? Dalle immagini blasfeme di Progetto Gionata all’adesione di Arcigay

[RS]

Alla luce di quanto emerso in questi giorni attraverso la stampa (locale e nazionale) e sul web, è doveroso chiarire alcuni aspetti facendone emergere altri:

1. Il Gruppo di Preghiera “20 maggio” conferma tutti i propositi espressi nel primo comunicato, in particolare la veglia di riparazione sulla quale saranno forniti ulteriori dettagli tecnici e logistici prossimamente.

2. L’adesione e l’appoggio dei rappresentanti di Arcigay alla “veglia anti-omofobia” del 20 maggio a Regina Pacis conferma l’impostazione a stampo omosessualista dell’evento organizzato da don Paolo Cugini.

3. Il titolo dell’articolo del Carlino di ieri a proposito di questa vicenda attribuiva a don Cugini le seguenti parole: “Il vescovo ha detto che la Chiesa accoglie i gay”. Non è specificato però come e a quali condizioni li possa accogliere. Nell’articolo summenzionato, che riporta sia le parole di don Cugini che quelle del Presidente di Arcigay, questi ultimi due paiono essere gli interpreti di Sua Eccellenza Mons. Massimo Camisasca.

4. Ci teniamo a precisare che don Paolo Cugini collabora attivamente con “Progetto Gionata”, portale che si occupa di “cristiani LGBT”.
Possiamo dichiarare questo con estrema sicurezza per due semplici ed evidenti motivi:
-nel suo Blog, don Paolo cita il portale “Progetto Gionata” in un recente articolo con le seguenti parole: “Come ricorda il PROGETTO GIONATA, che è il portale di fede e omosessualità in Italia, “le veglie per un mondo senza omotransfobia sono una consuetudine (…)”.
– La locandina divulgativa per la veglia “anti-omofobia” del 20 maggio è una locandina standard fornita proprio dal portale LGBT, personalizzabile in tutte le città che aderiscono all’iniziativa inserendo i giusti riferimenti logistici (si veda allegato).

5. Detto ciò, occorre porsi un improcrastinabile interrogativo: cos’è veramente “Progetto Gionata? La risposta non può altro che essere la seguente: un sito  formato da quei “gruppi Lgbt che rifiutano e irridono la dottrina della Chiesa” attraverso immagini sacrileghe e blasfeme. In allegato ne segnaliamo solo alcune di esse, da noi censurate per l’indegno scandalo  che creano nelle coscienze.
Interpretazione: don Cugini avalla la blasfemia appoggiando e collaborando con chi irride la Chiesa e il Suo insegnamento. Questa non è questione di estremismo o simili e banali etichette, ma è questione di buon senso e di fedeltà al Cattolicesimo a cui un prete, prima di tutti, dovrebbe essere chiamato guardando al suo ministero. La dimensione non si pone su un terreno laico, ma su un ambito che riguarda la Chiesa, dove ci sono gli insegnamenti e un Magistero che non può essere violato.

6. La presenza della “pastora” Lidia Maggi è la postilla a quanto detto sino ad ora: il pastore Raffaele Volpe, presidente dell’Unione cristiana evangelica battista d’Italia (UCEBI), si disse ampiamente soddisfatto riguardo alla legge sulle “unioni civili”. Si può facilmente intuire quale sia il ruolo “simbolico” della Maggi e cosa stia a rappresentare.
7. A proposito di parole edulcorate come “inclusione”, “dialogo”, “pace” e via discorrendo, è bene ricordare che nel 2014 don Paolo Cugini, allora vice-parroco, annullò il giorno prima un incontro delle “Sentinelle in piedi” che era già stato confermato e divulgato, dopo qualche pressione di alcuni attivisti di sinistra e pro-LGBT.

Nota conclusiva: in alcuni articoli di stampa sono state attribuite al portavoce Alessandro Corsini frasi mai pronunciate riguardanti le persone con tendenza omosessuale definite “peccatori che non potrebbero entrare in chiesa”; un controsenso mai riferito che escluderebbe dall’ingresso in chiesa quasi ogni cristiano (che è peccatore). Ci si riferiva piuttosto all’impossibilità di promuovere veglie che non parlino di vera conversione, ovvero allontanamento dal peccato contro-natura che, come insegna il catechismo, grida vendetta al cospetto di Dio.

Ringraziando per l’attenzione, porgiamo cordiali saluti

Gruppo di preghiera-riparazione 20 maggio

5 Commenti a "Nuove rivelazioni, clima incandescente a Reggio: il comunicato del gruppo di preghiera-riparazione"

  1. #francesco   8 maggio 2018 at 9:32 pm

    La condanna degli atti omosessuali non e’ piu’ sostenibile. JDK
    C’e’ bisogno di aggiungere altro?

    Rispondi
    • #Diego   9 maggio 2018 at 2:58 pm

      Se così fosse, non sarebbe più sostenibile nessun tipo di condanna, il peccato non esisterebbe più e la Chiesa Cattolica non avrebbe più ragione di esistere.
      Fra l’altro perché l’usura, il furto e la truffa sarebbero cattolicamente condannabili se non fosse condannabile il ben più grave peccato di sodomia?
      Con quale criterio ci si mette al posto di Dio e si annulla uno dei Suoi Comandamenti?
      E se un gruppo di mafiosi decidesse che è la condanna dell’associazione a delinquere che non è più cattolicamente sostenibile?
      Dio ci ha dato delle Leggi: chi si arroga il diritto di dire quali siano da rispettare e quali no impugna la verità conosciuta e quindi pecca in modo gravissimo.

      Rispondi
  2. #bbruno   9 maggio 2018 at 11:30 am

    Qui non si tratta di Cugini o di Camisasca, o di un infregolato gruppo di ‘cristiani’, dediti al loro giochino, qui si tratta di una intera Combriccola pomposamente chiamatasi ^chiesa^ che l’intera verità su Dio, rivelataci da Gesù Cristo nella sua divina Persona, ha deciso di cosiderare paccottiglia, la Gloria di Dio avendo svenduta sul mercato della bontà di ogni religione e di ogni pensiero e di ogni sentire, e proclamata la Gloria dell’ Uomo come nuova divinità da adorare. A dispetto del Comandamento primo: “Non avrai altro Dio al di fuori di me”, da essa chiesa ormai negato nel nome del principio libertario dell’ Uomo padrone di se setsso, ‘Vietato Vietare’.

    Ma che Iddio della Gloria irrida alle povere erezioni dell’uomo per tentare di essere lui dio, si vede nella sorte miseranda nella quale l’uomo-dio viene a precipitare, preda e vittima delle sue passioni fuori natura: dopo aver “mutata la verità di Dio”, l’uomo muta contestualmente la verità della sua natura: nel rapporto pervertito tra femmina e femmina e maschio con maschio, diviene preda della libidine,ricevendo in se stesso la ricompensa al suo traviamento, la consunzione di se stesso” ( cfr. Rom.1)

    Rispondi
  3. #francesco   9 maggio 2018 at 6:19 pm

    Ho postato il commento per condividere lo sgomento che mi ha colto leggendo l’affermazione riportata sopra, detta da persona insignita di berretta rossa, non da un qualsiasi consacrato. Se un principe della chiesa puo’ permettersi di fare certe esternazioni, significa che il dialogo col mondo deve venir prima di qualsiasi posizione dottrinale. Ho gia’ visto questa cosa. Era un baratto di trenta denari.

    Rispondi
    • #bbruno   9 maggio 2018 at 7:48 pm

      scusa #francesco se insisto: consacrati questi qui???consacrati dal mondo al servizio del mondo…Meravigliarsi ancora del loro atteggiamento, solo per una berretta rossa cacciata in testa, equivale a cadere nel loro inganno. Lasciamoli al diavolo, se tanto ci tengono. I Principi della Chiesa sono altra cosa, questi sono SGUATTERI nella cucina dei Principi di questo mondo!

      Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.