“Giornata super tradizionalista”, la stampa reggiana parla ancora del nostro “evento anti-Babele”

Su www.7per24.it un divertente pezzullo sul nostro 25 aprile. E voi, avete prenotato? Occhio, i posti per il pranzo sono limitati! [RS]

Avevano iniziato con la processione anti-gay per le vie del centro di Reggio, il giorno del maxi-corteo per i diritti omosessuali e transgender, ed ora si trovano sempre dalle nostre parti (località a cui evidentemente sono affezionati) per una kermesse antibergogliana. Peraltro il 25 aprile, giorno della Liberazione, a significare che loro si vorrebbero liberare da qualcos’altro, o meglio da qualcun altro. Nientepopodimeno che da quel Papa cui particolarmente loro, di dichiarata devozione e restaurazione cattolica, dovrebbero essere i primi e più ferventi sostenitori.

Sotto lo slogan “25 aprile 2019, mettetevi l’anima in guerra”, gli agguerriti critici di Papa Francesco si ritroveranno alla locanda Sant’Ambrogio di Rivalta per la quinta edizione dell’evento anti-Babele. Sì perché per quelli di Radio Spada, l’attuale Pontefice incarnerebbe proprio quell’ultimo rappresentante diretto di San Pietro descritto dall’Apocalisse di Giovanni, prima della fine della Chiesa e dunque, prima della fine dei tempi.

Nel corso della giornata super tradizionalista sono previsti interventi, dibattiti e anche un mercatino con bancarelle traboccanti – scrivono gli organizzatori – di immagini sacre, agiografia varia, libri nuovi ed usati accuratamente selezionati, oggetti di artigianato cattolico e filmati d’epoca, quelli dei cosiddetti “bei tempi” [questo dettaglio non sappiamo chi l’abbia inventato, ndr].

Il programma della giornata intitolato “La babele dell’era Bergoglio. Crisi nella chiesa, crisi nella società” prevede confronti dall’inequivocabile richiamo tipo: “Vita est militia. Percorsi della rivoluzione e percorsi della restaurazione cattolica”, “Il paradiso può attendere: un percorso guidato dall’apostolato all’apostasia”, “Dall’evangelizzazione al colonialismo. Dalla decolonizzazione all’invasione”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.