Castel Volturno, viaggio nella capitale della mafia nera

Viaggio a Castel Volturno – Negli ultimi trent’anni la città è diventata luogo ideale per il reclutamento delle nuove leve di un esercito sanguinario. Terra di nessuno dove criminalità africana e camorra si saldano tra droga, degrado e prostituzione. E dove persino l’Fbi è venuta a studiare…

Gli ispettori dell’Fbi sono entrati da una porta laterale del palazzo della Procura di Napoli per non dare nell’occhio. Hanno parlato con i magistrati che si occupano di mafia nigeriana a Castel Volturno e nel casertano. Si sono fatti spiegare le tecniche investigative messe in piedi dalla Dda partenopea. Hanno appreso notizie e segreti di una mafia transazionale che ha messo piede anche negli Stati Uniti, che affilia, agisce e delinque con modalità che non hanno uguali al mondo e che miscelano ferocia inaudita, controllo capillare del territorio, senso di appartenenza al clan di tipo massonico.

La visita è avvenuta alcuni mesi fa. Nel riserbo. Inquirenti statunitensi e napoletani si sono scambiati informazioni utili alle loro indagini. Alcune a Napoli sono ancora in corso. Altre sono giunte a sentenza. I pm Ilaria Sasso Del Verme, Giovanni Conzo e Sandro D’Alessio hanno ottenuto pesanti condanne. Merito anche dei pentiti. A cominciare da Christopher Schule, il primo collaboratore di giustizia della mafia nigeriana di Castel Volturno: un affiliato al gruppo degli “Eye” sin dal 2010 che, vestendo i panni del giornalista-infiltrato, ha conquistato la fiducia dei connazionali e ne ha raccolto le confidenze. Ai carabinieri di Grazzanise, agli ordini del maresciallo Luigi De Santis, Schule ha rivelato il giuramento di sangue degli Eye. “Fui introdotto in un’abitazione dove c’erano 12 persone, vi era un agnello a cui fu tagliata la gola. Una di queste persone versò il sangue dell’agnello in un bicchiere di vetro che mi porse, e fece la stessa cosa con altri quattro ragazzi che dovevano essere affiliati con me. Nel mio bicchierecon il sangue, l’officiante mise una mia foto col mio nome scritto sopra assieme alla foto di un’aquila, il simbolo degli “Eye”. Quindi diede fuoco alle due foto e mi fece bere il sangue di agnello insieme ai frammenti bruciati delle foto. Però prima di berne il contenuto mi fece recitare una formula in lingua Benin, Hausa ed inglese che diceva pressappoco così: “I begin not to end I give my power to my self end to use it only in self defense. Ottagni. Senseni, Sampani”. Una formula che in sostanza significa: “Io qui comincio ma senza una fine. Dò il potere a me stesso e per usarlo solo per autodifesa”. Ottagni, Senseni e Sampani sono tre divinità della cultura Voodoo che si evocano, dice il pentito, “per suggellare il giuramento: sono come i guardiani della parola data”.

Quel giorno Schule diventa, e lo sarà per quasi cinque anni, un soldato della mafia nigeriana. Un esercito che combatte per i profitti dello sfruttamento della prostituzione, dello spaccio di droga e dell’introduzione di clandestini, che riduce in schiavitù le donne, che fa letteralmente a pezzi i nemici, come il povero Saba, che si rifiutò di proseguire a spacciare ed a pagare la quota di affiliazione al clan: il suo omicidio avvenne nel 2008 ma è ancora vivo nel ricordo della comunità locale. La droga arriva dal Sudamerica col sistema classico dei corrieri rimpinzati di ovuli pieni di hashish o eroina, incelofanati e termosaldati. Il procedimento la nasconde ai raggi X degli aeroporti, solo una Tac ti può sgamare. Lo stratagemma consente importazioni con numeri da record, che gli inquirenti calcolano in diverse decine di quintali all’anno. Ma ha le sue controindicazioni, è sempre Schule a spiegarlo: “Da un certo Dominic appresi che qualche volta i corrieri sono morti perché l’ovulo si spaccava. Il cadavere di un corriere venne tenuto per parecchi giorni in una casa e fu sezionato a pezzi per recuperare la droga dall’intestino. Fu poi smaltito nei giorni successivi in piccoli pezzi, gettati in mare o nelle campagne. A tutti i presenti fu dato un pezzo con l’onere di disfarsene. Un modo per coinvolgere tutti e per costringere tutti al silenzio”.

Negli ultimi trent’anni Castel Volturno è diventata la città ideale per il reclutamento delle milizie di questo esercito sanguinario. Si può attingere tra i circa 25mila immigrati nigeriani e ghanesi che sfuggono ai controlli dell’anagrafe, che hanno invaso il litorale domizio sfondando le porte delle villette abbandonate dopo il terremoto del 1980, oppure fittando dai “bianchi” un materasso per dormire ammassati in case prive di agibilità, per le quali non si paga l’Imu, e con gli allacci abusivi. Si stipano a decine in dieci metri quadri, su quei materassi luridi e sfondati: per dormirci sopra si pagano 150 euro a persona.

Se l’alternativa è andare a raccogliere pomodori nei campi per 20 euro al giorno, la tentazione di arruolarsi nella mafia nigeriana è fortissima. L’offerta è varia, la mappa dei clan è descritta da Schule con precisione: “Ci sono vari gruppi di associati, antagonisti tra loro: i ‘Black Cats’, gli ‘Eye’ e i ‘Vikins’. I ‘Black Cats’ sono nigeriani ed etnia Ibo, hanno come simbolo un gatto nero con un basco militare, che di solito si tatuano sulla spalla per farsi riconoscere. In altre zone d’Italia ci sono altre cellule, la più grande è a Padova. È un gruppo molto ricco anche grazie ad attività commercialiapparentemente lecite, come bar e supermarket. Comunicano tra loro con le ricetrasmittenti, evitano i cellulari, trattano droga in grandi quantitativi. Mentre gli Eye sono di etnia Benin, ne fanno parte anche ghanesi, spacciano droga al dettaglio e si occupano di tratta di esseri umani. Ai ragazzi e le ragazze che partono dalla Nigeria viene imposto un giuramentovoodoo di fedeltà al loro padrone che troveranno in Europa e che, se tradiranno, saranno uccisi sia loro che i familiari rimasti in Nigeria”.

Schule riempie decine di pagine di verbali. Descrive il carattere transnazionale di una mafia “che ha riferimenti in quasi tutti i paesi d’Europa”. E indica quali. “In Spagna c’è Erik A., in Olanda c’è un tale Osas, in Francia opera tale Wofa, un capo degli ‘Eye’ che si sposta periodicamente tra lì e l’Italia. Ho appreso che c’è un referente degli ‘Eye’ anche in Danimarca e nel Regno Unito, che però non conosco. Sono andato in quasi tutte le loro sedi, saprei condurvi a quelle di Madrid e Barcellona, a Vasco in Portogallo, ad Amsterdam in Olanda, a Parigi, nei pressi di via DeGaulle, a Belfast in Irlanda del Nord, a Copenaghen”. Quando si dice la globalizzazione.

Fonte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.