[VITA EST MILITIA] Feldmaresciallo Giuseppe Radetzky, Governatore del Lombardo-Veneto

Nota di Radio Spada; continua oggi, durante l’Ottava dell’Ascensione (festa di San Giovan Battista Lasalle), questa rubrica radiospadista che durerà sino al compimento dell’Ottava di Pentecoste, dedicata all’esercizio del cattolicesimo militare e ai grandi condottieri cattolici. L’organizzazione della rubrica che ha richiesto circa tre mesi di lavoro (e della concomitante “esposizione” all’Università Cattolica del Sacro Cuore) è stata a cura di Carlo “Charlie” Banyangumuka, Mattia Spaggiari e Piergiorgio Seveso. A voi tutti, amati lettori, dall’intera redazione di Radio Spada l’augurio di un santo periodo pasquale. Buona lettura!

Josef Radetzky

Il Conte di Radetz nacque nel 1766 nel patrio castello di Trebnitz, nella Boemia centrale; rimasto presto orfano di entrambi i genitori, fu affidato alle cure del nonno, che lo iscrisse al Collegio Teresiano di Vienna, dove fu studente non brillante, ma grande appassionato di Storia. A 18 anni entrò nei corazzieri austriaci e già nella guerra russo-turca del 1787-92 (ove l’Austria appoggiò con successo la conquista della Crimea da parte dello Zar) fu nominato ufficiale; tuttavia la sua carriera spiccò il volo durante le guerre napoleoniche: prima ajutante di campo del Maresciallo Melas a Marengo, dove venne ferito, poi capo dello Stato maggiore di Schwarzenberg quando si trattò di studiare il piano tattico di Lipsia; profondamente convinto della bontà dell’Antico Regime, fece tuttavia sue, sistematizzandole, le idee militari di Bonaparte. Nel 1831 divenne comandante dell’esercito imperiale nel Lombardo-Veneto e nel 1836 ricevette la promozione a Feldmaresciallo. Amante della disciplina e grande stratega, fu sempre estremamente prudente e rigoroso nella disposizione tattica. Nonostante ciò, dopo cinque giorni di resistenza, nel 1848 fu costretto ad abbandonar Milano ai rivoltosi per rifugiarsi nel Quadrilatero Verona-Legnago-Mantova-Peschiera, donde riuscirà, dopo le sconfitte di Goito e di Peschiera, a guidar la riscossa delle forze controrivoluzionarie fino alla vittoria di Custoza e all’armistizio di Salasco con Re Carlo Alberto. A poco a poco tutto il castello di carte dei rivoluzionarj fu fatto crollare dal Feldmaresciallo, da Praga a Vienna a Venezia, sino a Roma. Nel 1849 Radetzky sarà decisamente più preparato a fronteggiare il secondo attacco piemontese e vincerà il Savoja a Mortara e a Novara, guadagnandosi dal giovane Imperatore Francesco Giuseppe il Governatorato del Lombardo-Veneto. Governò sempre con pugno di ferro, sempre preoccupato di rafforzar le difese, rimpinguar le truppe, mettere a tacere i fautori dell’opposizione: tuttavia preferì nella maggior parte dei casi l’esilio, le requisizioni ed il carcere alla pena di morte. Morì assai anziano nella Villa Reale di Milano in seguito ad una caduta. Era il 1858: con i suoi stavano per terminare i giorni della vecchia Italia.

 

San Kaleb di Axum

Sant’Alfredo re del Wessex

Sant’Olaf il coraggioso

San Ladislao d’Ungheria

San Erik IX Re di Svezia

San Luigi IX Re di Francia

San Giorgio

Giuseppe Sanchez del Rio

Enrico II il Pio duca di Slesia

Giovanni di Gothia

Costantino il Grande

Teodosio il Grande

Costantino XI Paleologo

Vardan Mamikonian

Cardinal Fabrizio Ruffo

Cardinale Bertrando del Poggetto

Assalonne di Lund

Ugo de’ Pagani e Goffredo di Sant’Omero

Eraclio Imperatore di Bisanzio

Carlo Magno

Ottone il Grande

Artù Pendragon

Baldovino IV Re di Gerusalemme

Pelagio delle Asturie

Mattia Corvino re d’Ungheria

Giovanni III Sobieski

Carlo III di Scozia

Carlo Martello, Maggiordomo di palazzo

Matilde di Canossa, viceregina d’Italia

El Cid Campeador signore di Valencia

Principe Giorgio Castriota Skanderbeg

Principe Carlo Filippo di Schwarzenberg

Principe Raimondo Montecuccoli

Principe Eugenio di Savoja

Don Fernando Alvarez de Toledo, duca d’Alba

Enrico III lo Sfregiato, duca di Guisa

Simone IV di Montfort, duca di Narbona

Daimyo Konishi Yukinaga Agostino

Duca Alberto di Wallenstein

Conte Orlando d’Anglante, paladino di Francia

Luigi Maria de Salgues, marchese di Lescure

Marchese Fernando Cortes

Marchese Francisco Pizarro

Giovanni Tserclaes, conte di Tilly

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.