Meeting ecumenico in Curia (Piacenza), ospite ebreo stacca dal muro il Crocifisso, che viene nascosto dietro un tv


Riportiamo integralmente dal quotidiano piacentino “La Libertà” la notizia [RS]:

***

Incidente diplomatico in curia, per un crocifisso staccato dal muro da uno degli ospiti ebrei invitati per un convegno interreligioso. L’immagine sacra è stata nascosta dietro un televisore. Sono rimaste al loro posto i ritratti del Papa e del vescovo, che pure indossano una croce pettorale. Gli organizzatori cattolici hanno evitato di polemizzare facendo prevalere l’interesse al dialogo.

Sala gremita per il confronto tra il biblista don Mascilongo e il rabbino Richetti, che poi si è scusato per l’accaduto.

***

La Repubblica – Bologna aggiunge qualche elemento:

***

Ma qualcuno – durante le prove del coro ebraico Col Hakolot – lo ha staccato dal muro riponendolo dietro a un televisore tra cavi polverosi e un termosifone. Ad accorgersene è stato monsignor Pier Luigi Dallavalle, direttore dell’Ufficio per l’ecumenismo, il dialogo interreligioso e i rapporti con l’ebraismo: si è reso conto dell’incidente diplomatico, ma ha deciso di non intervenire.

La rimozione è stata comunque giudicata un gesto eccessivo anche dal rabbino Elia Richetti, intervenuto all’incontro: “Il crocefisso poteva essere lasciato dov’era – afferma – perché quello non era un luogo di culto. Mi dispiace per chi ci è rimasto male, gli sono vicino e lo capisco – prosegue scusandosi Richetti – non era necessario fare una cosa del genere. Lo dirò anche ai membri della comunità ebraica”.

***

Cogliamo l’occasione per ricordare che la Chiesa ha condannato infallibilmete, e a più riprese, ogni forma di sincretismo ecumenico e interreligioso: cliccare qui per approfondimenti.

3 Commenti a "Meeting ecumenico in Curia (Piacenza), ospite ebreo stacca dal muro il Crocifisso, che viene nascosto dietro un tv"

  1. #bbruno   14 Gennaio 2019 at 3:04 pm

    la curia dei BASTARDI… e pensavi che intervenissero??? BASTARDI! Fratelli siamo, dice sempre il Sommo B., e si vede il Gran Rispetto ( e che cosa è la FRATERNIDAD senza il rispetto?) Ma dialoguemos…con chi ti sputa in faccia…

    Rispondi
  2. #pietro pezzini   14 Gennaio 2019 at 3:17 pm

    Quindi se invece fosse stato un luogo di culto, cioè un chiesa, il rabbino avrebbe approvato la rimozione?

    Rispondi
  3. #AlDa   14 Gennaio 2019 at 5:13 pm

    Ovvio che abbiano lasciato al loro posto i pagliacci vaticansecondisti:
    sono solo due poveri atei idioti, invalidamente ordinati(forse solo Bergolgio è, purtroppo, un prete valido) e altrettanto invalidamente consacrati vescovi. Due balordi clown che con il cattolicesimo non c’entrato un tubo, ma anzi lo denigrano e combattono, non possono certo infastidire i tristi esponenti del popolo deicida!
    Quanto al fratello maggiore del clown polacco e dell’emerito bavarese, ha solo fatto esperienza di quel verme che gli rode internamente e che non morrà in eterno, se entro il termine della sua vita non si sarà convertito e avrà baciato e riempito di calde lacrime quel Dio morto in Croce, anche per lui, che ora tanto aborrisce!

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.