In Nativitate Domini. Una poesia natalizia di Fra Girolamo Savonarola

Ecco il Messia,
Ecco il Messia
E la Madre Maria.

Venite alme celeste,
Su dagli eterni cuori;
Venite, e fate feste
Al Signor dei signori.
Venga, e non dimori
La somma gerarchia.

Ecco il Messia,
Ecco il Messia
E la Madre Maria.

Venite, Angeli Santi,
E venite suonando:
Venite tutti quanti Gesù Cristo lodando,
E Gloria cantando,
Con somma melodia.

Ecco il Messia,
Ecco il Messia
E la Madre Maria.

Patriarchi, venite
Venite festeggiando,
Levata è via la lite,
Cavato ci ha di bando;
E venite lodando,
La Vergine Maria

Ecco il Messia,
Ecco il Messia
E la Madre Maria.

Venitene, Profeti
Che avete profetato,
Venite tutti lieti:
Vedete che Egli è nato,
E a noi è donato,
Il piccolo Messia.

Ecco il Messia,
Ecco il Messia
E la Madre Maria.

Pastor pien di ventura,
Che state voi a vegliare?
Non abbiate paura;
Sentite voi cantare?
Correte ad adorare
Gesù con mente pia.

Ecco il Messia,
Ecco il Messia
E la Madre Maria.

Voi lo troverete Nato,
Fra il bue e l’asinello,
In vil panni fasciato;
E già non ha mantello.
Inginocchiatevi a Quello,
E a Santa Maria.

Ecco il Messia,
Ecco il Messia
E la Madre Maria.

I Magi son venuti,
Dalla Stella guidati,
Con lor ricchi tributi,
In terra inginocchiati
E molto consolati
Adorando il Messia.

Ecco il Messia,
Ecco il Messia



a cura di Lorenzo Nicola Roselli

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.