Papa Francesco sul Congresso delle Famiglie di Verona: bene la sostanza, metodo sbagliato

Il Pontefice sul volo che lo porta in Marocco: «Non mi sono occupato di Verona, ma la risposta del segretario di Stato» — che parlava di accordo sulla sostanza, non sulla modalità — «mi è sembrata equilibrata e giusta»

di Gian Guido Vecchi

«Verona? Non mi sono occupato di Verona. Ho letto…». Sul volo AZ4000 che lo porta a Rabat, Francesco saluta uno ad uno i giornalisti che lo seguono nel viaggio in Marocco e risponde a chi gli chiede del congresso sovranista sulla famiglia: «La risposta del Segretario di Stato mi è sembrata giusta, equilibrata e giusta». Pochi giorni fa, le parole del cardinale Pietro Parolin erano suonate come una presa di distanza: «Siamo d’accordo sulla sostanza, c’è qualche differenza sulle modalità». La «sostanza», naturalmente, è il valore della famiglia, la «bellezza del matrimonio» tra uomo e donna sulla quale si è soffermato Papa Francesco nell’esortazione Amoris laetitia. Ma anche i «modi» e lo «stile» sono qualcosa di essenziale. Oltretevere come alla Cei si spiegava che il tema della famiglia va proposto in senso «positivo e propositivo», mai in modo strumentale e polemico, «contro» qualcuno. Una distanza confermata ora direttamente dal pontefice. Un giornalista, scherzando, ha ritratto la mano davanti al Papa, come nel video di Francesco a Loreto che rifiutava il bacio dell’anello dei fedeli. Francesco ha riso: «Non lo faccio per me ma per loro. Alla fine dei saluti ho la mano bagnata, ci sono tanti germi…».

Francesco è atterrato nella capitale marocchina, sulla costa atlantica del Paese, poco prima delle 14. I temi essenziali del viaggio sono il dialogo con l’Islam («un altro passo» ha detto in aereo, dopo la visita negli Emirati Arabi di inizio febbraio) e l’attenzione ai migranti. «Vengo come pellegrino di pace e di fratellanza, in un mondo che ne ha tanto bisogno», aveva detto nel videomessaggio della vigilia. Accolto da re Mohammed VI, dopo la cerimonia nella Esplanade della Moschea di Hassan e la visita al palazzo reale interverrà assieme al sovrano all’incontro con le autorità e la società civile e andrà poi all’ «Istituto Mohammed VI per la formazione degli imam, predicatori e predicatrici», inaugurato nel 2015 per favorire la crescita di un Islam tollerante. A fine giornata, la visita al centro di accoglienza dei migranti gestito dalla Caritas di Rabat, che assiste ogni anno ottomila persone provenienti in gran parte dall’Africa Subsahariana.

Fonte

3 Commenti a "Papa Francesco sul Congresso delle Famiglie di Verona: bene la sostanza, metodo sbagliato"

  1. #bbruno   31 Marzo 2019 at 5:09 pm

    E dove avrebbe visto, il nostro Ineffabile, il ‘contro’, da quale parte, quella che dice la 194 non si tocca, l’omofobia è una malattia, ma lasciateci, prego, parlare di papa e di mammà… o da quella che dà dei fetenti a chi parla di papa e di mammà, quella che vuole la morte dei medioevi, quella delle TRANSFEMMINIST urlanti ??? o da tutte e due, ma è meglio non compromettersi, magari scegliendo chiaramete il proprio ‘contro’, se lo si ha? Ma no, che il tempo dei ‘Vae vobis!” è finito…E’ tempo ora di promuovere la pace e la fratellanza l’incontro e il baciamiento…

    E poi, il Nostro, si sa, è impaziente; impaziente di vedere l’Euopa piena dei suoi migranti a figliarci a più non posso, e prendersi ogni spazio, e vede male anche il più piccolo movimento di disapprovazione, o velleitario tentativo di ribellione, in corrispondenza d’amorosi sensi con il secondo fronte, di cui sopra (qiello delle Tansfemminist…della sua Bonino e della Cirillààà)…
    Ma comunque, pace, verrà, verrà il modello di famiglia di questi loro protetti, che vengano qui in massa, e che lo facciano godere al fronte dei suoi amici… ! Quando lu maschio dovrà decidere quale bastone -pardon, fazzoletto, o stuzzicadente – usare per educare la mogliettina sua, e i gay li si vedrà volare giù dai tetti, e le adultere – al femminile – finire sotto un mucchio di pietre…
    Ma lui, in fondo, è distratto, non si occupa di Verona, si sta occupando dei suoi fratelli marocchini, rivolgiamoci per il caso Verona al Parolin.., e non disturbiamolo, che i migranti sono lLA priorità, non facciamoli aspettare lì in Marocco, che la loro destinaziome è l’Italia e per questo in marocco è andato… Che cosa tardate, Open Arms Sea Watch Mediterannea e, perché no, Diciotti…?.

    Rispondi
  2. #bbruno   1 Aprile 2019 at 12:36 pm

    (a completamento). Dai giornali oggi si apprende che “Papa Francesco non si è occupato del Congresso mondiale delle famiglie, ma sta per ricevere in Vaticano una delegazione pro Lgbt.” Il Sommo Fariseo persistente e ossessivo e imperversante può spiegarci allora perché la sua presa di distanza da Verona-Famiglia era una questione di “modalità” e non invece di “sostanza”, quella che condivide coi suoi amici, che della natura umana hanno una visione esttamente contro-natura? Un atteggiamento, il suo, perfettamente in linea col suo essere un papa oontro- natura, cioè fuori dai gangheri…! Sgangherato, appunto.. E ripugnante!

    Rispondi
  3. #aasd   22 Aprile 2019 at 1:18 am

    Off topic, ma Sovranista e’ una definizione che non ha senso. La costituzione dice che la sovranita’ appartiene al popolo e che la limitazione di sovranita’ avviene con i trattati internazionali, ottima clausola per fottere l’intero impianto costituzionale, ma non e’ questo il punto: il punto e’ che il sovrano non e’ sovranista in quanto sovrano, e il non sovrano non e’ sovranista in quanto non sovrano. O forse chiamiamo il papa papista?

    Per tornare nel topic, cercare di giustificare razionalmente la condotta di un Papa che in quanto modernista e’ relativista, e in quanto moderno gesuita considera il fine giustificazione dei mezzi, e’ tempo perso. Lasciamolo parlare e la prossima volta chiediamo ai nostri cardinali possibilmente di eleggere, che so, un cattolico. Ammesso che ci sia una prossima volta.

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.