In Irlanda il 95% dei medici rifiuta l’aborto

Nota: traduciamo di seguito un pezzo di Life News che riporta dati che mostrano come per gli abortisti irlandesi la vita si prevede dura nei prossimi mesi, confermando che, crollata la protezione legale, sono ora i medici, le ostetriche, gli infermieri l’ultima linea di difesa dei concepiti. Non è tutto oro quel che luccica, però: come si può leggere, il diniego di diversi medici non è motivato da ragioni di tutela del concepito, bensì da una attuale inadeguatezza tecnica delle strutture sanitarie a praticare aborti. Possiamo solo sperare e pregare che la violenza e la crudeltà di questa legge, una delle più permissive del pianeta, destino le
coscienze di tutti gli irlandesi affinché riconsiderino la scellerata scelta abortista.

Meno del 5% dei medici in Irlanda ha dichiarato al governo di essere disposto ad abortire bambini non ancora nati.
Gli aborti sono diventati legali il 1° gennaio in Irlanda, ma il 95% dei medici non è disposto a farli, riferisce la Southern Star.
Mentre gli attivisti dell’aborto incolpano la paura delle proteste pro-vita per la mancanza di medici abortisti, la ragione più probabile è che la maggior parte dei medici
non pensa che uccidere un essere umano dovrebbe far parte della professione medica.
Le principali associazioni hanno anche affermato che la legge sull’aborto è stata spinta troppo rapidamente, creando un ambiente “inaccettabile e non sicuro” per le donne in Irlanda. Il dipartimento della sanità irlandese ha detto che 179 medici di base si sono registrati come abortisti, ma circa 30 di loro hanno chiesto che i loro nomi non venissero condivisi attraverso la linea telefonica dell’aborto governativo, secondo il rapporto.
L’Offaly Express riporta che almeno quattro contee non hanno medici per gli aborti: Offaly, Leitrim, Carlow e Slingo.
La nuova legge sull’aborto in Irlanda, che è stata speronata attraverso il parlamento a dicembre, consente di abortire per qualsiasi motivo fino a 12 settimane di gravidanza e fino a sei mesi in un’ampia varietà di circostanze. Costringe inoltre i contribuenti
a pagare gli aborti e costringe gli ospedali cattolici a fornirli. La nuova legge limita strettamente le protezioni di coscienza per i professionisti medici e centinaia di medici e infermieri temono di essere costretti ad aiutare ad abortire i bambini non ancora
nati o a perdere il lavoro.
Si prevede che i primi aborti di bambini non nati in Irlanda si svolgeranno questa settimana. La National Association of General Practitioners, la più grande associazione irlandese di medici di base,
ha affermato che i medici nutrono seri dubbi sulla mancanza di attrezzature e linee guida cliniche poco chiare per gli aborti, riporta Euro News.
“L’Associazione nazionale dei medici generici ritiene che il modo affrettato in cui viene introdotta la cessazione dei servizi di gravidanza sia
inaccettabile e non sicuro”, si legge in un comunicato del mese scorso.

I medici hanno detto che il ministro per la salute, notoriamente abortista, Simon Harris, ha sostenuto l’aborto per ragioni di natura meramente politica.
“Le donne irlandesi non perdoneranno il sistema sanitario, se verrà introdotto un servizio non sicuro, per ragioni di opportunità politica”, hanno detto i medici.
Altri importanti professionisti del settore medico hanno anche affermato che la data di inizio prematura potrebbe mettere a rischio la vita delle donne. Molti
ospedali hanno affermato di non essere pronti per iniziare l’aborto. Indicano la mancanza di macchine a ultrasuoni, linee guida cliniche e personale addestrato
come ragioni per cui il governo dovrebbe ritardare la legalizzazione dell’aborto.I medici hanno anche criticato le linee guida del governo che consentono alle ragazze di età inferiore ai 15 anni di abortire i loro bambini non ancora nati senza
la conoscenza o il consenso dei genitori. Un medico ha accusato il ministro della salute di aver “perduto il buon senso” consentendo questo.
Il Southern Star ha riferito di problemi anche con la linea telefonica dell’aborto del governo questa settimana. Un anonimo ha detto che è stata lasciata in attesa per 45 minuti prima che un addetto alla reception le chiedesse il suo nome e il suo numero
di telefono per riprendere la chiamata in un secondo momento. La donna ha detto che pensava che fosse una violazione della privacy, ma ha comunque lasciato le sue informazioni e poi ha aspettato diverse ore per una chiamata di ritorno. Ha detto che
non l’ha mai ricevuta. Nel frattempo, i sostenitori della vita hanno iniziato
a protestare pacificamente nelle strutture in cui i bambini non nati possono essere abortiti. Lunedì, un piccolo gruppo di persone si è fermato davanti all’ospedale Nostra Signora di Lourdes a Drogheda con
i cartelli che invitano le donne a scegliere la vita per i loro bambini non ancora nati, secondo l’Evening Echo.
“Sono profondamente e profondamente interessato al diritto alla vita di ogni essere umano …” ha affermato l’esponente pro-life Charles Byrne alle notizie locali.
“Siamo qui perché crediamo che gli ospedali debbano essere luoghi di cura attraverso la compassione”. Tuttavia, gli attivisti dell’aborto stanno già chiedendo
che il governo censuri gli appelli pro-vita attraverso l’attuazione di zone cuscinetto attorno alle strutture per l’aborto.

Gli aborti sono diventati legali il 1 gennaio in Irlanda, ponendo fine alle tutele dei diritti umani
dei bambini non nati.

Fonte Life News

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.