Filumena Marturano contro l’aborto

Eduardo De Filippo (Napoli, 24 maggio 1900 – Roma, 31 ottobre 1984) scrisse la “Filumena Marturano“, commedia in tre atti, nel 1946. Alla fine del primo atto la protagonista, Filumena Marturano appunto – ex prostituta madre di tre figli e legata da una relazione venticinquennale al ricco don Domenico Soriano – racconta la sua travagliata vita in un toccante monologo – il monologo della Madonna delle Rose – che si manifesta inno semplicissimo e perciò stesso sublime contro l’abominevole delitto d’aborto. Titina De Filippo o (Napoli, 27 marzo 1898 – Roma, 26 dicembre 1963), nel 1951, su richiesta del Medesimo, lo interpretò all’augusta presenza di un commosso Pio XII.

Titina De Filippo nel film “Filumena Marturano” del 1951, tratto dalla commedia.

[…] Era ‘a primma vota! E che ffaccio? A chi ‘o ddico? Sentevo ncapo a me ‘e vvoce d’ ‘e ccumpagne meie: «A chi aspetti! Ti togli il pensiero! Io cunosco a uno molto bravo…» Senza vulé, cammenanno cammenanno, me truvaie dint’ ‘o vico mio, nnanz’ all’altarino d’ ‘a Madonna d’ ‘e rrose. L’affruntaie accussi (Punta i pugni sui fianchi e solleva lo sguardo verso una immaginaria effige, come per parlare alla Vergine da donna a donna): «C’aggi’ ‘a fa’? Tu saie tutto… Saie pure pecché me trovo int’ ‘o peccato. C’ aggi’ ‘a fa’?» Ma essa zitto, nun rispunneva. «E accussi ffaie, è o ve’? Cchiu nun parle e cchiu’a gente te crede? …Sto parlanno cu’ te! Rispunne!» «’E figlie so’ ffiglie! » Me gelaie. Rummanette accussi, ferma. Forse si m’avutavo avarria visto o capito ‘a do’ veneva ‘a voce: ‘a dint’ a na casa c’ ‘o balcone apierto, d’ ‘o vico appriesso, ‘a copp’ a na fenesta… Ma penzaie: «E pecché proprio a chistu mumento? Che ne sape ‘a ggente d’ ‘e fatte mieie? È stata Essa, allora… È stata ‘a Madonna! S’è vista affruntata a tu per tu, e ha vuluta parlà… Ma, allora, ‘a Madonna pe’ parlà se serve ‘e nuie… E quanno m’hanno ditto: “Ti togli il pensiero! “, è stata pur’essa ca m’ ‘ha ditta, pe’ me mettere ‘a prova! … E nun saccio si fuie io a ‘a Madonna d’ ‘e rrose ca facette c’ ‘a capa accussì! ‘E figlie so’ ffìglie!» E giuraie.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.