Siamo uomini o caporali? L’incompatibilità tra leva obbligatoria ed educazione della gioventù

 

Nota di Radio Spada: la proposta del ministro Salvini di reintrodurre la leva obbligatoria in Italia ha ovviamente suscitato interessanti e appassionate discussioni all’interno del mondo cattolico integrale (o generacamente “tradizionalista”) di lingua italiana. Dopo l’intervento di Massimo Micaletti ospitiamo la posizione dell’amico Andrea Fauro sul medesimo tema. Buona lettura! (Piergiorgio Seveso)

di Andrea Fauro

Le recenti dichiarazioni del Ministro dell’Interno Salvini sull’idea di reintrodurre la naja, hanno suscitato da una parte  i gridolini stizziti di pacifisti, radical chic, terzomondisti ecc… dall’altra sono state salutate con entusiasmo da chi, prendendo atto della deriva morale di una parte della gioventù odierna, vede nell’esercito una soluzione alla crisi educativa che con il Sessantotto ha cominciato a propagarsi come un tumore nella società.

Se è facile confutare i piagnistei dei buonisti contrari per partito preso alle armi, all’esercito o alla guerra giusta, merita sicuramente più attenzione chi, ponendosi il problema dello sbando di una generazione figlia  di questa società in putrefazione, cerca un rimedio che in questo caso però è la classica toppa peggio del buco.

Pensare che i genitori debbano delegare allo stato laico, per mezzo delle caserme, l’educazione dei propri figli(che deve essere cristiana, altrimenti non è educazione), è errato.

 

Monsignor Marcel Lefevbre a tal proposito ricordava:

“Quale posto lascia la dottrina della Chiesa allo Stato nell’insegnamento e nell’educazione? La risposta è semplice: tranne per certe scuole preparatorie ai servizi pubblici (…) lo Stato non è né insegnante né educatore.”

 

La mentalità assistenzialista che nutre una pia speranza verso il Leviatano statale per l’educazione della gioventù, è una delle palle al piede che ci portiamo dal colonialismo risorgimentale con la creazione dell’egemonia e del centralismo di stato; prima si spodestavano i padri e le madri dal loro diritto e dovere di educare i figli  con l’introduzione dell’obbligo scolastico nelle scuole laiche… e ora si prova a farlo anche con le caserme.

 

Una società fondata sull’ordine naturale delle cose, è tripartita in sacerdoti, soldati e lavoratori: la leva obbligatoria invece costringe anche chi non ha la vocazione al combattimento, al mestiere delle armi: religiosi, contadini, maestri, medici, artigiani, impiegati, con tutte le conseguenze che si possono immaginare.

 

La leva obbligatoria era una pratica in voga nelle società pagane come la Roma antica;  in epoca moderna, caratterizzò  lo stato di polizia repubblicano che era stato creato in alternativa all’Ancien Regime dopo la Rivoluzione Francese. Anche nella penisola italiana la tirannide liberale durante il sanguinoso processo di unificazione d’Italia, colpì le popolazioni locali con la coscrizione forzata.

 

Questi provvedimenti, essendo contrari al buon senso e alle tradizioni guerriere dei Regni Cattolici, comportarono comprensibili rivolte e diserzioni da parte di quegli uomini che venivano strappati a forza dalle loro terre per andare nelle caserme di uno stato nemico della loro patria e della loro religione.

Nel ‘900 i vari regimi rossi e neri, si sono preoccupati di inquadrare attraverso una disciplina para militare anche bambini e ragazzi. Per limitarci all’Italia, lo stato per mezzo anche dell’Opera Nazionale Balilla, mirava a “fare” quegli italiani  che la Rivoluzione risorgimentale non era riuscita a creare.

 

 La leva obbligatoria è quindi,  quanto di più diseducativo, anticattolico e statalista vi possa essere. L’attuale stato rivoluzionario, ateo e liberale, propagatore di crimini e di immoralità come DAT, aborto, divorzio, unioni civili, contraccezione, ideologia gender, non ha alcuna credibilità nell’educazione della gioventù, né per mezzo delle sue scuole  né per mezzo del suo esercito, con tutto il suo corollario di immoralità, liberalismo, nonnismo, bestemmie, omosessualismo(è di due anni fa la notizia della prima unione contro natura in ambito militare “celebrata” dall’ex Ministro della Difesa Roberta Pinotti[1]) che lo caratterizza.

 

E’ bene ricordare quindi che è  compito della famiglia, non dei generali, di educare i figli. Sono gli sposi uniti nel vincolo del Matrimonio, non i colonnelli, ad avere la grazia di stato per adempiere degnamente al loro diritto e dovere di educare cristianamente la prole. Occorre però istruirsi sui principi e i doveri dell’educazione cristiana e guardarsi dai pericoli delle dilaganti teorie pedagogiche liberali.

 

La madre ha un ruolo fondamentale, specialmente nei primi anni di vita del bambino e per questo è veramente auspicabile che non lavori e si dedichi totalmente al suo sposo e ai suoi figli. Il padre invece deve occuparsi di lavorare per assicurare la sopravvivenza della famiglia, ma anche di dare una disciplina(che spetta a lui, non ai sergenti) e di educare i figli collaborando con la sua sposa, specialmente durante il burrascoso periodo dell’adolescenza.

La famiglia è una società imperfetta quindi è essenziale che si appoggi alla Chiesa che ha il dovere di vigilare per custodire le anime sulla retta via verso il Cielo.

 

Di capitale importanza è anche la scelta di una scuola cattolica tradizionale che dovrà continuare la formazione dell’intelligenza, della volontà e della memoria iniziato in famiglia. La scelta di una scuola cattolica è un preciso dovere, anche a costo di sacrifici, e non un’opzione tra le tante a cui i genitori possono pensare.

 

Per favorire un ritorno dell’ordine e per forgiare il carattere e la volontà dei ragazzi di oggi, non serve quindi l’esercito ma che i genitori, con l’aiuto di Dio, riprendano in pugno il loro ruolo, senza delegare allo stato ciò che non gli compete.

 

[1]http://www.ilgiornale.it/news/politica/pinotti-sposa-due-donne-unioni-civili-anche-ambito-militare-1316287.html

6 Commenti a "Siamo uomini o caporali? L’incompatibilità tra leva obbligatoria ed educazione della gioventù"

  1. #Stefano   17 Agosto 2018 at 6:26 pm

    In quasi tutti i paesi occidentali è stato abbandonato il modello di difesa basato sulla leva obbligatoria e quindi su un esercito di popolo, non di soli professionisti, allo scopo di impedire ai cittadini di potersi rifornire di armi e veicoli in caso di insurrezione. Sulla capacità di uno Stato, attraverso un ipotetico ripristino della leva, di poter contribuire, insieme agli altri enti a ciò preposti, ad educare i cittadini, non mi soffermerei al momento, poiché abbiamo un’altra priorità: la conquista della piena sovranità, da quella monetaria a quella alimentare, da quella dello spazio aereo a quella educativa, etc. Quando saremo finalmente affrancati dai condizionamenti della (dis)unione europea e dell’ €uro, potremo decidere in modo autonomo circa i modelli formativi da adottare; solo allora. Pur condividendo molte cose dell’articolo lo reputo, stando così le cose, un mero esercizio retorico.

    Rispondi
  2. #bbruno   17 Agosto 2018 at 6:43 pm

    qui davvero Salvini ha toppato… Quanto poi ai genitori, che riprendano il loro ruolo di educatori , campa cavallo. Pensando poi alla varietà genitoriale che stiamo mettendo insieme, viene da rabbrividire al pensare a tutte le contraddotorie varianti ‘educative’ che ne derivano…

    Rispondi
  3. #Esdra   20 Agosto 2018 at 8:57 am

    Lo Stato non può pretendere di svolgere un ruolo educativo sui giovani di circa venti anni, già formati, ma addestrare il Popolo alla difesa della Patria si. Credo che l’amor di Patria nutrito da tanti Santi come ad esempio Sant’Agostino d’Ippona, sia un esempio di come la fede e la carità dei credenti, lungi dal pervertirsi in sciovinismo nazionalistico, sia il vero antidoto al buonismo transnazionale e ed alla perdita di identità nazionale, culturale e religiosa propugnata dallo Stato post rivoluzione del 1789.
    Se educheremo i nostri giovani all’amor di Patria, quello vero, che discende dall’amore per le proprie radici culturali e religiose, avremo un argine naturale alla deriva nichilista che affligge la nostra società, sempre più esposta agli assalti dell’identitarismo islamico, pensiero forte destinato a prevalere sul pensiero debole dell’Occidente scristianizzato.

    Rispondi
    • #Neemia   21 Agosto 2018 at 9:21 am

      Sì, ma quale Patria? La mia Patria terrena è il Friuli, ed è l’unica Patria terrena che sono disposto a difendere. Non ho niente a che fare con l’inesistente Italia, una finzione risorgimental-masso-liberale.

      Rispondi
  4. #antonio diano   21 Agosto 2018 at 2:47 pm

    Esdra, sono d’accordo. Ma al presente occorre rifiutare lo stato ateo, nichilista e buonista, quindi anche il suo esercito.
    Badate: ho detto il SUO (dello stato laico e miserevole in cui viviamo) esercito, non L’ esercito. Ci mancherebbe altro. Una società ordinata e cattolica (totalmente altra rispetto a questa) ha nelle sue forze armate una colonna portante.
    Che fare, dunque?
    Bel problema, che non riguarda comunque solo l’esercito. Ad es. mica possiamo fare a meno delle forze dell’ordine, che tuttavia sono comunque al servizio dello stato massonico.
    Il dilemma è grande.
    Io penserei a mantenere forze armate tradizionali professionali affinché non venga meno un minimo di istruzione stricto sensu militare. Ma non la leva.
    Poi Dio, se lo vorrà, potrà metterle al Suo servizio al pari dello stato.
    Abbasso il pacifismo a senso unico, e abbasso la massoneria.
    W le armi gloriose dello stato cattolico Cui dobbiamo tendere).

    Rispondi
  5. #Emilio M.   6 Giugno 2019 at 11:43 am

    La famiglia non esiste più purtroppo, e quelle sane rimaste sono laiche. neocatecumene o altre minoritarie. Le scuole statali resistono imperterrite e indistruttibili. Io noto solo una cosa: le generazioni che la naja l’hanno vissuta, erano divise tra maschi, la stragrande maggioranza, e gay veri (che non hanno fatto il militare, scartati appunto perché tali). Oggi abbiamo ragazzi (quasi la totalità) immaturi, viziati, pronti a provare nuove proposte di esperienze sessuali e pieni di confusione. Questa è la realtà. Si sta tentando di femminilizzare il maschio. E questa di togliere un anno di servizio con il fucile e le marce, mi sembra un escamotage per raggiungere ciò. E ricordo che si poteva scegliere tra servizio militare e servizio civile. Un po di caserma non li ammazza a questi ragazzi cresciuti a pane, PC e TV. Si tratterebbe di un anno e non di una carriera per tutta la vita. E nel caso venissimo aggrediti dai maomettani, saprebbero come si spara.

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.