Airbnb, per trovarti una casa, chiede di rinunciare a “pregiudizi” verso gender e relativismo

Per trovare una casa non devi avere alcun pregiudizio sulle identità di genere (che come si vede dal form son ben distinte dal sesso e dall’orientamento sessuale) e, di fatto, essere un genuino relativista.

Con frasi nemmeno troppo ambigue è questo ciò che Airbnb pretende da chi, per affittare un appartamento, deve chiedere l’iscrizione alla sua comunità.

Si badi: non bisogna avere “pregiudizi” (o post-giudizi?) nemmeno sulle varie religioni.

Insomma, per avere una casa, se ci troviamo di fronte un sessantenne stempiato che dice di sentirsi una ragazzina delle medie, dobbiamo evitare di contraddirlo?


2 Commenti a "Airbnb, per trovarti una casa, chiede di rinunciare a “pregiudizi” verso gender e relativismo"

  1. #Oswald Cobblepot (the Penguin)   21 Febbraio 2019 at 3:30 pm

    Lentamente, ma inesorabilmente, ci stiamo avvicinando al totale necessario appiattimento verso il Moloch modernista, il quale è disposto a darci tutto quello che chiediamo, vogliamo, desideriamo. Ma a condizione di essere totalmente proni al suo idolo. Probabilmente esagero, ma sento un eco del versetto evangelico (Mt. 4, 9-10): «Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai». Ma Gesù gli rispose: «Vattene, satana! Sta scritto: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto». LJC da Gotham, il Pinguino.

    Rispondi
  2. #lister   22 Febbraio 2019 at 9:59 am

    “o tempora, o mores!”…

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.