[VITA EST MILITIA] Barone Ermanno Kanzler, comandante generale dell’esercito pontificio

Nota di Radio Spada; continua oggi, durante l’Ottava dell’Ascensione (festa di Sant’Ubaldo), questa rubrica radiospadista che durerà sino al compimento dell’Ottava di Pentecoste, dedicata all’esercizio del cattolicesimo militare e ai grandi condottieri cattolici. L’organizzazione della rubrica che ha richiesto circa tre mesi di lavoro (e della concomitante “esposizione” all’Università Cattolica del Sacro Cuore) è stata a cura di Carlo “Charlie” Banyangumuka, Mattia Spaggiari e Piergiorgio Seveso. A voi tutti, amati lettori, dall’intera redazione di Radio Spada l’augurio di un santo periodo pasquale. Buona lettura!

 Hermann Kanzler

Nato nei pressi di Weingarten, nella regione tedesca del Baden, il 28 marzo 1822, Hermann era figlio di Max Anton, impiegato nell’Amministrazione Fiscale del granducato di Baden.
Trovandosi particolarmente a suo agio in uniforme, si arruolò nei Dragoni di Karlsruhe, dai quali, nel 1843, rassegnò le dimissioni.
Entrato fra le fila papaline ufficialmente nel 1845,col grado di Capitano, diede subito prova del suo valore contro i cugini austriaci nel primo conflitto che oppose Sardegna e Vienna (1848). Fu operativo anche nel 1859 quando, nominato  colonnello del primo reggimento dell’esercito pontificio, si adoperò per proteggere il Patrimonio di San Pietro dalle mani dei massoni, dei liberali e degli anticlericali che battevano bandiera Savoia. Durante queste battaglie, svoltesi nei settori di Ancona e Pesaro, fu notato da un altro graduato dal comandante in capo il francese Christophe de La Morcière che nominò il Kanzler generale delle armate pontificie. Alla morte del francese, nel 1865, ottenne la carica di comandante in capo e proministro della guerra nello Stato Pontificio.
Fu durante le ultime fasi delle guerre d’invasione dei Savoia che diede grandissima prova delle sue capacità. 
Oltre ad organizzare la resistenza e la difesa di Roma, grazie anche al corpo degli Zuavi Pontifici (eredità di La Morcière), fu protagonista, il 3 novembre 1867, del grandioso trionfo a Mentana dove i suoi cinquemila uomini misero in fuga i garibaldini, catturandone vivi più di mille. Fu presente, in prima linea, alla difesa di Roma: nonostante le forze soverchianti e il tradimento, i suoi combatterono con onore, mostrando al mondo che lo Stato pontificio cessava di esistere in seguito a violenta invasione militare.
Dopo l’usurpazione del potere temporale da parte di casa Savoia, divenne barone, si imparentò con la casa romana dei Vannutelli, sposando la giovane Laura, e rimase proministro, anche se in forma simbolica, delle armate papali. Ebbe anche un figlio, Rudolf von Kanzler, destinato a divenire il più grande archeologo ed esperto della Roma antica.
Hermann morì il 6 gennaio 1888, carico di meriti.
A causa dell’estinzione della sua famiglia, e per l’odio inveterato dei massoni, la sua tomba ha giaciuto per lunghissimo tempo in abbandono, semi sconosciuta, nel cimitero del Verano a Roma.
 

San Kaleb di Axum

Sant’Alfredo re del Wessex

Sant’Olaf il coraggioso

San Ladislao d’Ungheria

San Erik IX Re di Svezia

San Luigi IX Re di Francia

San Giorgio

Giuseppe Sanchez del Rio

Enrico II il Pio duca di Slesia

Giovanni di Gothia

Costantino il Grande

Teodosio il Grande

Costantino XI Paleologo

Vardan Mamikonian

Cardinal Fabrizio Ruffo

Cardinale Bertrando del Poggetto

Assalonne di Lund

Ugo de’ Pagani e Goffredo di Sant’Omero

Eraclio Imperatore di Bisanzio

Carlo Magno

Ottone il Grande

Artù Pendragon

Baldovino IV Re di Gerusalemme

Pelagio delle Asturie

Mattia Corvino re d’Ungheria

Giovanni III Sobieski

Carlo III di Scozia

Carlo Martello, Maggiordomo di palazzo

Matilde di Canossa, viceregina d’Italia

El Cid Campeador signore di Valencia

Principe Giorgio Castriota Skanderbeg

Principe Carlo Filippo di Schwarzenberg

Principe Raimondo Montecuccoli

Principe Eugenio di Savoja

Don Fernando Alvarez de Toledo, duca d’Alba

Enrico III lo Sfregiato, duca di Guisa

Simone IV di Montfort, duca di Narbona

Daimyo Konishi Yukinaga Agostino

Duca Alberto di Wallenstein

Conte Orlando d’Anglante, paladino di Francia

Luigi Maria de Salgues, marchese di Lescure

Marchese Fernando Cortes

Marchese Francisco Pizarro

Giovanni Tserclaes, conte di Tilly

Feldmaresciallo Giuseppe Radetzky, Governatore del Lombardo-Veneto

 

Rispondi