Il discorso di san Giovanni da Capestrano che mise in fuga Maometto II

a cura di Giuliano Zoroddu

Caduta Costantinopoli il 29 maggio 1453, il famelico Sultano Maometto II si preparava ad attaccare il Regno d’Ungheria. Si mosse quindi contro Belgrado e, il 4 luglio 1456, la cinse d’assedio con un esercito di quasi centomila uomini.  Nonostante ciò l’esercito cristiano, guidato dai tre Giovanni – san Giovanni da Capestrano (1386-1456), Giovanni Hunyadi reggente d’Ungheria (1407-1456) e il Cardinal Legato Giovanni di Carvajal (1399/1400-1469) – il 22 luglio mise in fuga Maometto II e i suoi soldati. E fu proprio san Giovanni da Capestrano, la spada in una mano e il crocifisso nell’altra, a infervorare un esercito raccogliticcio inculcando loro il valore spirituale della loro guerra con un discorso infuocato

Il Santo si raccolse tutto in Dio, e alzata con la mente la voce al Cielo udissi dire: “Signore, salva il tuo popolo e piovi benedizioni su la tua eredità”. Poscia, quasi rinvenuto in sé stesso, con tenerissime lagrime, che con grand’abbondanza gli grondavan dagli occhi, chiamò più e più volte il Santissimo Nome di Gesù. Aveva egli fatti venir nella piazza i Crocesignati …  “Su – disse – miei fratelli e miei figliuoli, e più che a me, figliuoli a Dio e coeredi di Cristo, difensori della sua Fede, popolo suo eletto: questo è il tempo, questa è l’occasione che tanto voi avete bramata, che v’ha preparata e presentata Iddio: per arrivare a questo pericolo in onore di questa Croce, voi avete lasciate le vostre case, le vostre famiglie, e avete scelto di incontrare piuttosto la morte per la gloria della fede che tutti professiamo, che vivere oziosi e quieti nella vostra Patria. Vi trovate finalmente a fronte con chi ha sparso il sangue dei vostri fratelli, a chi ha rapito loro le sostanze e la vita. Quei che voi vedete là son quei medesimi che fumano ancora del sangue dei Costantinopolitani, quei che han tolto l’onore alle vergini, che hanno immerso il ferro nei bambini, nei vecchi, nei religiosi, nelle matrone, che han diroccati i templi, calpestata la Croce e bestemmiato Gesù. Dio ve li ha qui condotti, acciocché facciate in loro le vendette del suo onore. Li temerete voi, se sono così in odio a Dio, che è il Signore degli Eserciti, il Dio delle Vittorie? … Vi fa impressione il loro numero? Oh se vedeste da quale innumerabile stuolo d’Angeli è circondato questo Vessillo ch’io qui innalzo, ognuno dei quali vuole imitare l’Angelo distruggitore di Sennacherib, voi direste che son troppo pochi costoro per tante spade dell’ira divina, che stanno in atto di vibrarsi contro di loro. Vi raffredda forse il pericolo della morte? Io vi fo torto a richiedervi ciò, e son assicurato che il fine per cui avete abbandonato tutto e vi siete arruolati sotto la Croce non è stato il vincere da bravi soldati, ma di morire da coraggiosi Martiri. Voi sarete e gli uni e gli altri, e Dio in questo giorno vi farà vincitori e nell’eternità premieravvi come Martiri. So io quel che dico e non più tante parole. Gesù, Gesù, Gesù” e al profferire del Santissimo Nome, che fu replicato con dolcissimo insieme e terribile suono da tutto l’esercito, alzata la destra e stesala verso i Turchi, in tono di comando, pronunziò queste parole “Gesù vince, fuggitevene oh nemici”. Voci che furono il principio del trionfo all’esercito cristiano e della totale sconfitta a quello dei Maomettani.

(Tomaso Cataneo, Vita di S. Giovanni da Capistrano Minore Osservante di S. Francesco, Parma, 1691, pp. 142-143)

2 Commenti a "Il discorso di san Giovanni da Capestrano che mise in fuga Maometto II"

  1. #PAOLO   28 Marzo 2019 at 2:23 pm

    bella l’immagine di S.Giovanni da Capestrano; sarebbe bello che le edizioni Radio Spada accludessero anche immagini simili. Molti lettori/clienti gradirebbero questo omaggio.

    Rispondi
  2. #bbruno   29 Marzo 2019 at 10:25 pm

    E oggi ahimè quelli che versano il sangue dei cristiani il papa dei cristiani dice che sono fratelli dei cristiani da loro uccisi, quello stesso papa che dice che dio ha SAPIENTEMENTE VOLUTO – e come no! – sia gli uni che gli altri, chi uccide e chi è ucciso, per fare nel mondo Armonia e Fratellanza!

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.